Il medico che pensa al primo sciopero. "In piazza contro chi non sa tutelarci"

Attacco al governo: "Troppi incompetenti". Il ministro Speranza studia un decreto per proteggere i sanitari dal rischio-denunce

La Basilicata sta reggendo abbastanza bene all'emergenza Coronavirus. È infatti la regione meno penalizzata d'Italia sul fronte contagi (un totale, fino a ieri, di 211 casi confermati, di cui 157 isolamenti domiciliari, 54 ricoveri ospedalieri, 1.833 tamponi eseguiti) e «solo» 5 deceduti. Ma questo per «merito» o «malgrado» le istituzioni locali? Sulla seconda ipotesi non ha dubbi il dottor Vito Di Trani (nel tondo), medico di famiglia impegnato in prima linea, x sindaco di Pisticci (Matera), che ieri si è sfogato via social con un video dai toni durissimi, forse anche eccessivi. Di Trani è un esponente politico su posizioni opposte a quelle rappresentate dall'attuale governatore, Vito Bardi, e dal suo assessore regionale alla Sanità, Rocco Leone. Una conflittualità «ideologica», quella fra Di Trani e la coppia Bardi-Leone, che probabilmente incide non poco sull'avversione che il medico lucano riserva ai suoi avversari. Premesso ciò, va detto che le criticità evidenziati da Di Trani sono reali e che in Basilicata in questi giorni di espansione (se pur limitata) della pandemia molte cose hanno funzionato male. Per trovarne conferma basta parlare con le famiglie dei cinque deceduti, accomunate nella loro tragedia da una medesima accusa: «Siamo stati abbandonati a noi stessi». Forse i loro cari sono stati irrimediabilmente colpiti dal Covid-19, ma la sensazione è che per loro si sarebbe potuto fare qualcosa in più. Anche tra i contagiati al momento «ricoverati» a casa c'è una frase ricorrente: «Abbiamo chiesto di sottoporci al tampone, ma ci rispondono che non è possibile». Anche per questo il dottor Di Trani, nella sua a denuncia, richiama «a un senso di responsabilità la politica lucana sul come affrontare un'emergenza coronavirus che nella nostra regione sta assumendo numeri sempre più tristemente importanti». L'ex sindaco di Pisticci chiede la rimozione dell'assessore regionale alla Sanità per «manifesta incapacità», minacciando «uno sciopero con i medici in strada». «Mettermo le mascherino - dice - e sfileremo tenendoci a un metro di distanza l'uno dall'altro: la nostra categoria sta pagando costi enormi in termini di vite umane. Ciò anche per le gravi responsabilità di chi ci governa». E, oltre al danno, all'orizzonte si profila pure il rischio della beffa. Il pericolo è infatti che presto possa abbattersi sulla classe medica un numero consistente di denunce da parte di chi si è sentito in qualche modo danneggiato da «mancare o inadeguate cure» sul fronte delle terapie anti-virus. Non è una questione da prendere sottogamba, tanto che il ministro della Salute, Roberto Speranza, starebbe seriamente pensando a un decreto per «scudare» (cioè tutelare legalmente) i medici da eventuali attacchi giudiziari.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 31/03/2020 - 11:24

Ogni cosa al momento giusto. I medici in servizio per il Popolo sono ammirevoli e meritevoli di ascolto, ma le proteste in piazza non sembrano un buon metodo, mentre è certamente legittimo che essi facciano conoscere il loro pensiero, parlando apertamente nel poco tempo libero.

killkoms

Mar, 31/03/2020 - 12:42

ma piuttosto azioni legali contro chi non ha fornito idonei dpi!

Ritratto di mina2612

mina2612

Mar, 31/03/2020 - 12:45

Sarà un sindacalista mancato che, come tanti, si vorrà mettere in mostra. Che cosa ha fatto il tal dott. Vito Di Trani quando Conte, coi suoi decreti, ha IMPOSTO che il personale sanitario e non, a contatto costantemente sia con i contaminati dal codiv-19 che con gli asintomatici, che con tutti i degenti degli ospedali, NON potessero essere monitorati col tampone affinche potessero tutelare se stessi e i loro pazienti? Perchè a loro i controlli devono essere fatti se non dopo la certezza che pure loro stessi fossero stati contaminati? Perchè, da medico, non aveva voluto che si salvassero i suoi colleghi?,

Ritratto di Nahum

Nahum

Mar, 31/03/2020 - 13:56

Mi fa pena...