Pizzarotti: "Il 2020 potrebbe essere l'anno della fine dei 5 Stelle"

Il sindaco di Parma sottolinea che dopo il voto in Emilia-Romagna i pentastellati rischiano di scomparire dalla scena politica

"A livello nazionale, se tutto è iniziato nel 2009, il 2020 potrebbe essere l'anno della fine politica dei Cinque stelle”. La previsione è del sindaco di Parma Federico Pizzarotti, primo sindaco grillino nella storia italiana e primo a essere sospeso dal Movimento. Già a novembre dello scorso anno, il leader di Italia in Comune si era espresso in modo severo verso il partito fondato da Gianroberto Casaleggio e Beppe Grillo.

Pizzarotti è convinto che dopo le elezioni in Emilia-Romagna i pentastellati scompariranno dalla scena politica. E aggiunge che domenica sarà dura per loro perché Bonaccini ha un programma politico serio. Il sindaco di Parma crede che vincerà l’attuale governatore anche se sarà una battaglia dall’esito incerto. A questo proposito, Pizzarotti spiega che “anche in Emilia siamo dentro un’onda più grande, quella stessa che negli Stati Uniti, nel Regno Unito o in Austria, ha consentito di far prevalere un elettorato “decentrato”, che spesso - prosegue - va al di là del raziocinio in senso stretto”. Inoltre, per l’ex grillino esiste la spinta della Lega che non è semplice da contrastare e con cui bisogna fare i conti.

In un’intervista alla Stampa, il sindaco di Parma si esprime poi sugli elettori dei 5 Stelle e precisa che inizialmente il Movimento era sostenuto dai delusi della sinistra, mentre oggi questi delusi sono andati in parte verso la Lega e in parte non votano. E racconta che “quando da noi c’è stato il dibattito se fare un’alleanza regionale con il M5S, mentre alcuni facevano prevalere una logica aritmetica, io dissi che sarebbe stato dannoso allearsi con un Movimento che sta al 15% solo nelle logiche dei sondaggisti nazionali - continua -, mentre in Emilia-Romagna è dato tra il 5 e il 7%”. Secondo Pizzarotti se questo scenario si realizzasse, potrebbe significare tornare indietro di 10 anni e sarebbe la dimostrazione che i 5 Stelle stanno diventando sempre più deboli.

Sulle sardine, il sindaco di Parma sottolinea che hanno contribuito a portare una ventata di freschezza e di orgoglio legato alla sinistra. E aggiunge che stanno promuovendo una serie di tematiche e di valori importanti. Questa situazione ha risvegliato in molte persone demotivate e incerte una voglia di tornare in piazza.

Pizzarotti evidenzia infine che dopo il voto in Emilia, il Partito democratico e il Movimento 5 Stelle "faranno due cose: proveranno a rifondarsi, ma entrambi non toccheranno il governo".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

scurzone

Mer, 22/01/2020 - 13:05

La fine dei 5 stelle sarà una buona notizia.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 22/01/2020 - 13:45

Il naufragio é in corso. Difficile misurare oggi quale sarà il peso politico di M5S nel prossimo futuro, anche perché tale futuro é certamente molto incerto. Si comincia a dire che M5S scenderà sotto il 10%, ma non meraviglierebbe un crollo anche superiore. Vedremo e verosimilmente rideremo.