L'Università di Torino chiude le porte a chi non ha il "certificato di antifascismo"

Il rettore: chi usa le nostre aule rispetti i nostri valori. Il Fuan: nessun problema

Torino Il rettore dell'Università di Torino, Stefano Geuna intende vietare gli spazi all'interno dell'Ateneo alle organizzazioni che non sottoscrivono un documento in cui dichiarano di rispettare i principi di «democraticità, libera partecipazione, antirazzismo, antisessismo e antifascismo».

La decisione è stata presa dopo i disordini avvenuti la settimana scorsa al Campus Einaudi e al Rettorato, durante un incontro sulle foibe organizzato dal Fuan - il gruppo universitario vicino a Fratelli d'Italia -, dove sono rimasti feriti in sei tra agenti di polizia, operatori della Digos e guardie giurate. Quindici persone sono state denunciate, tre arrestate per lesioni, resistenza aggravata a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato, ora già scarcerate.

«Era da parecchi anni che non succedevano fatti di questo tipo, che si inseriscono in un quadro cittadino con ripetuti episodi di nazismo e fascismo che hanno preoccupato tutti. L'Università - ha spiegato il rettore Geuna - si pone contro ogni forma di violenza, cercando di agire sul piano culturale e del dialogo».

Da qui la decisione di far firmare, a chi chiede la concessione di un'aula all'interno dell'Ateneo, il Regolamento delle organizzazioni studentesche. Un testo approvato nel 2018, ma che ad oggi non è obbligatorio sottoscrivere. In pratica, il Fuan e le altre organizzazioni oggi presenti all'università sarebbero chiamate a firmare un documento in cui dichiarano, fra le altre cose, di essere antifasciste.

Nella speranza che questo possa evitare il lancio di uova e di pietre da parte dei centri sociali verso chi non è di loro gradimento. Ma che una firma non può risolvere certi episodi di violenza, lo sa bene il delegato alla Comunicazione dell'Università Cristopher Cepernich, che ha ammesso: «La sottoscrizione del Regolamento non risolve tutti i problemi ma firmare un documento dove si indica di essere antifascista crediamo sia importante è un'assunzione di responsabilità».

Non si è fatta attendere la risposta da parte del Fuan: «Non c'è nessun problema a firmare un documento che ribadisca il nostro essere democratici», ha spiegato il presidente Andrea Montalbano -. Da decenni la nostra lista si presenta regolarmente alle elezioni per gli organi di Ateneo, riuscendo anche ad eleggere rappresentanti in tutte le sedi in cui essa è presente. Da sempre - ha concluso - partecipiamo, nonostante i mille tentativi dei soliti noti di chiuderci la bocca, alla vita democratica all'interno dell'Università e gli spazi che utilizziamo, come l'auletta Borsellino al Campus Einaudi, ci sono concessi dall'Università stessa, nel cui Albo delle organizzazioni siamo regolarmente registrati».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

27Adriano

Mer, 19/02/2020 - 09:36

...I nazikomunisti demokratici hanno deciso così. Tra poco, come ai tempi di Hitler, obbligheranno chi non pensa come loro a cucirsi sul vestito un simbolo!!!

venco

Mer, 19/02/2020 - 09:42

Impazziti, i fascisti son finiti 75 annida.

tremendo2

Mer, 19/02/2020 - 09:44

il rettore deve vietare lo spazio soprattutto a quei movimenti che nei fatti inneggiano alla violenza come gli antagonisti e agli eredi ideologici del comunismo stalinista.

paco51

Mer, 19/02/2020 - 09:44

non c'è l'ho e non la voglio!

tremendo2

Mer, 19/02/2020 - 09:45

dovrebbe preoccupare questo fiorire di violenza da brigate rosse che si nasconde dietro l'antifascismo

Tommaso_ve

Mer, 19/02/2020 - 09:48

Faccio notare al Rettore Stefano Geuna, che esiste una Comunità Europea, chiamata UE, che ha emanato la seguente "Risoluzione del Parlamento europeo del 19 settembre 2019 sull'importanza della memoria europea" ed è anche gratis. La legga. Poi si convinca che fascismo e comunismo sono comparati in quanto strumenti di morte. Pertanto se dice "antifascismo" DEVE PER DOVERE STORICO includere anche "anticomunismo". E non faccia lo gnorri...

