Migranti e centri di formazione Nuovo business da 100 milioni

Tra cooperative, onlus e ong è concorrenza spietata per spartirsi l'affare. E moltiplicare (lucrosi) progetti

Migranti e centri di formazione Nuovo business da 100 milioni

Il mercato dell'accoglienza è vicino alla saturazione. A oggi si contano addirittura 792 realtà dislocate sull'intero territorio nazionale che svolgono attività a favore degli immigrati. Cooperative, onlus e ong, in concorrenza spietata tra loro per guadagnarsi l'aggiudicazione delle gare necessarie a occuparsi di dare vitto e alloggio agli stranieri, di imbastire percorsi di integrazione nelle piccole comunità e di seguire, presso le commissioni territoriali, l'iter burocratico delle richieste di asilo. Già, ma gli stranieri accolti hanno anche altre necessità, così il business delle migrazioni si arricchisce di un nuovo capitolo: incomincia a occuparsi anche di corsi di formazione destinati all'inserimento lavorativo dei migranti. I primi impegni di spesa sono di circa di 100 milioni di euro che vengono destinati a progetti e programmi per istruzione e apprendistato ma anche per potenziare le tante organizzazioni associative delle diverse comunità di immigrati presenti.

Il programma più considerevole anche in base ai soldi a disposizione e all'entità del contesto è quello dell'Oim (Organizzazione internazionale per le migrazioni) che ha messo in piedi corsi e attività formative specifiche per i rappresentanti di associazioni di migranti allo scopo di potenziarne lo sviluppo socio economico: disponibile per ciascuno fino a 10 mila euro di bonus. E contando che gli enti e le associazioni iscritte a registro del Welfare sono 2.532, i soldi a disposizioni potrebbero superare i 25 milioni. Di queste 2.532 il 30 per cento rappresenta stranieri provenienti dall'America latina, il 50 per cento magrebini, il 10 dal Corno d'Africa, il restante 10 le popolazioni dell'est Europa. Sempre a loro è destinato anche il progetto denominato A.mi.co. ideato anch'esso dall'Oim per le associazioni più meritevoli: a quelle che metteranno in piedi i progetti migliori verrà dato un contributo di altri 10 mila euro. Altro che fiera della solidarietà però: l'organizzazione internazionale infatti si muove con meri finanziamenti pubblici, alcuni dal ministero dell'Interno come gli 8 milioni intascati allo scopo di programmare un piano di rimpatri volontari che terminerà a dicembre prossimo, altri ancora dal ministero degli Esteri e dall'Agenzia per la cooperazione allo sviluppo sempre in capo al Maeci.

Quanto alle spese vive l'Oim si comporta invece alla stregua di una fondazione filantropica mirando a mantenere sotto il 10 per cento il contenimento dei costi. Esempio ne è il canone annuo che paga solo dal gennaio corrente per la propria residenza: 27.005,40 per il pregiato complesso di Casale Strozzi, vincolati a 19 anni. Tuttavia gli impegni per le associazioni di migranti non si limitano all'Oim ma arrivano anche dagli enti regionali. L'Emilia Romagna - seconda per presenze di stranieri dopo la Lombardia - nell'ultimo anno ha investito per i migranti ben 3 milioni di euro, altrettanto Campania, Lazio e Puglia. Nel Lazio inoltre è stato messo in piedi con i fondi del ministero dell'Interno il progetto Ipocad, per altri 3 milioni e con questo obiettivo: «Analizzare lo stato dell'associazionismo sul territorio, capitalizzare i risultati, sviluppare percorsi di promozione, pianificare attività che forniscano ai migranti destinatari gli strumenti per operare autonomamente». Vale a dire che con progetti del genere già si pensa all'inclusione delle cosiddette seconde generazioni cui sono destinati anche i 31 milioni di euro, elargiti dal ministero del Lavoro, da ripartire tra tutte le realtà che si occuperanno di mettere in piedi percorsi di apprendistato preparatori all'inserimento lavorativo.

Commenti