Migranti, la maxi-sanatoria diventa un maxi-autogol

Non c'è nulla di strano nel flop della sanatoria per gli immigrati voluta dalla ministra Teresa Bellanova. Non è colpa della burocrazia né dei padroni delle aziende agricole

Non c'è nulla di strano nel flop della sanatoria per gli immigrati voluta dalla ministra Teresa Bellanova. Non è colpa della burocrazia né dei padroni delle aziende agricole. Era tutto ampiamente prevedibile e non c'era bisogno di rivolgersi a un aruspice per capirlo. Sarebbe stato sufficiente ascoltare le parole dei rappresentanti di categoria e degli addetti ai lavori. Ricapitoliamo: nel mese di maggio la ministra per le politiche agricole annuncia, in lacrime, una maxi sanatoria per centinaia di migliaia di migranti. Lo scopo? Regolarizzare un esercito di agricoltori, badanti e colf. Un bisogno impellente che sui giornali di sinistra diviene un vero e proprio allarme: senza i migranti in primavera rischiamo di rimanere senza frutta e verdura. A parte l'ambiguità di una posizione che, se fosse partita da destra sarebbe stata bollata come in odore di schiavismo, la decisione della ministra si scontra subito con la realtà. Le aziende agricole italiane non hanno bisogno di tutte quelle persone e, soprattutto, hanno bisogno di personale qualificato. «Temo che pochi dei 600mila immigrati che si intende regolarizzare saranno impiegati in agricoltura - dice al Sole24Ore Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura, lo scorso 7 maggio -. È ora di finirla con l'idea dell'attività agricola che può essere svolta da chiunque. Non si può potare un vigneto, operare in una serra o guidare macchine agricole senza alcuna competenza. Anzi, quanto più un operaio è specializzato, maggiori sono le probabilità che venga stabilizzato». Chiarissimo, no? A tutti, ma non alla Bellanova.

«Temo che ci siamo focalizzati troppo sulla sanatoria degli irregolari. Mentre era fondamentale riaprire quanto prima i corridoi verdi che avrebbero riportato in Italia manodopera specializzata», gli fa eco Ettore Prandini, presidente di Coldiretti. Insomma, la ricetta è semplice: aprire i «corridoi verdi», come avevano già fatto molti Paesi europei, per fare tornare gli esperti del settore. Ma la Bellanova ai corridoi verdi preferisce le scorciatoie rosse. Anche se poi si dimostrano dei vicoli ciechi. Un'occasione troppo ghiotta per «fare qualcosa di sinistra» a favore di telecamera. Così arriviamo al risultato di questi giorni: alla fine su 600mila migranti (secondo i 5 Stelle 220mila) solo 9.500 hanno chiesto di aderire alla sanatoria. La maxi sanatoria in realtà era solo un maxi spot elettorale che si è tramutato in un maxi flop, anche se la ministra, dalle colonne di Repubblica, rivendica la sua scelta e scarica le colpe su misteriosi boicottatori. Ancora una volta l'ideologia ha prevalso sul pragmatismo e, alla fine, non ci ha guadagnato nessuno. Nemmeno i migranti. Forse solo la Bellanova che, per qualche settimana, ha potuto sfoggiare la coccarda buonista di una sanatoria inesistente.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

GiacomoP

Gio, 11/06/2020 - 19:31

Al ministro Bellanova, italia viva, pd e tutta la sinistra non frega niente ne dell' agricoltura ne delle badanti e chi più ne ha più ne metta. A loro interessa allargare il bacino elettorale in quanto, la maggior parte gli Italiani, non li voterebbe più, nemmeno sotto minacce.

Duka

Ven, 12/06/2020 - 10:18

la sig.a pensa che il ministero sia una riunione sindacale. NON ha capito niente.

Rossana Rossi

Ven, 19/06/2020 - 15:43

Questo dà la misura dell'incompetenza e della cialtronaggine di questi quattro buffoni che pretendono di governarci.........e voi italioti votateli ancora.........

Ritratto di adl

adl

Ven, 19/06/2020 - 16:42

Bene così, vuol dire che i corridoi verdi si riempiranno di redditieri di cittadinanza e di navigators del fankatzing, che avranno finalmente l'occasione di dimostrare la loro produttività, nel primo settore.

Uncompromising

Ven, 19/06/2020 - 17:24

@GiacomoP: condivido il suo commento. La signora, in mezzo al pianto (!), aveva persino minacciato le dimissioni... che non si sarebbero mai concretizzato. Scuola boschi, scuola Renzi.

