"Niente cittadinanza a chi non sa l'italiano". L'appello ai colleghi del sindaco di Asti

Il primo cittadino scrive all'Anci: "Come fanno a rispettare le nostre leggi?"

«Essere cittadini italiani e non conoscere la lingua italiana, credo sia un'assurdità. Per questo mi chiedo come sia possibile conferire la nazionalità a stranieri che non hanno saputo neppure leggere il giuramento previsto dalla cerimonia di conferimento della cittadinanza. Più che integrazione, questa mi pare una presa in giro».

Il sindaco di Asti, Maurizio Rasero, non ci sta a fare il semplice passacarte e dopo l'ennesimo episodio di cittadini stranieri che diventano italiani ma non sanno pronunciare una parola nella nostra lingua, si è rivolto all'Anci - l'Associazione nazionale dei Comuni italiani - affinché diventi portavoce in Parlamento, perché chi deve verificare il possesso dei requisiti previsti dalla legge lo faccia, chiedendo a tutti un certificato che attesti il livello di conoscenza dell'italiano.

«Credo fermamente nella solennità di questa cerimonia - prosegue il primo cittadino nella lettera spedita all'Anci - e non mi sono mai sottratto a questo dovere. In un anno e mezzo di mandato, ho sempre conferito in prima persona la cittadinanza, ricordando che per Asti questi nuovi cittadini sono una grande risorsa. Però mi chiedo come si fa a giurare di onorare e rispettare le nostre leggi se poi non si sanno neppure leggere né capire. Ho ricevuto il giuramento di stranieri che non sono riusciti a leggere la formula di rito e sapevano solo pronunciare tre parole: sì, capito, va bene».

Una norma per certificare questo importante requisito, però c'è, ma evidentemente almeno in certi casi non viene rispettata. «Nel 2016 - precisa Rasero - l'allora ministro dell'Interno Alfano, affermò che il decreto di riconoscimento della cittadinanza italiana deve essere adottato in esito a una complessa attività istruttoria, durante la quale si dovrebbe anche accertare il grado di conoscenza linguistica. Ma una volta concluso l'iter, l'ufficiale di stato civile non ha alcun potere di effettuare controlli sul reale grado di conoscenza della lingua italiana da parte del richiedente. Noi sindaci, che accogliamo il giuramento non possiamo più intervenire, ma così si rendono cittadini italiani persone che non sanno parlare né leggere la nostra lingua».

Soprattutto per le persone adulte, apprendere una nuova lingua non è facile. «In questo caso - propone il sindaco - si può aspettare e concedere la cittadinanza più avanti, quando sono in grado di capire cosa dice la Costituzione sulla quale stanno giurando».

Anche il decreto Salvini ha recentemente modificato gli articoli 5 e 9 della legge 91 prevedendo, all'atto di presentazione dell'istanza, l'obbligo di dimostrare il possesso di un'adeguata conoscenza della lingua italiana. «Evidentemente c'è qualche cosa che non funziona. Dal giugno 2017 come ufficiale di stato civile ho celebrato 287 giuramenti per il riconoscimento della cittadinanza italiana ma a molti di loro mancava il presupposto prioritario per l'integrazione», conclude Rasero.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

churchill

Mar, 21/01/2020 - 08:55

Niente cittadinanza a chi non é qui da 15 anni e risponde a tutti i requisiti di integrazione, lavoro etc (incl la lingua)! Basta cittadinanza facile! La cittadinanza da diritto di voto e chi non si sente italiano nella sostanza e cultura e non si é impegnato per diventarlo NON DEVE DECIDERE DEL DESTINO DEL NOSTRO PAESE!!!

marinaio

Mar, 21/01/2020 - 09:02

Sono d'accordo, ma forse molti non sanno che in Alto Adige, in alcune zone, gli abitanti (italiani) parlano solo tedesco senza sapere nulla di italiano.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 21/01/2020 - 09:04

Che non conoscano la lingua Italiana non é il problema maggiore! In primo luogo sono islamici ed abbiamo visto che anche negli ultimi anni la strage islamica dei Cristiani continua in terra loro, quella che essi lasciano per venire da noi.

jenab

Mar, 21/01/2020 - 09:05

in uk per avere la cittadinanza devi prima fare un esame di lingua, e raggiungere un risultato decente!! ci vuole tanto a metterlo in pratica anche qui?

GGuerrieri

Mar, 21/01/2020 - 10:00

Il sindaco ha perfettamente ragione. Purtroppo però un episodio simile si è verificato tempo fa nella mia zona, cioè il varesotto, ed alla fine il prefetto competente ha chiesto l'applicazione della legge, che non prevede tale requisito... Faccio notare che in un paese civile, storicamente meta di immigrazione, come la Svizzera, se vuoi la cittadinanza devi superare un test di lingua e cultura generale svizzera. Inoltre sempre da loro, almeno fino a poco tempo fa, un profugo/rifugiato aveva vitto, alloggio ed un sussidio, ma non poteva svolgere lavori regolari normali. Questo perché non considerato immigrato economico, ma temporaneo, legato alla condizione particolare del suo paese.

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 21/01/2020 - 10:10

fasssista,rasssista cos'è questa quisquilia e pinzillacchera di saper l'Italiano e di giurare sulla costituzione scritta nella medesima lingua,alle sacre risorse SCONOSCIUTA???adesso la dico alla ex presidenta e vedrai...

Gattagrigia

Mar, 21/01/2020 - 10:16

Credo sia corretto,chi vuole diventare cittadino di un paese che lo ospita come minimo deve sapere la lingua. La conoscenza della lingua è il viatico per l’integrazione.

savonarola.it

Mar, 21/01/2020 - 10:21

E poi per votare PD non serve sapere l'italiano. Basta fare una croce sul simbolo. È quello che succede già adesso.

