Ora i grillini difendono l'Arma. Ma volevano 'schedare' gli agenti

Dopo la morte del militare, Di Maio vuole la "legittima difesa" per i poliziotti. Ma il M5S firmò la norma anti-polizia

"Grande dolore", dice Toninelli. "Ci sarà una reazione", assicura Di Maio. "Siamo sgomenti", ripetono i deputati M5S. A leggere le frasi di cordoglio consegnate alle agenzie di stampa (o ai social) dagli esponenti del Movimento Cinque Stelle non si può che sottoscrivere il tono di sofferenza e i ripetuti ringraziamenti all'Arma dei carabinieri. Nulla da eccepire. Vincenzo Carlo Di Gennaro, il maresciallo di San Severo "barbaramente" ucciso a Cagnano Varano, è davvero morto per servire la Patria cui aveva giurato fedeltà eterna. Ed è giusto che la politica tutta, senza distinzioni, si unisca alle lacrime della famiglia e all'orgoglio dell'Arma che ha perso un "figlio".

C'è un però. E riguarda il passato. Si tratta di un emendamento di appena due anni fa firmato dai grillini e che sta facendo storcere il naso ad alcuni appartenenti alle forze dell'ordine. I più attenti sono andati a ripescare la proposta di modifica dei 5 Stelle al decreto legge di Marco Minniti sulla sicurezza urbana (approvato il 20 gennaio 2017). I deputati pentastellati in Commissione Affari Costituzionali, come rivelò in esclusiva ilGiornale.it, depositarono un testo che - se approvato - avrebbe portato alla "schedatura" dei poliziotti impegnati durante le manifestazioni. Una norma che li avrebbe resi ancor più il bersaglio di chi si ostina a rovesciare bombe carta, sassi e bottiglie di vetro contro gli agenti schierati per "garantire la nostra sicurezza" (cit Angelo Tofalo).

I grillini chiedevano di costringere "il personale delle Forze di polizia a ordinamento civile o militare, comunque impegnato in servizio di ordine pubblico" a "indossare l'uniforme di servizio" con "apposto" un "codice identificativo univoco di squadra, garantendone la visibilità a distanza di almeno 15 metri e anche in condizioni di scarsa luminosità". Certo, i codici sarebbero stati distribuiti garantendo "la casualità e la rotazione" per evitare di marcare a vita l'intera squadra. Ma resta il fatto che - come denunciò il Siap - la norma avrebbero messo "a rischio la sicurezza dei reparti di polizia e l’incolumità degli agenti" perché li avrebbe esposti "ad azioni di ritorsione mirate". Il rischio di un tiro al bersaglio, in Italia, non è certo da escludere.

Le firme in calce all'emendamento riportavano anche nomi importanti. Non solo Andrea Cecconi o Fabiana Dadone. Ma soprattutto Roberta Lombardi e l'attuale ministro Danilo Toninelli. Che oggi esprime "grande dolore e cordoglio" per il maresciallo crivellato di colpi, ma appena due anni fa non si faceva problemi a voler marchiare con un "codice identificativo" le squadre schierate a difesa dell'ordine pubblico.

Di acqua sotto i ponti ne è passata, per carità. Ma stupisce sentire Di Maio promuovere aggravanti per chi attacca i militari quando ieri i suoi colleghi sposavano i cavalli di battaglia dei centri sociali. "Ora basta - si lamenta il vicepremier - non è la prima aggressione che fanno contro un servitore dello Stato". Il grillino avrebbe già parlato col premier Conte: l'idea è quella di rivedere i poteri delle forze dell'ordine nei contesti in cui vengono aggredite. Una sorta di invasione nel campo di Salvini, magari per cercare di strappare un po' di consensi alla Lega sul tema della sicurezza. Le europee si avvicinano, ca va sans dire.

Il leghista è pronto, ovviamente. "Con me sfonda una porta aperta", ribatte Salvini premettendo che "cambiare idea è sintomo di intelligenza". E poi si chiede: "Ma non erano loro che volevano mettere il numeretto sul casco dei poliziotti?". Domanda lecita.

Chissà, magari la vicinanza con la Lega ha "fatto bene" ai grillini. Lo pensa anche Gianni Tonelli, deputato leghista ed ex sindacalista di polizia. Quella del M5S è una capriola non indifferente. Ben venga. Ma invece di intestarsi battaglie "leghiste", Di Maio potrebbe spingere per "approvare in fretta, come da accordi, la telecamera sulle divise che garantisce trasparenza". Una misura più concreta di mirabolanti annunci sulla "legittima difesa" per le forze dell'ordine.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Yossi0

Dom, 14/04/2019 - 14:16

Altrimenti i voti dell’Arma quando li prende ?

Giorgio5819

Dom, 14/04/2019 - 14:18

Tipica paraqlaggine di sinistra, tipico atteggiamento rosso travestito 5stelle... nulla di nuovo.

alberto_his

Dom, 14/04/2019 - 14:21

Entrambe iniziative condivisibili, non vedo affatto contraddizioni.

acam

Dom, 14/04/2019 - 14:23

non è che fosse una scusa per dare lavoro alla casaleggio?

obiettore

Dom, 14/04/2019 - 14:23

I grillini sono solo che degli acchiappa grulli. Pericolosi al cubo.

