Ora M5s teme il crollo ​e punta all'election day

Spunta un emendamento alla manovra che potrebbe portare ad un accorpamento delle Regionali con le Europeee. Il piano del M5s

Ora M5s teme il crollo ​e punta all'election day

Il Movimento Cinque Stelle teme sempre di più un crollo nei consensi. Tutte le ultime rilevazioni segnalano un calo nei sondaggi con un'impennata dei consensi per la Lega e con una crescita costante dell'area di centrodestra. L'appuntamento per le Europee è di quelli decisivi: un banco di prova per il governo e per la stessa maggioranza. E così i 5 Stelle per evitare un ulteriore tracollo provano a correre ai ripari. L'idea è quella di accorpare le Regionali in Sardegna, Piemonte, Abruzzo e Basilicata alla consultazione per l'Europarlamento. Una mossa che potrebbe di fatto allontanare il rischio di una caduta alle Regionali prima delle Europee in grado di condizionare la consultazione per il rinnovo del Parlamento di Strasburgo. Così con un emendamento in manovra spunta l'election day.

Il testo dell'ememdamento, come riporta l'HuffPost è abbastanza chiaro: "Al fine di garantire la più elevata partecipazione dei cittadini alla vita politica [...] nonché il contenimento dei costi a carico della finanza pubblica, [...] gli organi che scadono nel primo semestre dell'anno sono rinnovati nel turno primaverile, che si tiene in una domenica compresa tra il 15 aprile e il 15 giugno. Qualora in un turno elettorale si debbano svolgere le elezioni europee, la data del turno è stabilita nella stessa data". E un accorpamento simile può solo favorire i 5 Stelle che da sempre soffrono le consultazioni amministrative.

Commenti