"Me l'ha chiesto Salvini" Tra i candidati sindaco spunta anche Maroni

"Oggi faccio molte altre cose che, nel caso in cui diventassi sindaco, dovrei abbandonare per incompatibilità con il ruolo istituzionale", spiega l'ex ministro dell'Interno a Malpensa24

"Me l'ha chiesto Salvini" Tra i candidati sindaco spunta anche Maroni

Roberto Maroni candidato per il ruolo di sindaco di Varese? Una notizia assolutamente fondata, come ribadisce anche lo stesso ex ministro dell'Interno ai microfoni di Malpensa24."A dire il vero me l’ha chiesto proprio Matteo Salvini a Roma a inizio luglio, prima ancora di dirmi: 'Come stai?'. Gli ho dato la mia disponibilità di massima, ma ci sto ancora pensando".

In realtà per quel ruolo nel centrodestra si trova più di un possibile candidato, ma sarebbero in tanti a chiedere la sua disponibilità a correre per le prossime consultazioni elettorali. Questo nonostante il fatto che proprio la Lega di Varese abbia indicato il nome di Barbara Bison. "Ma no, non è così. Forse il riferimento è a una riunione in sezione della quale si racconta che c’è stata una votazione dei militanti sul possibile candidato", spiega Maroni. "Ma non è andata così. Sappiamo come vanno le cose nei partiti".

Tutto sarebbe nato dopo un incontro col leader del Carroccio avvenuto a Roma nei primi giorni di luglio. I due non si vedevano da tempo, ma Salvini sarebbe passato subito alla proposta: "Chi candidiamo a Varese? Non abbiamo nessuno. Tu lo faresti?". Una scelta che comporterebbe delle conseguenze e sulla quale l'ex governatore della Lombardia sta ancora riflettendo, come ammette allo stesso giornalista."L’ho detto, ho dato la mia disponibilità. Però è chiaro che ci devo pensare. Oggi faccio molte altre cose che, nel caso in cui diventassi sindaco, dovrei abbandonare per incompatibilità con il ruolo istituzionale. Insomma, devo smettere di dedicarmi a ciò che comunque mi piace".

Le malelingue nel Carroccio sosterrebbero che ormai a Salvini, tanto impegnato sul fronte nazionale, non importi più di tanto riuscire a vincere a Varese. "Balle. Salvini vuole vincere a Varese e mi ha chiesto se sono disposto a candidarmi. A lui Varese interessa. Poi è vero, c’è qualcuno che in maniera maliziosa sostiene il contrario, ma posso assicurare che non è così", dichiara ancora Maroni, il quale tuttavia sottolinea la necessità di non sottovalutare il candidato con cui dovrà confrontarsi chi vorrà ambire alla poltrona di sindaco. "Io sento, anche dentro la Lega, chi dice che 'Galimberti non ha fatto niente', che 'Varese, rispetto all’amministrazione Fontana è peggiorata'. Ecco, io invece non sottovaluto Galimberti, prima di tutto perché è il sindaco uscente. Farlo sarebbe un errore".

Nonostante che dai suoi discorsi possa evincersi una scelta già fatta, Maroni dichiara di voler prendere tempo per decidere. "Sia chiaro, personalmente credo di essermi già preso nella vita qualche soddisfazione e quindi non sono in cerca di qualcosa per fare carriera politica. È vero, sono tentato dal candidarmi, come è vero che devo pensarci con attenzione e che, alla fine, chi deciderà è il consiglio nazionale e federale", ribadisce in conclusione.

Commenti