Di Matteo inchioda Bonafede: "Le scarcerazioni segnali ai boss"

Di Matteo: "Bonafede mi propose direzione Dap, io non ho avuto dubbi ad accettare". Poi il ministro avrebbe fatto dietrofront: "Mi disse che su un altro incarico non c'erano dinieghi"

Spuntano nuovi particolari sul caso della mancata nomina di Nino Di Matteo alla guida del Dap. Il consigliere del Csm ha raccontato la sua versione dei fatti in Commissione parlamentare Antimafia usando parole forti contro il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede che dopo aver proposto a Di Matteo l'incarico al Dap, avrebbe fatto subito marcia indietro.

"Nel 2018 ricevetti la telefonata del ministro Bonafede per assumere la direzione del Dap o in alternativa per prendere il posto di direttore generale degli Affari penali. Bonafede mi disse che aveva pensato a me o come capo del Dap, e mi fece capire che la nomina avrebbe prodotto effetti immediati, o come direttore degli Affari penali. Questo secondo incarico mi sarebbe stato attribuito in un secondo momento se la dottoressa Donati avesse rinunciato a questo incarico per un altro. Più volte nel corso della telefonata il ministro mi ha detto 'Scelga lei', me lo ha ripetuto almeno tre volte. Io chiusa la telefonata, non ho avuto alcun dubbio ad accettare il Dap", ha raccontato il consigliere del Csm Di Matteo. "Non ho mai chiesto né sollecitato alcunché. Io sono stato cercato, ho ricevuto una precisa proposta. Non ho mai cercato qualcuno e perorato l'assegnazione di un incarico", ha sottolineato.

Di Matteo ha spiegato di aver chiesto al ministro 48 ore di tempo per pensare alle offerte, ma Bonafede premeva per tempi più brevi. "La mattina dopo la telefonata mi recai al ministero e dissi subito che accettavo l'incarico del Dap. Con sorpresa, il ministro cominciò a dire che l'incarico al Dap era sì importante ma prevedeva competenze che non avevano in fondo a che fare con la mia esperienza. Insistette perché accettassi invece l'incarico agli Affari penali. Mi parlò di aver pensato al dottor Basentini per il Dap", ha continuato Di Matteo. "Il giorno dopo sono tornato al ministero e ho detto a Bonafede: 'Non tenga assolutamente in conto nessuna mia disponibilità per gli Affari penali. Non sono disponibile'. Lui insistette più volte e poi mi disse: 'Dottor Di Matteo, La prego di rifletterci perché per quest'altro incarico non ci sono dinieghi o mancati gradimenti che tengano'". "Io - ha aggiunto -non mi sono mai sognato di chiedere al ministro cosa fosse accaduto in quelle 22 ore", dalla proposta al primo incontro al ministero.

"Io ci sono rimasto male per quell'improvviso dietrofront, ma non ho mai detto niente - ha ammesso il consigliere del Csm -. Non volevo, nonostante fosse per me incomprensibile il comportamento del ministro, rischiare di delegittimare il suo ruolo e quello del capo del Dap". ​"Se avessi avuto elementi per ritenere che il ministro avesse cambiato idea perché indotto dai mafiosi lo avrei detto subito. Mi sono fatto l'idea di un ministro che determinate dinamiche della lotta alla mafia non era in grado di valutarle bene. Questa è una mia opinione", ha aggiunto Di Matteo sottolineando che "se avessi avuto prova dell'esistenza di un reato sarei andato in procura il giorno dopo". La toga ha anche ribadito di aver parlato, nella prima telefonata avuta con Bonafede, della nota del Gom in cui venivano riportate proteste di detenuti al 41 bis relative alle voci di una sua possibile nomina al Dap. "Non so quale fosse il grado di conoscenza del ministro su questo", ha specificato Di Matteo.

Poi alcune gocce hanno fatto traboccare il vaso. "Sono successe alcune cose che mi hanno indotto a parlare: c'erano state centinaia di scarcerazioni di detenuti per mafia, avevo saputo dai media della circolare del 21 marzo, erano intervenute le dimissioni del dottor Basentini, iniziavano a filtrare le voce di un incarico alla mia persona come capo del Dap. Io ho continuato a non parlare e Bonafede ha scelto Petralia". Poi ha aggiunto: "Penso che le scarcerazioni di mafiosi siano stato un segnale devastante dal punto di vista simbolico, e che purtroppo, dal punto di vista mafioso, viene letto come cedimento, come speranza".

E così si è arrivati allo scorso 3 maggio quando Di Matteo è intervenuto nel corso della trasmissione Non è l'Arena. "Ho ritenuto di raccontare la verità e non me ne sono pentito - ha affermato -. La vicenda non è solo personale ma diventa istituzionale nel momento in cui il ministro nel giro di 22 ore fa dietrofront facendomi intendere che per il ruolo di capo Dap aveva ricevuto dei dinieghi. A chi e a che cosa non è compito mio saperlo, lo può dire solo il ministro Bonafede". Di Matteo ha chiesto quindi chiarezza: "Il punto è che non avevo bisogno, non ho mai avuto bisogno di un incarico al ministero, così come di rivolgermi a correnti, correntine. Non ho capito il motivo del dietrofront. Bonafede sapeva che stava chiamando non un magistrato gradito a tutti, ma un magistrato che molti non gradivano. Quello che mi chiedo è: perché mi hai chiamato? Perché mi hai esposto ancora? Perché mi hai fatto fare la figura di quello che è stato chiamato e poi, come dicono i mafiosi, viene 'posato'?".

