"Nessuno compra lo Sputnik": è lite tra Bonaccini e De Luca

Stefano Bonaccini silura Vincenzo De Luca, che ha acquistato il vaccino Sputnik prima dell'autorizzazione dell'Ema e dell'Aifa

"Nessuno compra lo Sputnik": è lite tra Bonaccini e De Luca

Scontro tra Stefano Bonaccini e Vincenzo De Luca sul vaccino Sputnik. Il governatore della Campania e quello dell'Emilia Romagna sono compagni di partito nel Pd ma questo non ha impedito a Bonaccini di aprire la polemica con il suo collega. De Luca, infatti, pare già acquistato le dosi di vaccino Sputnik senza aspettare l'ok dell'Ema, tanto meno quello dell'Aifa. "Nessuna Regione italiana può acquistare i vaccini per conto proprio, per come stanno le regole oggi, se le regole cambieranno vedremo. Sicuramente nessuna Regione può acquistare vaccini senza l'autorizzazione degli enti regolatori che vigilano su sicurezza ed efficacia", ha detto il governatore dell'Emilia Romagna a Mezz'ora in più, il programma di Rai3 di Lucia Annunziata.

La polemica di Stefano Bonaccini non è sul merito del vaccino russo, per il governatore dell'Emilia Romagna già in passato ha sollecitato l'acquisto per incrementare il potenziale vaccinale del nostro Paese. Ma Stefano Bonaccini non ha mai preteso l'arrivo dello Sputnik senza l'autorizzazione delle autorità di controllo. Ma è l'atteggiamento di Vincenzo De Luca, che ha anticipato le mosse dell'Ema e dell'Aifa ad aver innervosito il governatore dell'Emilia Romagna. Con Lucia Annunziata, Stefano Bonaccini ha fatto il punto sulla situazione vaccinale in Italia e ha difeso le modalità di lavoro del governo. "Finora non è mancata l'organizzazione, sono mancate le dosi", ha accusato Stefano Bonaccini.

"Tra aprile e giugno arriveranno 52 milioni di dosi, altri 80 milioni entro settembre. Nella seconda metà di aprile arriverà Johnson&Johnson, l'unico vaccino monodose. Se si fa un calcolo, abbiamo il numero sufficiente per vaccinare tutti gli italiani che lo vorranno", ha sottolineato il governatore dell'Emilia Romagna facendo il punto sull'immediato futuro. Domani, per altro, Stefano Bonaccini partecipaerà all'incontro con Mariastella Gelmini, Francesco Paolo Figliuolo e Fabrizio Curcio: "Domani non ci sarà Draghi. Quello che diremo è che ci sarà da stringere i bulloni".

Il governatore dell'Emilia Romagna ha rivelato che nei prossimi giorni ci saranno anche altri incontri con le alte autorità dello Stato per pianificare la campagna vaccinale: "Avremo un altro incontro anche con Franco sul Recovery Plan e la prossima settimana avremo un'altra riunione anche con Draghi". Stefano Bonaccini, poi, si è scagliato anche contro gli operatori no vax: "Condivido che infermieri e medici siano vaccinati. È scandaloso che chi deve tutelare la propria vita e quella degli altri rimanga al proprio posto se non si vuole vaccinare".

Commenti

Grazie per il tuo commento