Giorgio5819

Mer, 19/02/2020 - 09:51

Il comunismo é un cancro sociale, il resto sono metastasi. Minimizzano le loro porcate (tipo foibe) ? ..allora il fascismo non é mai esistito... quindi l'antifascismo é esercizio di prevaricazione gratuita ... PAGLIACCI !!!

Luigi Farinelli

Mer, 19/02/2020 - 10:00

Naturalmente la scusa è che tali provvedimenti "si inseriscono in un quadro cittadino con ripetuti episodi di nazismo e fascismo che hanno preoccupato tutti". Il solito discorso per demonizzare le destre quando, si, di metodi fascisti si tratta, ma rossi, l'unico "fascismo" oggi operante con metodi violenti. La frase corretta sarebbe almeno: "comunismo" a completamento "...episodi di nazismo, fascismo e comunismo..." anche se di Brigate Brune o SS se ne vedono pochine in giro (a parte nella fantasia malata dell' ANPI e nel sinistrume organizzato nelle piazze), molti invece gli scagnozzi violenti con bandiere rosse, sempre tollerati dall'ormai screditata stampa di regime dei cosiddetti "giornaloni", alla frutta e incapaci pure di attaccare gli avversari senza scendere, con i loro attacchi a senso unico, al livello di venditori di cioccolatini per violenti rincretiniti radical scic.

cabass

Mer, 19/02/2020 - 10:01

Il magnifico rettore Stefano Guinea chiede il patentino di antifascismo per parlare dopo che degli antifascisti (kompagni) hanno provocato dei disordini... C'è qualcosa che non torna, come spesso accade quando si (s)parla di "antifasssismo".

al59ma63

Mer, 19/02/2020 - 10:02

....sono l' incarnazione della nuova frontiera totalitaria del 21 secolo, una generazione depensante e ignorante, contro polizia e carabinieri, favorevole alle droghe, vanno a protestare nelle manifestazioni di piazza degli avversari come provocazione( e dio solo sa la calma di questi....) i nuovi FASCISTI-NAZISTI ROSSI o giallorossi, una generazione di autolesionisti che hanno l' imperativo di sopprimere chi non la pensa come loro, pensano che se andranno a fondo DOVRANNO PER FORZA andare a fondo con loro TUTTI gli altri anche...fanno pena, li hanno illusi, hanno assoldato comici per convincerli intanto non si sono resi conto di essere usati come strumenti dal potere che combattono.

Luigi Farinelli

Mer, 19/02/2020 - 10:08

Del resto che la cultura di sinistra occupi i gangli delle istituzioni scolastiche e universitarie è cosa visibile anche agli struzzi abitudinari e ai poveri buonisti, devirilizzati nel cervello a colpi di idelogie femministe e laiciste. Niente di nuovo: alla Sapienza di Roma hanno impedito di parlare a Benedetto XVI che voleva mettere in guardia contro il mondialismo laicista, massonico e globalista dell'ONU mentre al prof Sermonti è stato impedito di presentare il suo libro ("Dimenticate Darwin") perchè comprovante la mancanza di scientificità nella teoria evoluzionista che invece il Pensiero Unico ateo-razionalista (e Piero Angela) ha fatto assurgere a dogma inattaccabile.

aswini

Mer, 19/02/2020 - 10:12

se la regola vale per i regini totalitari vale anche per il COMUNISMO

Tip74Tap

Mer, 19/02/2020 - 10:28

Maestri nell'arte della provocazione. Dovrebbero vergognarsi.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Mer, 19/02/2020 - 10:30

Allora? Ci sono ancora quelli, evidentemente al centro e a destra, che non pensano e non vogliono proprio credere che in Italia, già da tempo, sia in atto una guerra civile strisciante? Gli inquietanti prodromi ci sono tutti. Per credere alle potenzialità distruttive del deterioramento sociale, in atto già da decenni, hanno bisogno di episodi eclatanti? Menti limitate... Scambiano il loro, per ora, tranquillo orticello privato per la misura obiettiva con cui dare un criterio attendibile alle cose reali. Menti limitate...

