Il no global Casarini torna alla carica: "codice identificativo sulle divise degli agenti"

All'epoca del G8 di Genova era tra i leader delle tute bianche, ora è segretario SI in Sicilia. E torna a minare l'autorità degli agenti

"Codice identificativo sulle divise delle forze dell'ordine". Lo ha chiesto Luca Casarini che all'epoca del G8 di Genova era tra i leader delle tute bianche e ora è segretario Sinistra Italiana in Sicilia.

Dopo la sentenza della Corte europea dei diritti umani su Bolzaneto ha ribadito che "va introdotto il numero identificativo sulle divise degli agenti affinchè possano essere riconosciuti e individuati". "La difficoltà di individuarli, tanto nelle piazze che nelle caserme è uno degli elementi che rischia di lasciare impunite vicende come Bolzaneto. Introdurre questa misura sarebbe il modo migliore di dimostrare all'Europa di aver imparato la lezione".

Pochi mesi fa è stato ritirato l'emendamento del governo che mirava a introdurre il codice identificativo sulle divise della polizia. L’esecutivo parlava di "problemi tecnici". Forte la contrarietà di alcuni esponenti di centrodestra per il timore di ritorsioni o intimidazioni per gli agenti e il tentativo di schedare i poliziotti. "Un'assurdità colossale da stroncare immediatamente", aveva dichiarato il vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di 98NARE

98NARE

Gio, 26/10/2017 - 16:18

quando si dice " dal LETAME " possono nascere delle buone IDEE.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Gio, 26/10/2017 - 16:28

Nessun problema, però parallelamente deve essere previsto un disposto di legge che consenta in caso di cortei di prelevare ed usare ogni mezzo coercitivo o meno per fermare chi si incappuccia, indossa caschi o occulta la propria identità per compiere reati quali la devastazione, la violenza, il disordine pubblico ecc. ecc.

VittorioMar

Gio, 26/10/2017 - 16:30

..SI ! SE SI FANNO RICONOSCERE ANCHE I CONTESTATORI...SE NON SI TRAVISANO..SE NON AGISCONO VIGLIACCAMENTE .SI! SE LE FORZE DELL' ORDINE POSSONO DIFENDERSI ADEGUATAMENTE !!...SI! SE NON INTERVENGONO I MAGISTRATI!!...E SI SE LA LEGGE SUL REATO DI TORTURA VENGA APPLICATA ANCHE PER LORO !!

Tuthankamon

Gio, 26/10/2017 - 16:34

Ma vattene rifiuto della terra!

Ritratto di nazionalista_sardo

nazionalista_sardo

Gio, 26/10/2017 - 16:45

ma dove vuole andare casarini il suo partitino alle nazionali del 2013 prese meno del 2% con s.e.l ,se mai vanno etichettati con codice key tutti i collettivi di nova sinistra globalista chiunque non si adegua al key deve essere ritenuto pericoloso e sovversivo dunque deve essere subito arrestato vediamo se questa opzione piace hai radical chic

giovanni PERINCIOLO

Gio, 26/10/2017 - 16:55

La richiesta potrebbe essere giustificata il giorno che ai "dimostranti" che "passeggiano" con passamontagna, caschi da motociclista e comunque non identificabili le forze dell'ordine avranno il diritto/dovere di sparare a vista!

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Gio, 26/10/2017 - 16:56

Non codice identificativo , ma una telecamera-agente-personale che filma tutto , ma proprio tutto delle ore di servizio(anche quando va a c....) : purtroppo non sono Ranger(la cui integrità morale è fuori discussione) e quindi è necessario : ma è difficile perchè in Italia si va sempre indietro mai avanti . Yeahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh .

fabioerre64

Gio, 26/10/2017 - 16:57

Io direi di applicare la stessa proposta alla feccia dei manifestanti, un bel numerone sulle tute bianche in modo che quando delinquono risulta poi più facile riconoscerli e sbatterli in galera.

carpa1

Gio, 26/10/2017 - 16:57

Siamo al delirio: quelli che dovrebbero essere identificabili sono proprio coloro che non lo sono e che si mimetizzano, contro legge del resto, coprendosi il volto con maschere e caschi e mischiandosi con la folla. Ma state ancora ad ascoltare questi idioti?

Ritratto di ANGELO LIBERO 70

ANGELO LIBERO 70

Gio, 26/10/2017 - 16:58

Se i poliziotti agissero secondo la legge non avrebbero nulla da temere.

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Gio, 26/10/2017 - 16:59

Per pari opportunità devono rendersi riconoscibili anche dall'altra parte, quella degli incappucciati. Ma che razza di lombrichi si allevano nelle zucche di certa gente?

Ritratto di tomari

tomari

Gio, 26/10/2017 - 17:14

@ANGELO LIBERO 70: La polizia agisce SECONDO LA LEGGE! Sono i no a tutto che sono dei delinquenti, appoggiati dal sinistrume nostrano e dalla cosidetta "magistratura".

mareblu

Gio, 26/10/2017 - 17:31

PIENAMENTE D'ACCORDO;Con CASARINI!.

giosafat

Gio, 26/10/2017 - 17:33

O pofferbacco, ho sentito un raglio...eppure non vedo somari in giro.

