Molotov nella sede Lega "Le bombe non fermano democrazia"

Una bottiglia incendiaria contro la sede della Lega a Cremona. Grimoldi: "Grave escalation di violenza e minacce". Zaia: "Non fermano la democrazia"

Per la seconda volta in un mese i vandali hanno devastato la sede della Lega di Cremona. I teppisti hanno infatti lanciato una bottiglia incendiaria contro la finestra della sezione locale del partito.

"Nel giro di tre mesi, solo in Lombardia, sono state danneggiate le sedi di Varese, di Bergamo, della Brianza e ora di Cremona", denuncia oggi il segretario della Lega Lombarda e deputato del Carroccio, Paolo Grimoldi: "Da tempo denunciamo il clima di pesante intimidazione intorno al nostro movimento soprattutto in Lombardia: nell'ultimo biennio sono state aggredite e danneggiate numerose nostre sezioni in tutto il territorio regionale, passando da scritte con minacce di morte ai proiettili inviati un mese fa alla sezione di Varese, alle aggressioni delle sedi in Brianza fino a quelle fisiche, ripetute, nei confronti dei nostri militanti a Milano, alcuni finiti in ospedale, il tutto nel più totale silenzio del Pd e dalla sinistra".

"L'odio e le bombe sono un attacco alla democrazia, perché rappresentano la volontà di rovesciare con la violenza le scelte di un popolo. A Cremona è successa una cosa gravissima, ben più grave dei danni materiali", ha detto il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, "Tira una brutta aria, in un Paese dove evidentemente ci sono dei criminali prepotenti che pensano di poter rovesciare la democrazia con la violenza. Si sbagliano di grosso, perché gli italiani per bene, la democrazia e la libertà sono molto più forti delle loro bombe".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Divoll

Dom, 30/09/2018 - 22:12

C'e' gente che non vuoe capire che il governo attuale e' espressione della volonta' della maggioranza degli italiani. Colpendo la lega, colpiscono milioni di italiani, dunque sono nemici del popolo e come tali vanno trattati.

VittorioMar

Dom, 30/09/2018 - 22:25

...visto che non riescono a individuarli.malgrado telecamere..satelliti..abitanti e vigilanti....ma l'omertà è solo al SUD ..quindi SICURAMENTE E' STATO SALVINI !!..il MR .HYDE..di notte !!

Ritratto di saggezza

saggezza

Lun, 01/10/2018 - 09:13

Colpa di quei bastardi che fanno passare per razzisti la lega. Non lo è affatto. Sono da mandare a casa loro quelli che vengono per delinquere e per essere mantenuti senza averne diritto. Questo è razzismo? Il colore e la razza non c’entra nulla. Imbecilli lo volete capire o no??

Ritratto di navajo

navajo

Lun, 01/10/2018 - 09:30

Questi atti sono la conseguenza della campagna d'odio scatenata dalla sinistra contro Salvini, reo di governare e furenti per essere stati bocciati dal loro stesso elettorato. Poi quando qualcuno li spernacchia si strappano le vesti e, come una certa "Signora", gridano al fascismo. Patetici.

steacanessa

Lun, 01/10/2018 - 12:01

È allarme fascismo? Gli unici pericolosi sono i comunisti? Maledetti sinistri di merenda trinariciuti moneneuronali.