anna.53

Mer, 19/02/2020 - 10:52

Antifascisti, dunque non conformi all ultimo comportamento antidemocratico e squadrista dei centri sociali, of course, Sig Rettore

Ritratto di 98NARE

98NARE

Mer, 19/02/2020 - 11:14

MOLTO DEMOCRATICO IL RETTORE ROSSO !!!! COMPLIMENTI

VittorioMar

Mer, 19/02/2020 - 11:20

..e' come il certificato Anti MAFIA....lo danno a tutti..a che serve ?

Iacobellig

Mer, 19/02/2020 - 11:31

Le novità non finiscono mai da parte della sinistra che non basta aver rovinato il paese ma vuole vedere gli italiani con le pezze al sedere! Fino a quando c’è gente del genere sporca nell’animo, questo paese resterà limitato e non progredirà.

Viewty

Mer, 19/02/2020 - 11:45

@aswini: No, la regola vale solo per il fascismo. Il comunismo non è un 'regime totalitario', non è semplicemente un'ideologia, è un modello che si contrappone al capitalismo, persegue l'egalitarismo socio-economico e come tale è l'antitesi del totalitarismo. I regimi totalitari e sanguinari del XX secolo autoproclamatisi 'comunisti' sono o sono stati dittature e basta, creati a loro immagine e somiglianza da persone che hanno tradito le idee di Marx e Engels e hanno usato il 'comunismo' per i loro scopi abbietti. E la mia è una considerazione storica, non certo ideologica, non sono un comunista, tenete a freno gli insulti. Quindi la regola non vale, mi spiace per lei, per tutti voi, mi spiace vedere un'Italia che quando avrebbe l'occasione di dimostrare il proprio antifascismo, senza se e senza ma, dovere di ogni cittadino della Repubblica, si perde nella retorica degli 'ismi', come se l'antifascismo avesse un colore politico o fosse un'ideologia, come se ci dividesse, invece di unirci tutti.

silvano45

Mer, 19/02/2020 - 12:10

Succedeva la stessa cosa nel 68 picchiatori rossi pretendevano di dare la patente di democrazia con insulti e pestaggi o peggio.... sono gli stessi che firmarono un vergognoso proclama contro il commissario Calabresi e molti di loro ora sono ai vertici nel paese.Se fosse per loro ripristinerebbero i campi di rieducazione stile Kramer!

effecal

Mer, 19/02/2020 - 12:25

il degno compagno rettore

ciccio_ne

Mer, 19/02/2020 - 12:26

orgogliosamente anti-antifascisti! Inauguriamo una nuova stagione contro gli antifascisti, nuovi usurpatori di libertà!

Nicola48ino

Mer, 19/02/2020 - 12:26

Rettore dovresti chiudere ai centri antisociali ai compagni alla grande maggioranza che da un esame ogni anno oppure voi che siete anti fascisti chiudetevi dentro l'università e buttate la chiave, non se ne accorgerà nessuno.

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 19/02/2020 - 12:38

viewty, solo la prima frase "No, la regola vale solo per il fascismo" basta a chiarire che sei un comunista, però il fatto che lo neghi la dice lunga! il comunismo è stata un dittatura sanguinaria contro la sua gente, oltre che contro gli altri, il fascismo se confrontato al comunismo risulta essere una "marachella" anche il nazismo che fu cosa orribile no è paragonabile al comunismo!

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mer, 19/02/2020 - 15:17

Si chiede al preside dell'Ateneo di lasciare il posto di rettorato e di dedicarsi al sociale invece di etichettare le persone come antifascisti o anticomunisti.

Alessio2012

Mer, 19/02/2020 - 19:09

MA VOLENTIERI! IL FASCISMO E' MORTO DA SECOLI! SUL RAZZISMO INVECE CREDO CHE OGNUNO SIA ANCORA LIBERO DI PREFERIRE LA SUA ETNIA ALLE ALTRE!