Obbligo vaccino per over 50, servizi e negozi: cambia tutto

Obbligo vaccinale over 50 fino al 15 giugno: è quanto stato deciso e approvato in Consiglio dei ministri. Super green pass per i lavoratori, per servizi e negozi basterà il green pass base

Obbligo vaccino per over 50, servizi e negozi: cambia tutto. Le novità dell'ultimo decreto

Come era stato paventato in cabina di regia, obbligo di vaccino per gli over 50 disoccupati, per chi ha un lavoro è necessario il super green pass: le nuove misure saranno in vigore fino al 15 giugno 2022: è quanto è stato deciso e approvato all'unanimità in Consiglio dei ministri, durato due ore e trenta minuti.

"Vogliamo frenare la crescita della curva dei contagi e spingere gli italiani che ancora non si sono vaccinati a farlo", ha affermato Mario Draghi nella sua introduzione al Cdm sulle nuove misure di contenimento del Covid. "I provvedimenti di oggi vogliono preservare il buon funzionamento delle strutture ospedaliere e, allo stesso tempo, mantenere aperte le scuole e le attività economiche", sottolineando che gli interventi presti vanno a favore delle "classi di età che sono più a rischio di ospedalizzazione per ridurre la pressione sugli ospedali e salvare vite".

Cosa dice la bozza del Dl

Per tutelare la salute pubblica e "mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell'erogazione delle prestazioni di cura e assistenza, l'obbligo vaccinale per la prevenzione dell'infezione da SARS-CoV-2, di cui all'articolo 3-ter, si applica ai cittobbliadini italiani e di altri Stati membri dell'Unione europea residenti nel territorio dello Stato, nonché ai cittadini stranieri, che abbiano compiuto il cinquantesimo anno di età", si legge nella bozza del Decreto legge discussa e approvata durante il Cdm. Non saranno obbligati alla vaccinazione quelle persone che hanno "specifiche condizioni cliniche documentate, attestate dal medico di medicina generale o dal medico vaccinatore, nel rispetto delle circolari del Ministero della salute in materia di esenzione dalla vaccinazione anti SARS-CoV-2".

Durata e super green pass

Nei casi sopra descritti, la vaccinazione può essere omessa o spostata così come per l'avvenuta immunizzazione a seguito di malattia naturale. L'obbligo vaccinale è valido fino al 15 giugno 2022. Per quanto riguarda il super green pass, ai lavoratori over 50 sarà richiesto "a decorrere dal 15 febbraio 2022". I lavoratori over 50 che violeranno le regole sul super green pass avranno una sanzione amministrativa compresa tra 600 e 1.500 euro "e restano ferme le conseguenze disciplinari secondo i rispettivi ordinamenti di settore", si legge nella bozza del nuovo decreto legge sulle misure anti-Covid. I lavoratori over 50 senza super green pass "sono considerati assenti ingiustificati, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del rapporto di lavoro, fino alla presentazione delle predette certificazioni, e comunque non oltre il 15 giugno 2022". Per quanto riguarda i giorni di assenza ingiustificata, "non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento, comunque denominati".

Dietrofront su servizi e negozi

Per l'accesso ai servizi alla persona, ai negozi, alle banche e gli uffici pubblici basterà il Green pass base, quello che si ottiene anche con il tampone, oltre che per vaccino o guarigione. È il compromesso che è stato raggiunto in Consiglio dei ministri dopo l'opposizione della Lega all'introduzione del Super Green pass riservato solo a vaccinati o guariti. L'originaria bozza del decreto prevedeva l'accesso a questi servizi soltanto con il Super pass ma il partito di Matteo Salvini aveva fatto sapere che se la misura non fosse stata attenuata, sarebbe scattato il voto negativo in Consiglio dei ministri.

Cosa succede alla scuola

Se in classe ci saranno almeno due casi di positività, si applicherà "la didattica digitale integrata per la durata di dieci giorni". Inoltre, se invece il positivo fosse uno, "si applica alla medesima classe la sorveglianza con test antigenico rapido o molecolare da svolgersi al momento di presa di conoscenza del caso di positività e da ripetersi dopo cinque giorni". Invece, con tre casi di positività in classe, chi non avrà concluso il ciclo vaccinale primario da meno di centoventi giorni, che non siano guariti da meno di centoventi giorni e ai quali non sia stata somministrata la dose di richiamo, "si applica la didattica digitale integrata per la durata di dieci giorni". Tutti quelli che invece daranno dimostrazione di aver effettuato il ciclo vaccinale o essere, si applicherà l'autosorveglianza con l'utilizzo di mascherine Ffp2.

"Positiva la mediazione raggiunta in Cdm. Ha prevalso il buon senso, scegliendo di dare un'altra spinta alla campagna vaccinale. Ora abbiamo alcune armi in più contro la variante Omicron, per tutelare salute ed economia. Grazie alle misure varate oggi, eviteremo altre chiusure". È quanto ha scritto sui social il sottosegretario all'Interno, Carlo Sibilia, dopo la fine del Cdm.

Allegati

Commenti