Nino Di Matteo ha anche parlato dei contatti con il Movimento. "In occasione delle elezioni politiche di marzo 2018 sono stato cercato due volte da Di Maio - ha spiegato -. Mi venne chiesta la disponibilità, nell'eventualità in cui il M5S fosse andato al governo, ad accettare un incarico di ministro. La prima volta Di Maio fece riferimento, in maniera alternata, o al ministero della Giustizia o a quello dell'Interno. La seconda fu più preciso e mi propose il ministero dell'Interno. Poi non sono più stato cercato. Quando Bonafede mi ha detto del Dap, non so chi mi ha dato il diniego. Quanto successo in passato rende incomprensibile il dietrofront del ministro. Solo lui può rispondere".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di ex finiano

ex finiano

Gio, 18/06/2020 - 17:39

Mi domando sempre cosa sarebbe successo se a far uscire fuori dal carcere i detenuti al regime di 41 bis sarebbe stato un governo di centrodestra!

Mordechai

Gio, 18/06/2020 - 17:51

Che bello vedere la destra che inneggia a Di Matteo, che ha sempre coperto di critiche e spesso insulti

traianus2

Gio, 18/06/2020 - 17:55

Bene, anzi male, ministro Bonafede.A quando le sue dimissioni di fronte agli italiani? Cos'altro deve accadere alla giustizia italiana per avere le dimissioni del ministro Bonafede?

xgerico

Gio, 18/06/2020 - 17:59

Se ti propongono due incarichi di prestigio tu ci rifletti e chiedi tempo?

Ritratto di Lissa

Lissa

Gio, 18/06/2020 - 18:05

Purtroppo quando non c'è competenza per certi ruoli, e la Nazione che paga lo scotto.

Pigi

Gio, 18/06/2020 - 18:18

Mamma mia! In questo governo ci sono Azzolina, Boccia, Bonafede, Conte, Di Maio, Gualtieri, Speranza... In ordine alfabetico, perché sppena qualcuno si muove subito si segnala come il peggiore. Ma viene subito scalzato dal collega che a sua volta fa (o non fa) qualcosa nel suo ministero. Avete tirato le monetine? Godeteveli fino in fondo.

Alessio2012

Gio, 18/06/2020 - 18:31

SE DICE COSI' DI MATTEO, E' VERO IL CONTRARIO.

gpl_srl@yahoo.it

Gio, 18/06/2020 - 18:32

VERGOGNATEVI TUTTI VOI CHE DAL COLLE STATE ASSISTENDO A QUESTO SCEMPIO

Klotz1960

Gio, 18/06/2020 - 18:37

Di Matteo vuole intimidire il Ministro della Giustizia e comandare. E siccome una tantum la vittima invece di essere di centro destra e' di sinistra, il Giornale gli va dietro. Pessima linea che non fa che confermare il ruolo sempre piu' politico e debordante della magistratura italiana, caso unico tra i Paesi occidentali.

florio

Gio, 18/06/2020 - 19:06

Pensate se una cosa del genere l'avesse fatta un ministro del CDX, si sarebbero sprecati insulti, articoloni dei giornali di regime accuse a non finire. IL CDX colluso con la mafia, Salvini, Meloni dimettetevi, un linciaggio di proporzioni epocali. Invece come tutte le porcherie perpetrate dalle quattro sinistre, viene messo tutto sotto traccia. Il paese va a rotoli, le aziende sono sull'orlo della crisi più nera, rischiano il fallimento, dipendenti a casa senza lavoro e il governo non fa nulla se non chiudersi in una villa per dieci giorni. Il problema più grosso e importante per gli italiani? Le ciliege mangiate da Salvini, quello si che è un vero danno.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 18/06/2020 - 19:08

Con il nome che ha, "Bonafede", la Giustizia di cui è Ministro non dovrebbe essere in pericolo. Lui è certamente una persona adeguata all'incarico, io lo spero, però ha un grave difetto, essere legato a M5S.

oracolodidelfo

Gio, 18/06/2020 - 19:21

Mala tempora currunt, sed peiora parantur.....

oracolodidelfo

Gio, 18/06/2020 - 19:26

Mordecai 17,51 - che bello vedere i 5S al Governo pappa e ciccia con il Pd dopo che avevano proclamato ai quattro venti.......MAi con il PD........oppure no?

Santorredisantarosa

Gio, 18/06/2020 - 19:39

E' LA MALAFEDE DELLA POLITICA ITALIANA.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Ven, 19/06/2020 - 10:23

Di Matteo ha ragione: l'ex "fo fo dj", dopo neanche 24 ore ha cambiato idea. I due incarichi oltretutto non erano paritari, ergo se il ministro concede tempo al magistrato di rifletterci a Di Matteo, chi è che ha accelerato i tempi, di Matteo o Bonafede? Chiaro è stato il ministro a prendere una decisione anzitempo. Il capo del Csm que pense?