Alessio2012

Dom, 14/04/2019 - 14:37

NON CAPISCO PERCHE' STUPIRSI. QUESTA E' GENTE CHE DIFENDE GIULIANI.

flip

Dom, 14/04/2019 - 14:47

mi dispiace per chi cli ha creduto ma i capoccia dei 5 stalle sono solo ciALTRONI! il guappo dimaio poi. fà il guappo di mestiere! tutti sotto di lui! poveracci!

roberto zanella

Dom, 14/04/2019 - 14:49

HO SENTITO IL PROCURAQTORE DI FOGGIA IN CONF STAMPA, DISARMANTE, SEMBRACHE QUESTI MAGISTRATI STIANO CASCANDO DAL PERO. SICCOME IMPERA L'IDEOLOGIA DI SINISTRA NELLA MAGISTRATURA SI STANNO ACCORGENDO CHE LA REPRESSIONE SERVE, INVECE LORO PENSAVANO CHE CI FOSSE PARITA FRA CC O POLIZIA E DELINQUENTI. IDEOLOGIA COMUNISTA. E DAL G8 DI GENOVA CON LA DIAZ, CHE LA MAGISTRATURA HA MESSO A FERRO E FUOCO LA POLIZIA. I CC SI SONO ROVINATI LE MANI CON I SUOI GENERALI PRESENTANDOSI COME PARTE CIVILE NEL CASO CUCCHI. NON C'E' PARITA' FRA REPRESSIONE E DELINQUENZA. IL RISCHIO DEI CC E CHE CHI VIENE TENUTO IN CUSTODIA TI PUO' MORIRE IN CASERMNA MA CHI E FUORI IN DIVISA PER CUSTODIRE I CITTADINI PUO' MORIRE COME IL MARESCIALLO

Ritratto di cicciomessere

cicciomessere

Dom, 14/04/2019 - 14:52

@albero_his La sua e' una constatazione condivisible , anzi quasi lapalissiana , e' questo giornale che deve fare il titolo al veleno a qualunque costo , anche quello di essere ridicoli.

Ritratto di wilegio

wilegio

Dom, 14/04/2019 - 15:03

Sono dei cialtroni che hanno preso voti solo grazie al fatto che gli ultimi governi erano ancor peggio di loro... e ce ne vuole! Ma in fondo al cuore sono dei sinistri che si schierano per principio "contro" tutto e tutti. Non si può governare con questi presupposti. Comprendo perfettamente le remore di Matteo Salvini, ma temo che la fine di questo governo debba essere accelerata il più possibile, magari concordando con il colle (che forse comincia a rendersi conto della situazione... forse) un ritorno alle urne in tempi brevissimi.

amedeov

Dom, 14/04/2019 - 15:07

Se non vado errato a giuliani fu intitolata un'aula del senato per aver tirato un estintore ad un carabiniere, questo che lo ha ucciso, un carabiniere, sarà fatto presidente

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 14/04/2019 - 15:27

@Alessio2012 14:37...sono sempre più interessati di salvare i DIRITTI del DELINQUENTE(Caino),che i DIRITTI di chi è OBBLIGATO A DIFENDERSI(Abele),e/o INCARICATO dell'Ordine Pubblico.Nel loro DNA hanno il "NO QUESTO-NO QUELLO",la "trasgressione",la "protesta di piazza",il "permissivismo",il "gender",gli uteri in affitto-comodato",il "genitore 1-2-3",il "coccolamento dei ROM(et similia),del "poverino fancazzista" frequentatore di "centri sociali",del "poverino drogatello",del "poverino artista-imbratta-muri",...cosette del genere....Cosa volete che a loro interessi della Polizia dei Carabinieri?!

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Dom, 14/04/2019 - 15:33

Come di consueto questo giornale stravolge parole e concetti al fine di alimentare la contrapposizione fra fronti. Fermo restando che poco mi cale di quel che dice Toninelli e tutto il M5S mi unisco al cordoglio per il maresciallo ucciso da un delinquente, ed è proprio per rispetto nei suoi confronti che tengo ben separati i benemeriti da coloro che infangano la divisa nascondendosi dietro di essa, e non solo in maniera figurata, per dare libero sfogo ai propri istinti bestiali e alla propria vigliaccheria come già successo in passato. Quindi l'onore tributato al maresciallo Di Gennaro e la richiesta di pene più severe per chi si rende responsabile di aggressione nei confronti delle forze dell'ordine non è in contrasto con i codici identificativi apposti sulle divise durante le azioni di ordine pubblico. Quelle sulla schedatura sono una balla dato che non sarebbe resa pubblica la corrispondenza del codice con il nominativo del funzionario.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 14/04/2019 - 15:41

@amedeov 15:07...basta vedere Fico!

contravento

Dom, 14/04/2019 - 16:27

TUTTI LO SANNO E NESSUNO LO DICE: C'E' IL MARESCIALLO BRAVO ED EDUCATO CHE VA DIETRO AI DELINQUENTI E C'E IL MARESCIALLO MENO BRAVO E MENO EDUCATO CHE VA DIETRO ALLE PERSONE PERBENE.