GGuerrieri

Mar, 21/01/2020 - 10:21

Ennesimo esempio dei disastri causati in trent'anni da un'immigrazione selvaggia ed imposta, anche a colpi di reati d'opinione. 5 milioni di immigrati regolari, a fronte di 5 milioni di italiani iscritti all'aire... l'universo indecifrabile dei clandestini, sempre presenti in numero importante. Oltre un terzo della popolazione carceraria composta da stranieri, con punte in carceri tipo San Vittore a Milano del 70%. Soggetti con importanti precedenti penali che girano tranquillamente, ed ora anche un numero crescente di italiani di "cartone", tipo questi casi di persone con il passaporto che neanche parlano italiano... Mi piacerebbe avere una statistica sul numero, tipo di reati e vittime nostrane della criminalità d'importazione, almeno dal 1990, per avere un quadro completo delle "risorse"...

silvano45

Mar, 21/01/2020 - 10:25

Il sindaco con queste frasi con questi giudici rischia il carcere a vita o 15 anni di processi..si sa la laboriosità la costante presenza sul lavoro dei nostri magistrati!La legge imperante della sinistra che ci governa ormai da anni che agli immigrati deve deve essere perdonato tutto ..ai cittadini italiani nulla

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Mar, 21/01/2020 - 10:28

Certo, essere italiani è una categoria burocratica legata alla lingua. Un poliglotta con entrambi i genitori italiani non è italiano, è di tante "nazionalità", vero? E il pubblico si beve il contenuto subliminale di questi articoli di propaganda.

Ritratto di wombat

wombat

Mar, 21/01/2020 - 10:37

In australia per avere il permesso di soggiorno devi portare 10 milioni di dollari,dopo 10 anni si puo' fare domanda per la cittadinanza

Ritratto di Acquachiara

Acquachiara

Mar, 21/01/2020 - 10:38

Mah. Se gli stranieri sanno l'italiano o meno è un dettaglio solo marginale. Certo, è importante leggere e parlare per conoscer meglio usi e costumi di chi ci ospita, ma l'ostacolo massimo è rappresentato dalla differenza di formazione valoriale. Per esempio, i concetti di produttività, di libertà con il limite di quella altrui, di dovere come altra faccia d'un diritto, di rispetto umano, ecc. ecc., di tutto questo c'è una scarsa comunanza con persone che vengono da culture e formazioni del tutto diversi. Questo è l'ostacolo; e l'attribuzione d'una formale etichetta cittadino-straniero non risolve affatto il problema dell'integrazione. Chi dice il contrario, o mente o è tonto.

Ritratto di tox-23

tox-23

Mar, 21/01/2020 - 10:41

Se ottieni la cittadinanza significa che andrai a votare, ma se non capisci nulla perché non sai la lingua, chi diavolo voti?

savonarola.it

Mar, 21/01/2020 - 10:52

Però se questa ordinanza venisse applicata alla lettera molti italiani perderebbero la cittadinanza.

ST6

Mar, 21/01/2020 - 11:10

savonarola.it: "Però se questa ordinanza venisse applicata alla lettera molti italiani perderebbero la cittadinanza." Si. E in modo sorprendentemente pure piuttosto omogeneo tra nord-sud-centro. Go figure

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Mar, 21/01/2020 - 11:15

Quello che il sindaco non ha capito é che molti tra gli stranieri non sono interessati a conoscere la nostra lingua.Alla maggioranza degli stranieri interessa accedere agli aiuti sociali,all'esenzione da tasse e tributi,alla sanità gratuita,alle case popolari etc.Le nuove generazioni di magrebini nati in Italia parlano ancora tutti l'arabo.Sui bus,sui treni,dappertutto le mamme si rivolgono ai loro figli in arabo,addirittura nei mercati controllati da magrebini (come Porta Palazzo a Torino) si sente parlare più in arabo che non in italiano.Alla maggioranza degli stranieri africani non interessa integrarsi.Molti on vogliono integrarsi.A cominciare dalla lingua.Molti si sforzano di parlare italiano solo quando devono accedere a qualche servizio gratuito.

aleppiu

Mar, 21/01/2020 - 11:16

vivo in un paese della pv di brescia governato (male) dalla lega in cui la maggior parte delle persone sopra i 50 anni votano lega e la stessa maggior parte fa fatica a parlare in italiano perché conosce solo il dialetto, siamo il popolo piu' ignorante in europa.....dove la maggior parte non conosce nemmeno l'inglese e facciamo la morale sempre agli altri!

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mar, 21/01/2020 - 11:55

Ammesso e non concesso che passi lo ius colturae della Boldrini,credo che ne vedremo delle belle.

bopaolo

Mar, 21/01/2020 - 13:40

ma vorrebbe una norma retroattiva? …. penso a quanti "italiani" rischierebbero grosso … gente uscita da scuola a malapena o neppure mai uscita … quelli invece le capiscono le leggi? e poi, crede che basti solamente conoscere l'Italiano per non commettere reato??? dato che siete colti, leggetevi Irlandese al 57% di Roddy Doyle

lorenzovan

Mar, 21/01/2020 - 22:44

allora perderemmo una ventina di milioni di #"concittadini" che l'italiano non lo sanno leggere parlare o scrivere...e neanche capire

Divoll

Mar, 21/01/2020 - 22:51

@ marinaio - in Alto Adige tutti conoscono l'italiano benissimo, anche i cittadini che si considerano austriaci. Ci ho fatto le vacanze per anni e non ho mai incontrato uno che non sapesse l'italiano.

Divoll

Mar, 21/01/2020 - 22:52

@jenab - Qui hanno fretta di farli votare x il PD.