Mangialardi candidato del Pd alle prossime regionali nelle Marche

Lo ha deciso la direzione regionale dei democratici, che si è svolta a Chiaravalle alla presenza del vicesegretario nazionale Andrea Orlando. Il partito proporrà il sindaco di Senigallia agli alleati di centrosinistra

Maurizio Mangialardi è il candidato del Partito democratico alle prossime regionali nelle Marche. Lo ha deciso la direzione regionale dei democratici, che si è svolta a Chiaravalle alla presenza del vicesegretario nazionale Andrea Orlando. Il nome di Mangialardi, sindaco di Senigallia e presidente dell'Anci Marche, verrà proposto alle forze di centrosinistra, attraverso incontri bilaterali che inizieranno domani.

Mangialardi ha ottenuto 35 preferenze sui 39 presenti al vertice del Pd. Due si sono espressi contro la sua candidatura, uno non ha votato e uno si è astenuto. Come riportano le agenzie, il sindaco di Senigallia ha potuto avere il via libera da un documento di sostegno presentato da una novantina di sindaci marchigiani e dal passo indietro del governatore uscente, Luca Ceriscioli.

Il segretario regionale del Pd, Giovanni Gostoli, ha espresso la sua soddisfazione per la proposta di Mangialardi, messo a disposizione dal partito “per interpretare il civismo del buon governo e del fare che noi abbiamo sul territorio”, ha scritto sulla pagina Facebook del Pd Marche. Secondo Gostoli, i democratici confermano la strada e il percorso tracciato sin dall’inizio, “cioè la nostra disponibilità a costruire una coalizione ampia, aperta alle migliori forze civiche - ha precisato - che sappia rappresentare una fase nuova”. Il segretario regionale ha evidenziato che la sfida alle prossime regionali sarà tra il Pd e la destra e poi ha precisato che correre da soli, significa fare un favore alla destra. Potrebbe sembrare un chiaro riferimento al Movimento 5 Stelle, il quale non pare intenzionato a un accordo con i partiti tradizionali. Almeno stando a quanto ripetono già da molto tempo i vertici nazionali dei grillini.

Anche Andrea Orlando è soddisfatto della proposta Mangialardi perché è stato trovato un grado di unità all’interno del Pd Marche e soprattutto perché il sindaco di Senigallia rappresenta un punto di partenza per allargare la coalizione. Quest’ultimo ha auspicato la nascita di "un nuovo progetto per la regione", in grado di far confluire anche i gruppi civici all’interno della coalizione. Mangialardi ha poi sottolineato che in questi anni la candidatura del Pd è sempre stata in grado di dialogare anche con realtà non organiche al partito. Il presidente dell'Anci Marche ha infine ricordato l'impegno dell'attuale governatore Luca Ceriscioli e il sostegno alla sua candidatura arrivato dai sindaci Valeria Mancinelli e Matteo Ricci.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 02/03/2020 - 15:35

Alle sue spalle il simbolo del comunismo rosso. Non è un caso.