Morte David Rossi, FdI ai margini dell'inchiesta: "Pronti a lasciare"

"Mai è accaduto prima d'ora, in nessuna precedente legislatura, che né le presidenze né vicepresidenze siano state affidate all'opposizione", ha protestato l'onorevole Lollobrigida. Bufera nel centrodestra?

Morte David Rossi, FdI ai margini dell'inchiesta: "Pronti a lasciare"

Si è riunita oggi la commissione parlamentare d'inchiesta istituita per fare luce sulla morte di David Rossi, il capo della comunicazione della banca Monte dei Paschi di Siena, avvenuta lo scorso 6 marzo 2013. Un caso rimasto aperto e sul quale si addensano ombre e sospetti a dir poco inquietanti. Alla fine sarà Pierantonio Zanettin, deputato di Forza Italia, a presiedere la commissione, anche se Fratelli d'Italia adesso denuncia di essere stata palesemente tenuta ai margini del gruppo di lavoro.

Le parole di Lollobrigida

A lanciare la cosiddetta "bomba" è il capogruppo di Fratelli d'Italia alla Camera dei deputati Francesco Lollobrigida, che spiega come i rappresentanti dei partiti che compongono la maggioranza abbiano di fatto occupato tutti i ruoli-guida della commissione d'inchiesta e se li siano spartiti, senza mostrare il benché minimo rispetto. "Oltretutto sembra ragionevole pensare che il tentativo di marginalizzare l'opposizione, tenendola fuori dagli uffici di presidenza delle commissioni di inchiesta, sia un tentativo di rallentare, se non inficiare, la necessità di portare alla luce la verità e rendere giustizia alle vittime", ha attaccato il rappresentante di FdI, come riportato da ItalPress.

"Mai è accaduto prima d'ora, in nessuna precedente legislatura, che né le presidenze né vicepresidenze siano state affidate all'opposizione", ha proseguito Lollobrigida. "Ricordiamo che la commissione di inchiesta sulla scomparsa di David Rossi è stata proposta e ottenuta grazie a Fratelli d'Italia, e in particolare all'infaticabile impegno del collega onorevole Walter Rizzetto. Proprio per questo, la stessa famiglia della vittima lo aveva indicato come il 'garante ideale' per arrivare a far luce su una vicenda dai lati oscuri che coinvolgerebbe politica, magistratura e criminalità, suggerendo alle forze politiche di sceglierlo quale presidente".

Accuse pesanti quelle dell'onorevole Lollobrigida, che fanno emergere un quadro inquientante. Perché l'opposizione è stata messa da parte? Il rappresentante di FdI starebbe ora pensando di ritirarsi dalla commissione."Entro le prossime ore valuteremo la mia permanenza nella stessa Commissione", ha infatti dichiarato, definendo insostenibile la scelta di far valere i numeri della maggioranza per escludere l'opposizione. Un fatto di una gravità inaudita, che è stato riportato al presidente della Camera Roberto Fico,"senza alcun esito".

"Non rinunceremo al nostro ruolo all'interno delle commissioni di inchiesta", ha tuttavia promesso Francesco Lollobrigida, "sempre più convinti che a Fratelli d'Italia spetti il compito di arginare il consolidamento di un sistema che penalizza gli interessi dei cittadini".

In conclusione, è arrivato anche un attacco diretto nei confronti degli alleati: "Dispiace che su Bibbiano, sulla commissione Rossi e sulla tragedia della Moby Prince, Forza Italia e la Lega abbiano preferito accordarsi con il Pd, Leu e Renzi piuttosto che con gli alleati del centrodestra".

Il commento di Walter Rizzetto

Sulla questione è intervenuto anche il deputato FdI Walter Rizzetto, primo firmatario della proposta di legge di istituzione della Commissione. "Dopo settimane di magheggi del Pd per assicurarsi la presidenza della commissione di inchiesta sulla morte di David Rossi, solo dopo le critiche ricevute per l'evidente 'inopportunità', ecco che il partito di Enrico Letta preferisce convergere addirittura su Forza Italia per la guida della Commissione, in accordo con Lega ed M5S", ha dichiarato il parlamentare. "Nella trattativa il Pd riesce comunque ad ottenere, insieme al M5S, il ruolo da vice presidente. Ignobile il comportamento anche del M5S che fa patti per votare i forzisti e i dem, dopo che per anni ha associato il Pd agli scandali del Monte dei Paschi. A Fratelli d'Italia e al sottoscritto, unico parlamentare che con la sua proposta ha portato la vicenda in Parlamento ed ha lottato con il capogruppo Lollobrigida per farla calendarizzare, non è stato volutamente riconosciuto alcun incarico", ha concluso con amarezza.

Commenti