Ritratto di llull

llull

Ven, 19/06/2020 - 17:27

Ma perché continuate a declinare al femminile la parola MINISTRO? Questo termine non indica una persona ma un RUOLO che è sempre impersonale. Esattamente come usiamo "pediatra", "autista" e "pilota" senza che nessuno si sogni di declinarli al maschile, la stessa cosa dovrebbe valere anche per "presidente", "ministro", "sindaco", ecc. per i quali la declinazione di genere non è necessaria. Evidentemente la cosiddetta "idiozia boldriniana" pare abbia fatto scuola.

utherpendragon

Ven, 19/06/2020 - 17:35

dal curriculum della signora appare , oltre una modestissima frequentazione scolastica, anche una esperienza lavorativa minima,se è vero , come dichiara lei stessa orgogliosamente ,che già a 15 anni era una sindacalista di professione. E i sindacalisti di solito ,raccolgono più tessere che pomodori.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 19/06/2020 - 17:35

Non vorrei che l'autogol più grosso sia per gli italiani, con clandestini in giro a far nulla o a delinquere e pure da mantenere. In tal caso i soliti comunisti cantano vittoria, perchè è quello che volevano ottenere. Che gli frega loro o gli è mai fregato dell'Italia e degli italianI?

sparviero51

Ven, 19/06/2020 - 18:01

X IIuII : PERFETTAMENTE D’ACCORDO CON LEI .LO VADO SBANDIERANDO DA ANNI MA SEMBRA DI PARLARE AI SORDI !!!

caren

Sab, 20/06/2020 - 11:07

Sig. IIuII, pienamente d'accordo. Aggiungo capitana, assessora ed altro, che ora mi sfugge. Un vecchio modo di dire, recita così: "In guerra, si può difendere la Patria, anche facendo la guardia ai bidoni di benzina". Difendere la purezza e l'esattezza della lingua italiana, è un modo per essere e sentirsi italiani, ed allo stesso tempo difendere la Patria. Comunque, sui tanti orrori che subisce la nostra lingua, ci sarebbe da scriverne un intero trattato. Cordiali saluti.

uberalles

Sab, 20/06/2020 - 11:27

Come al solito i kompagni, fra i quali la Xxxxnova, emanano provvedimenti a proprio uso & consumo; se il costo ricade, ancora una volta, sulle spalle degli Italiani che lavorano o dei pensionati, a questi "sindacalisti ante litteram" non importa niente. Ancora una volta i kompagni premiano con cariche istituzionali personaggi squallidi che, al massimo, potrebbero fare l'usciere ad una ASL oppure la bidella ad una scuola elementare, già la scuola media sarebbe troppo.

Ritratto di max2006

max2006

Sab, 20/06/2020 - 15:12

Per quanto riguarda la Bellanova che dire se non è altro che uno spot elettorale che le si è ritorto contro? Vedremo alle prossime politiche.

tormalinaner

Sab, 20/06/2020 - 15:39

La Bellanova ha la licenza elementare ed è arrivata ai vertici sindacali con la lingua pungente ma senza esperienza vantandosi solo di poche settimane di lavoro nei campi, solo chiacchere e distintivo.

bruco52

Sab, 20/06/2020 - 18:00

quando i sinistri fanno flop la colpa è sempre degli altri, che li boicottano e fanno complotti...

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 21/06/2020 - 11:30

A QUANDO UNA SANATORIA DEGLI ELETTI ALL'EMICICLO? CON TUTTO QUEL COACERVO DI BIZANTINISMO LEVANTINO CHE IMPREGNA LA POLITICA BISOGNEREBBE FARE UNA "DISTILLAZIONE GENERALE" PER TROVARE UN ELEMENTO IN PUREZZA.

oracolodidelfo

Dom, 21/06/2020 - 17:55

Teresina, visto che ingrati questi clandestini? Adesso devi piangere per il rospo che devi ingoiare e........digerire!

Absolutely

Lun, 22/06/2020 - 15:24

Bravissima Rossana Rossi

Absolutely

Lun, 22/06/2020 - 15:29

Ma che dite, la colpa è di Salvini non l’avete capito? Non dei compagni o delle sardine, loro non sbagliano mai sono sempre nel giusto, a prescindere come recitava Totó

apostrofo

Lun, 22/06/2020 - 18:40

LA NECESSITA' DI UNMILIONEEDUECENTOMILA BRACCIA , DI FATTO NON QUALIFICATE, APPARE SEMPLICEMENTE COME UNO DE TANTI PRETESTI PER REGOLARIZZARE TANTI STRANIERI DI CUI IL PD HA TANTO BISOGNO PER RICREARE UNA MASSA CON CUI TORNARE A RIEMPIRE LE PIAZZE CON TANTO DI BANDIERE E SLOGAN (CGIL DOCET). I COSTI PERO' LI SUBIAMO TUTTI. E NON FINISCE QUI

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 23/06/2020 - 10:41

@oracolodidelfo - forte la tua battuta e la condivido.

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Mar, 23/06/2020 - 17:14

La Bellanova ha realizzato una sanatoria per aggiungere un altro tassello alle meccaniche di voto di scambio che la sinistra vuole praticare con gli immigrati. Non avendo più a disposizione la classe operaia, la sinistra ha incoraggiato e forse anche organizzato quella che appare come una vera e propria sostituzione etnica. Peccato che molti italiani e molti immigrati, soprattutto quelli in regola e con buone intenzioni, siano fortemente contrari all'ingresso di altri stranieri. Il marito marocchino della ministra Bellanova é stato forse l'ispiratore di questa sanatoria-farsa?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 24/06/2020 - 18:58

Certo che abbiamo dei fenomeni come ministri. C'è qualche correlazione con il fatto che l'Italia vada sempre peggio? O è la causa unica?