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Dom, 14/04/2019 - 16:32

Non dimentichiamo che questa gente un tempo urlava nelle piazze: “se vedi un punto nero spara a vista, o è un Carabiniere o è un Fascista”. Buffoni!

SpellStone

Dom, 14/04/2019 - 16:32

LA DIFESA E' SEMPRE LEGITTIMA. e non riesco ad immaginare come non possa essere cosi'. quindi tutti coloro a favore sono BENVENUTI. Questo non vuol dire che si possa essere a favore del legittimo attacco.. quello NO MAI!! magari prima di scrivere un articolo si pensasse alla differenza delle due cose.

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 14/04/2019 - 16:32

@Dreamer_66: Si, a patto che i black-block e i loro servi dei centri sociali, si presentino a viso scoperto, e con il nome ben scritto sulle vestimenta!

ostrogoto55

Dom, 14/04/2019 - 16:38

I 5stallati anche con queste esternazioni dimostrano dilettantismo ed inesperienza, prima cavalcavano le ragioni dei centri sociali contro la polizia...... Oltre a cercare ed ottenere voti fra i cittadini non facenti parte delle forze produttive (maggioranza di nostri meridionali), adesso cercando voti anche fra le forze dell'ordine?

claudio faleri

Dom, 14/04/2019 - 16:46

la proposta dei grillini è una proposta suggeriti dalle falangi comuniste che disprezzano polizia e carabinieri se ci fosse stata sul seggiolone la sinistra, non sarebbe stato chiesta e nel caso che la polizia in circostante x caricasse, non sarebbe stata polizia fascista......una massa di sxxxxxi che alle prossime elezioni saranno bastonati

VittorioMar

Dom, 14/04/2019 - 17:22

..potrebbero emettere SUBITO un DECRETO a TUTELA delle Forze dell'Ordine.il Ministro della GIUSTIZIA è un RAPPRESENTANTE del M5S!!..NESSUNO LO IMPEDIREBBE ..anzi ..!!..o sono in "MALAFEDE"??

DRAGONI

Dom, 14/04/2019 - 17:25

SONO PERICOLOSI PRINCIPIANTI NATURALMENTE PREDISPOSTI A CREARE IRREPARABILI DANNI IN TUTTI I CAMPI.

mariolino50

Dom, 14/04/2019 - 18:40

In Usa, che ho girato anche da solo, dove la polizia spara molto più della nostra, i poliziotti hanno il numero di matricola in bella vista, anche se ti fermano per strada, e in galera non ci vanno neanche li. In quanto a schedature lo siamo noi, uno dei compiti è quello, forse il principale. Anche in altri paesi ho visto la police con nome o matricola, spesso anche più di maniere rudi dei nostri, noi dobbiamo essere sempre riconoscibili e con documenti in tasca, almeno dimostrino chi sono anche loro, se non hanno niente da nascondere.

wrights

Dom, 14/04/2019 - 19:05

Stupida propaganda contro. Lo dite anche voi che il M5S, voleva che le forze dell'ordine che fanno ordine pubblico nelle manifestazioni, fossero riconoscibili (solo a loro) con un numero identificativo (che poteva cambiare ogni volta), per poter denunciare la "matricola" di commetteva abusi. Non fa bene nemmeno all'Arma o ai PS che ci siano persone che abusano nascosti dietro ai caschi., ognuno si deve assumere le proprie responsabilità, SE SBAGLIA.

Reip

Dom, 14/04/2019 - 21:25

Troppo tardi! Lo hanno capito tutti che il M5S ha il DNA di sinisra!!!

sparviero51

Dom, 14/04/2019 - 21:33

SONO COME LA BANDERUOLA DEI CAMPANILI ,COME CAMBIA IL VENTO CAMBIA L'ORIENTAMENTO . RUFFIANELLI DI PERIFERIA !!!

killkoms

Dom, 14/04/2019 - 22:30

@dreamer66,sarebbe stato solo un altro sistema per legare ulteriormente le mani alle ff.oo!

acam

Lun, 15/04/2019 - 02:25

SpellStone Dom, 14/04/2019 - 16:32 ovvio che se mi difendo ho ragione, importante é accertare se in caso di morte dell'aggressore questo, è anche importante accertare se egli fosse realmente un aggressore per evitare, che in nome della legittima difesa si commettano eventuali omicidi. quello che non deve succedere che chi ha sofferto l'aggressione non debba pagare in proprio i costi della propria difesa e non risarcire eventuali aprenti degli aggressori che dovra accadere solo se la difesa sia stata illegittima cioé provocata o simulata per commettere il delitto.