Di Maio ministro cinese. Ci danno degli untori e lui corre a difenderli

La propaganda di Pechino vuol mettere la sordina all'emergenza. E il grillino si inchina

Il Covid19 non è stato fabbricato in un laboratorio cinese. Ma che il contagio sia partito dalla provincia di Hubei pare ormai accertato. Così come la «timidezza» iniziale del regime nel condividere con il mondo preziose informazioni su quanto stava accadendo. Ecco perché la Repubblica popolare sta profondendo grandi sforzi propagandistici per cancellare quella parentesi, soprattutto ora che Xi Jinping ha deciso di mandare al mondo il messaggio che da loro l'emergenza è finita, mettendo a tacere i dissidenti che parlano di metodi poco ortodossi per «cancellare» il problema. Pechino ora annuncia addirittura chiusure delle frontiere per evitare contagi di ritorno.

Ogni accostamento alla malattia deve sparire, incluso un tweet del 2018 in cui il China Daily vantava la più grande banca dati di virus dell'Asia: l'Istituto di virologia di Wuhan. Tweet rimosso. E ieri nella videoconferenza dei ministri degli Esteri del G7 si è rischiata la rottura quando gli Usa hanno proposto di denominare «Wuhan virus» il Covid19. La proposta, respinta tra l'indignazione cinese, suona come una risposta al tentativo di Pechino di attribuire il primo contagio a militari americani. Tentativo ripetuto pochi giorni fa quando il Global Times, media che risponde al partito comunista cinese, ha ripreso e distorto una dichiarazione di Giuseppe Remuzzi, direttore dell'Istituto «Mario Negri», per sostenere che il Covid circolava in Italia a novembre, prima che in Cina.

Del resto chi dalla Farnesina dovrebbe smentire certe subdole maldicenze, si è invece trasformato in megafono dei cinesi in Italia, quasi un ministro di Pechino distaccato a Roma. Le foto con il team di medici arrivato in aiuto dalla Cina, l'esaltazione a getto continuo della Via della Seta, ringraziamenti a Pechino quasi quotidiani per l'invio di mascherine spacciate dal Blog delle stelle come gentile omaggio e invece acquistate con un normale appalto.

Ieri il ministro degli Esteri ha detto al Corriere che «la Cina è stata la prima a rispondere». Due giorni fa è corso a smentire il video di un vecchio servizio Rai sugli esperimenti cinesi sui virus che aveva invaso la Rete. «Diffondete le parole degli scienziati» ha arringato Di Maio, archiviando opportunisticamente la storica diffidenza grillina verso la scienza, dalle scie chimiche ai no vax. «Chi ci ha deriso sulla Via della Seta - esultava tre giorni fa l'ex capo politico pentastellato- ora deve ammettere che investire in questa amicizia ci ha permesso salvare vite in Italia». Parole che hanno costretto perfino gli alleati di governo a uscire allo scoperto. «È ingrato nei confronti di tutti i Paesi che stanno aiutando l'Italia», accusava la deputata Pd Lia Quartapelle. E dall'opposizione è arrivata l'interpellanza del responsabile Esteri di Fdi Andrea Delmastro che ha chiesto di fare chiarezza sulla «genuflessione al Dragone» denunciata dal sottosegretario agli Esteri Ivan Scalfarotto, il quale ha anche ricordato che il M5s non si limita ai ringraziamenti, ma ha prodotto una linea morbida dell'Italia in occasione delle violenze a Hong Kong. Tanto più che l'export italiano verso la Cina, come ha segnalato ieri il Foglio, è in calo, alla faccia della Via della Seta, mentre il nostro import di prodotti cinesi cresce. Ora è pressing su Conte perché accerti il livello di influenza di Pechino sul governo. Purché il premier non lo chieda al suo consulente Gunter Pauli, vecchio amico di Beppe Grillo e autore di un appassionato elogio della Cina.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Duka

Sab, 28/03/2020 - 11:14

passare dalle stalle alle stelle è indubbiamente uno shock per il miracolato campano. Ora si è riempito bene le tasche e se fosse anche intelligente oltre la sua furbizia, lascerebbe ad altri molto più preparati ogni incarico, considerando che da segretario del movimento ha fallito come era inevitabile.

dagoleo

Sab, 28/03/2020 - 12:38

ho un amico di scuola di vecchia data che vive e lavora a Shangai. mi ha comunicato da là che le cose ed i numeri che noi conosciamo sui morti di quel paese sono ben diversi da quelli che comunica il regime comunista. specie quelli dei morti. sono molto molto più alti, almeno di 10 volte se non di più. il regime comunista ha dovuto coprire con la censura un fallimento totale del suo sistema sanitario ed i dati che ha comunicato sono per l'appunto censurati per far sembrare che siano riusciti a contenere l'infezione in modo efficace. si forse i numeri degli infetti sono calati molto e sono sotto controllo ma i morti reali sono stati molti molti molti di più di quelli che ci hanno comunicato 3 mila e rotti. balle totali di regime. moltiplicate quel numero per 10 o per 20 almeno....le cifre sotterranee reali che girano tra la gente parlano di 50 mila morti circa. questi sono i dati veri. il resto tutte balle di regime.

poli

Sab, 28/03/2020 - 13:21

fara' la stessa fine di id pietro ITALIA DEI VALORI,una sola stagione e finira' nell'oblio.

Ritratto di guga

guga

Sab, 28/03/2020 - 17:50

Il "deicisivo" autoproclamatosi, segue le orme del capitan Fracassa, che lo punzecchia, ma intanto sta in un limbo tra appoggio e critica al governicchio, pronto a prenderne il posto. Ma con il tre % che c' azzecca?