Piazzapulita, lite Santanchè-Parenzo: "Cafone", "Non sai un c…"

Duro botta e risposta nello studio di PiazzaPulita tra la senatrice di Fratelli d'Italia e il giornalista

Piazzapulita, lite Santanchè-Parenzo: "Cafone", "Non sai un c…"

È finito in "tele-rissa" il confronto televisivo tra Daniela Santanchè e David Parenzo. Lo studio di Piazzapulita, il talk show di approfondimento politico condotto da Corrado Formigli su La7, si è trasformato in una sorta di "ring" che ha visto i due dirsele di santa ragione.

Nel corso dell'ultima puntata del format si è parlato delle adunate delle "sardine" contro la Lega e Matteo Salvini, che si allargano alle piazze di tutt’Italia, dopo il flash mob di Bologna. Dunque, ecco il dibattito sulla Legge di Bilancio e le future (nuove) tasse che colpiranno gli italiani; infine, un approfondimento con tanto di inchiesta sul mondo dell’estrema destra italiana, con un focus su quella veronese. Insomma, dalle curve degli ultras alle istituzioni.

In studio, per discutere della questione, i giornalisti Luca Telese, Valentina Petrini e, appunto, David Parenzo, mentre il collegamento audio-video c'è Daniela Santanchè. Ed è proprio contro la senatrice ci Fratelli d'Italia, che la "zanzara" se la prende.

Parenzo, infatti, quando prende la parola si scaglia contro l'esponente del partito di Giorgia Meloni: "A Padova, Fratelli d’Italia ha organizzato la simpatica iniziativa ‘La dottrina del fascismo’. Poi c’è un altro manifesto di FdI relativo alla passata campagna elettorale in cui si usa il classico stereotipo del banchiere usuraio ebreo". Il giornalista va all'attacco mostrando dal proprio cellulare le locandine in questione. E aggiunge: "Qui è raffigurato Soros e sotto fa capolino la seguente frase: ‘Tenetevi i soldi degli usurai, la nostra forza è il popolo italiano’. Ecco si tratta dei tipici stilemi della propaganda degli anni Trenta, del Fascismo…".

E qui la senatrice di FdI sbotta contro la sparata dell’interlocutore: "Ma cosa sta dicendo, Parenzo! Ma dai, ma abbia almeno buon gusto. Se devo sentire queste cazzate, questi paragoni. Stiamo parlando di razzismo, dell’antisemitismo, di cose serie…".

Ed ecco che il conduttore radiofonico la interrompe con fare provocatorio e la sbeffeggia, chiamandola "Danielina": "Io non ti voglio togliere il buonumore Danielina. Danielina, vestita di rosso, guarda qui…ce la fa a guardare?". E la Santanché resta di stucco di fronte ai toni di Parenzo: "Ma che modo è di parlare, ma lei è veramente un cafone…". David Parenzo, non domo, affonda ancora il colpo: "Dio, patria e famiglia con il fascio littorio, in onore della marcia su Roma. È il menù di FdI per la marcia su Roma. Voi giocate con il neofascismo e ci credo che lei non sia fascista, perché non sa un cazzo di cosa è stato il Fascismo".