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 26/10/2017 - 17:36

--l'idea è magnifica ---ma gasparri mostra ancora una volta tutto il suo acume come i commetatori della stessa parrocchia---non si tratterebbe di schedatura -poichè il numero distintivo--dato random ad inizio turno ogni giorno ad ogni agente---cambierebbe il giorno successivo e poi quello seguente---per la denuncia di una presunta offesa occorrerebbe dunque non solo il numero ma anche il giorno esatto per abbinarlo ad un nome---

mareblu

Gio, 26/10/2017 - 17:40

IO PENSO, CHE NON HA SBAGLIATO CHI LE HA PRESE; MA SOLO CHI LE HA DATE GRATUITAMENTE. CON LA LORO IDENTIFICAZIONE , ADDIO POSTO STATALE.

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 26/10/2017 - 17:43

mi sembra giusto che le forze dell'ordine si debbano munire di codice ! a patto che gli antagonisti noglobal e immondizia varia si facciano tatuare nome e cognome sulla fronte .

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 26/10/2017 - 18:05

Alle prossime manifestazioni, si metta un cerchietto un po' sopra gli occhi...

altanam48

Gio, 26/10/2017 - 18:09

Giusto. Purchè si ritengano legali le difese degli agenti allorchè per tutelare la loro e l'altrui incolumità e i beni pubblici e privati da delinquenti mascherati e armati (sia pure di armi improprie comunque in grado di offendere ) fanno uso delle armi in dotazione, senza sfrugolare troppo circa la legittimità della reazione, negando ogni cervellottica interpretazione in tal senso al magistrato che dovrebbe avvalersi solo di dati oggettivi ed evidenti.

roberto.morici

Gio, 26/10/2017 - 18:49

Mi sembra giusto. Codice identificativo per il riconoscere ognuno degli agenti in attività alla pari di quanto fanno, da molti anni, tutti gli appartenenti ai centri sociali e simili associazioni per sapere chi si nasconde dietro caschi e bendaggi.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 26/10/2017 - 22:41

Siamo per le pari opportunità. Distintivo con nome di tutti i facinorosi, black block, cenrti sociali, anarchici, comunistardi vari, e galera immediata per chi si presenta incappucciato e quindi non riconoscibile. A queste condizioni si può mettere il nome sulal divisa degli agenti, ricordandosi che potrebbero essere vittime di vendette. I facinorosi non vengono ripresi, a loro a volte danno la caccia i criminali di cui sopra.

steacanessa

Ven, 27/10/2017 - 00:26

Tristo individuo sobillatore di belinoni che vanno a spaccare tutto ben mascherati! Vada all’inferno.

Popi46

Ven, 27/10/2017 - 07:14

@elkid: ragazzino,a volte sei commovente nella tua ingenua e meticolosa lettura degli eventi... Pensi davvero che a squinternati come tale Casarini (ancora in circolazione?) importi molto sapere se sia effettivamente Tizio o Caio l'autore di una violenza in divisa? A gentaglia così basta avere una divisa davanti per muovere le mani, e se conoscono anche un solo numeretto potrebbero identificare chi indossava il casco ed aspettarlo sotto casa..

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Ven, 27/10/2017 - 08:54

prima la legge ad hoc sul reato di tortura....cosi' i delinquenti possono dormire sonni tranquilli...ora la casacca con il numero;i delinquenti e chi li appoggiano ringraziano

nopolcorrect

Ven, 27/10/2017 - 09:19

Ovviamente il consiglio del comunistone Casarini non va seguito.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Ven, 27/10/2017 - 09:26

Roberto_70 - Peccato che, nell'eventuale seguito giudiziario, ci penserà certa magistratura militante a rendere più o meno vana qualsiasi iniziativa contro i no-tutto. Arriverà il giorno in cui corpi armati dello stato se ne staranno tranquilli e non faranno niente se la furia di sti ragazzotti dovesse sublimarsi in un bell'ingresso nei palazzi del potere e devastarli di "tutto punto"? Che farà dopo il governo, licenzierà quelli che non hanno fatto niente? Ah .. che ridere! Se i corpi armati dovessero applicare le tutte le regole vigenti alla lettera, stia tranquillo che la sicurezza subirebbe una battuta d'arresto di grande portata, direi quasi totale, a partire da mezzi ed equipaggiamento. Il classico sciopero bianco, per intenderci. Se è questo che certa politica vuole, a mio avviso non ci vorrà molto altro tempo per arrivarci.

mariod6

Ven, 27/10/2017 - 10:11

Prima di identificare gli Agenti bisogna identificare i facinorosi violenti come lui. Tutti i no-global, i n-TAV, i membri dei centri asociali devono avere la targhetta con il nome e l'indirizzo sui vestiti. In questo modo si potranno andare a cercare dopo ogni disastro fatto in giro per il mondo.