La nostra sottoscrizione: 129mila euro in 24 ore

Tanti lettori del "Giornale" e "Libero" in campo per aiutare ad aprire l'ospedale di Milano

La solidarietà è una catena invisibile, fatta di volti, nomi, storie che si intrecciamo creando maglie così forti da riuscire ad accerchiare e si spera presto a soffocare il coronavirus.

Donate in tanti e fatelo subito. Sono i due imperativi che servono a sostenere il sistema sanitario improvvisamente messo a dura prova dall'emergenza Covid-19. La campagna lanciata dal Giornale e Libero due giorni fa ha già dato i suoi frutti e solo ieri è stata raccolta la somma di 129mila euro, che sono confluiti nel Fondo creato dalla Fondazione Fiera Milano, destinato a raccogliere capitali e risorse per la realizzazione dell'ospedale, in via di allestimento nei padiglioni 1 e 2 di Fieramilanocity, al Portello. La cifra donata dai nostri lettori si aggiunge ai 127.200 euro che Giornale e Libero avevano raccolto in passato a favore degli uomini delle forze dell'ordine e ora sono stati dirottati nel Fondo costituito nell'ambito della Fondazione di Comunità Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus. Qui già c'era un milione di euro stanziato da Fondazione Fiera Milano attingendo alle proprie riserve e stanno arrivando contributi importanti anche da multinazionali, istituzioni, nomi storici dell'imprenditoria milanese e lombarda.

Su www.ospedalefieramilano.it si possono seguire gli aggiornamenti quotidiani sulle attività di allestimento dell'ospedale e già a partire da oggi il Giornale pubblicherà il nome dei lettori che stanno donando, partecipando così all'allestimento del nuovo ospedale, fondamentale secondo Guido Bertolaso, consulente del governatore Attilio Fontana.

I primi due moduli nei padiglioni saranno pronti tra qualche giorno e l'assessore al Welfare, Giulio Gallera, ha spiegato che i macchinari stanno arrivando e i moduli sono in corso di realizzazione.

«L'ospedale per i malati Covid-19 prenderà il via entro la fine della settimana prossima - dichiara Bertolaso -. Le maestranze sono già all'opera si lavora 24 ore su 24, giorno e notte. Le attrezzature le stiamo reperendo in giro per mondo e c'è un grande gioco di squadra che sta funzionando. Il centro ospedaliero andrà avanti nelle sue realizzazione fino ad arrivare a 250 letti di rianimazione e terapia intensiva».

Non resta che donare quindi e alle banche un appello particolare: la sensibilità di considerare operazioni irrimandabili le donazioni e non respingere chi non riesce a farle con l'home banking. «Chiediamo la massima collaborazione di tutti gli enti e le istituzioni preposte per facilitare le donazioni - è l'appello di Fabio Storer, direttore della comunicazione della Fondazione Fiera Milano - sottolineandone ancora una volta l'importanza e l'estrema urgenza per contribuire in tempi più rapidi alla copertura delle risorse necessarie a realizzare l'ospedale in Fiera, che sta mantenendo il rispetto delle tempistica stabilite».

Intestazione conto: Fondazione di Comunità di Milano Città, Sud Ovest, Sud Est e Adda Martesana Onlus
banca: Intesa Sanpaolo
Iban IT18Y 03069 09606 100000162571
Causale: Fondo Fondazione Fiera per la lotta al coronavirus – Ospedale in Fiera. (http://www.fondazionecomunitamilano.org/fondi/fondo-ff-lottacoronavirus/)

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di rr

rr

Mar, 24/03/2020 - 10:06

Immagino che Capitan Assenteismo contribuirà con il 90% del suo stipendio (non è un numero a caso ma sua percentuale di assenteismo in Senato)