Politica

Il Pd protesta coi 5 Stelle, Giarrusso mima le manette

I senatori del Pd che contestano i 5S: "Vergogna, decide Casaleggio". E Giarrusso risponde mimando le manette

Il Pd protesta coi 5 Stelle, Giarrusso mima le manette

Da una parte gli applausi ironici e i cartelli "Vergogna", dall'altra il gesto delle manette. Poco dopo il voto in Giunta per le immunità sul caso Diciotti e la richiesta mandare a processo Matteo Salvini, fuori da Sant'Ivo alla Sapienza è stata messa in piazza l'ultima sceneggiata tra Pd e M5S.

Tutto è partito da un "flash mob" del Partito democratico che si è presentato fuori dalla sede della Giunta con cartelli e slogan per contestare il voto dei 5 Stelle e quella che ritengono una retromarcia sulle immunità. "Vergogna", "La chiamavano onestà" e "Decide Casaleggio", si legge sui cartelli. E quando i senatori dem hanno visto uscire il collega grillino Mario Michele Giarrusso, hanno gridato "Onestà onestà onestà".

A quel punto il 5S ha risposto facendo il gesto delle manette e ai cronisti che gli chiedevano di replicare alla protesta ha risposto: "Sono quelli che hanno i parenti arrestati".

"Il comportamento di Giarrusso che ha mimato il gesto delle manette ai contestatori dem? Secondo me gli è scappata di mano la situazione nella pressione del momento". Così il vicepremier Luigi Di Maio intervistato da Giovanni Floris a diMartedì su La7. Dello stesso avviso il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede: "Il gesto del senatore Mario Giarrusso è sicuramente sbagliato, un senatore della Repubblica non deve permettersi di farlo".

Commenti