"Milioni di lavoratori perderanno 5 anni di vita". Riesplode lo scontro sulle pensioni a quota 100

Salvini: "Sulle barricate per prorogare la misura". Il Pd: sono solo slogan

"Milioni di lavoratori perderanno 5 anni di vita". Riesplode lo scontro sulle pensioni a quota 100

La campagna politica di Matteo Salvini non si concentra soltanto sulla sicurezza. Al netto del braccio di ferro con la Larmorgese, il leader della Lega torna sulle barricate per esortare il governo alla rottamazione delle cartelle esattoriali e alla proroga di quota 100. «Non è possibile che la notte di Capodanno milioni di lavoratori e lavoratrici perdano 5 anni di vita», commenta durante un comizio elettorale ad Assisi. Il riferimento è alla fine del triennio sperimentale della cosiddetta «quota 100», quella norma che porta le persone in pensione anche senza il requisito anagrafico purché la somma dell'età e degli anni di contributi versati raggiunga quota 100.

E di barricate parla il leader del Carroccio da Chianciano Terme, all'interno del collegio elettorale dove si presenta Enrico Letta per le suppletive. «Se il Pd vuole cancellare quota 100 per tornare alla legge Fornero - annuncia Salvini - la Lega farà le barricate. Piuttosto togliamo il reddito di cittadinanza ai furbetti».

Al 31 dicembre scadrà il tempo per la presentazione delle domande di quota cento anche se, avvertono gli esperti del sistema previdenziale, questo tipo di pensioni potrà essere accettato dall'Inps anche nel 2022 basta che la domanda sia fatta entro la fine dell'anno da persone che al 31 dicembre hanno i requisiti.

Per il leader della Lega è impensabile il ritorno alle rigide regole confezionate dalla Fornero ai tempi del governo Monti. «Siamo al lavoro con imprenditori e sindacati - spiega - per offrire anche nel 2022 e nel 2023 la possibilità dopo tanti anni di lavoro di godersi un po' di vita, di famiglia. A oggi grazie a Quota 100 si può scegliere di andare in pensione dopo 38 anni di lavoro e 62 anni di età. Pensare nell'anno del dopo Covid di portare da 62 a 67 l'età minima per andare in pensione è assurdo».

Secondo i dati forniti proprio dall'Inps, al 31 agosto i lavoratori in totale che hanno avuto accesso alla pensione quota 100 sono 341.128 su 433.202 domande pervenute (di cui 35.238 in lavorazione e 56.836 respinte). L istituto ha poi precisato che i lavori dipendenti beneficiari sono stati 273.519, di cui 166.282 del settore privato e 107.237 del settore pubblico, mentre i lavoratori autonomi sono 67.609. Il 69,3% di coloro che hanno avuto accesso a quota 100 sono uomini, mentre il 30,3% donne. Gli impegni di spesa nel triennio 2019-2021 sulle pensioni liquidate fino al 31 agosto sono pari a 11,6 miliardi di euro.

Al di là dei numeri, però, l'annuncio delle barricate da parte della Lega ha ricompattato il fronte della maggioranza di governo. Dello scarso entusiasmo di Draghi su quota cento già si sapeva. L'espressione «barricate», più del concetto espresso da Salvini, urta gli alleati di governo. Anche i grillini hanno archiviato l'idea di prolungare la misura, che avevano votato con i leghisti durante il primo governo Conte. Il ministro dell'Economia Franco riconosce la delicatezza della questione e avverte: «Sono fiducioso che l'esecutivo troverà una soluzione equilibrata nella prossima legge di bilancio».

Ma il Pd annuncia di mettersi di traverso. «Salvini dovrebbe pesare le parole - avverte il sosttosegretario alla Presidenza del consiglio, Vincenzo Amendola - Il capo di un partito può fare le barricate fuori dai ministeri dove ci sono anche i suoi ministri? Sono espressioni da campagna elettorale che prendo per quello che sono».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti