Con Podemos e catalani Sánchez sarà premier: subito più tasse ai ricchi

Intesa trovata: evitato il quinto voto in 4 anni Il via dopo l'Epifania: dialogo con Barcellona

Madrid Con un ritardo esagerato e così inedito per la poco più che quarantenne democrazia iberica, abituata a un granitico bipartitismo, preciso e puntuale nel creare legislature durevoli, all'alba di ieri, l'alleanza Socialisti-Podemos (Up) è riuscita a strappare un prezioso accordo con la riottosa Sinistra Repubblicana Catalana e indipendentista (Erc). Non esiste nulla di stabilito e scritto, ma dopo l'Epifania, la Spagna avrà finalmente un governo, dopo uno stallo politico che perdura dal 2018.

Il premier ad interim socialista Pedro Sánchez, ormai al limite di un crisi di nervi, dopo un Natale trascorso tra negoziati e incertezze, ora accelera per arrivare a ricevere l'incarico dopo la votazione al Congresso. Con la rimozione dell'ultimo ostacolo, la diffidenza dei catalani nell'assecondare la sua nomina astenendosi dalle votazioni, ora i lavori dovrebbero procedere in modo più spedito, ma non alla velocità che vorrebbe Sánchez, frustrato di rischiare nuovamente di violare i tempi costituzionali e ricadere nell'incubo di una nuova e quinta tornata elettorale in quattro anni. Conquistata la fiducia dei catalani, non perderà la faccia davanti ai quei sei milioni di spagnoli che l'hanno preferito per ben due volta in meno di un anno, senza però, mai dargli la maggioranza assoluta, come avvenne, con José Louis Rodríguez Zapatero.

Infatti, con un numero di seggi da minoranza assoluta, Sánchez ha dovuto cedere al corteggiamento di Pablo Iglesias, ex alleato esterno che, però, a questo giro, ha preteso di entrare nella stanza dei bottoni, chiedendo la vicepresidenza e un paio di ministeri importanti. Ma, soprattutto, Sánchez ha dovuto sforzarsi di cercare il dialogo con Erc, quando Barcellona bruciava da tre settimane, sconvolta da una guerriglia urbana scatenata dalle dure condanne ai leader indipendentisti. Ha dovuto dialogare con chi, sulla carta è nemico del governo centrale di Madrid, cui non riconosce l'autorità. Un nemico che dal 2015 porta avanti, in modo unilaterale, il processo d'indipendenza, contro Stato e Costituzione, annaffiandolo con parole di odio e rivolta.

Ora il premier, uscente e rientrante, si aspetta da una manciata di deputati catalani il via libera alla sua investitura, in modo da far quadrare il bilancio generale dei seggi, sempre in minoranza, e formare il suo esecutivo «progressista e di sinistra». E già ieri sera, il leader del Psoe è apparso in diretta tv dalla Moncloa per darne un assaggino: sul tavolo l'aumento delle tasse ai redditi più alti (oltre i 130mila euro l'anno), alzare il salario minimo a mille euro, rivedere la riforma del lavoro dettata sei anni fa dalla Troika e affrontare la questione catalana con più dialogo e meno manganello.

Per arrivare all'accordo con Erc, Sánchez ha dovuto azzardare promesse, difficilmente realizzabili nel breve termine. Ma lui sa che ora l'importante è governare, chiudere questa barzelletta dei giri infiniti alle urne, pensare a cambiare la legge elettorale proporzionale (che incide a livello di circoscrizioni, non di risultato generale). È del 1976 e non è più adatta a una Spagna diventata frammentata e divisa. Se l'accordo tiene, se i catalani non tradiscono, nel 2020 a Madrid si governerà.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 31/12/2019 - 11:43

Mi sa che i ricchi strafondi saranno in gran parte già "volati" altrove. Solita vecchia musica: pensare di incrementare il pil, il lavoro e agevolare su tassazioni meno esose? Alle calende greche.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 31/12/2019 - 12:03

Cose da comunisti.

Savoiardo

Mar, 31/12/2019 - 12:21

Cosa dice la UE?

scurzone

Mar, 31/12/2019 - 12:57

Cose da vecchia lega Nord, prima che diventasse sovranista.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Mar, 31/12/2019 - 14:18

"Un nemico che porta avanti, in modo unilaterale, il processo d'indipendenza contro Stato e Costituzione, annaffiandolo con parole di odio e rivolta." Mai sentito parlare di autodeterminazione dei popoli? Immagino di no. Allora cambio domanda: mai sentito parlare di un popolo che abbia conquistato l'indipendenza limitandosi a chiedere cortesemente al dominatore di andarsene?

martinsvensk

Mar, 31/12/2019 - 16:16

Quintus Sertorius. Se gli indipendentisti catalani vogliono l'indipendenza dalla "cattiva" Spagna che per rimorsi franchisti (ingiustificati) ha concesso loro un'autonomia senza uguali in Europa,spieghino come intendono risolvere alcuni "problemini" tipo l'appartenenza alla UE dove per entrare dovrebbero mettersi in fila con Kossovo, Albania e compagnia cantante visto che non è che possano entrare grazie alla loro infinita autostima. Inoltre spieghino come regolare il rapporto con l'Euro, la Nato, le imprese in fuga verso altri lidi e, dulcis in fundo, la relazione che dovranno avere con la metà della popolazione, se non di più, che indipendentista non è. Chissà perché eludono tali questioni preferendo gridare Vizca Catalunya che nulla costa.

maurizio50

Mar, 31/12/2019 - 16:16

Spagna addio!! Con i Sinistrati al potere finiranno i tempi d'oro. Si sa che quelli di sinistra non sanno guadagnare un soldo, ma a spendere il denaro altrui sono IMBATTIBILI!!!

Blueray

Mar, 31/12/2019 - 16:29

Un altro popolo non coeso, troppa sinistra, troppi indipendentisti, troppi se, un governo che sta insieme con lo scotch, una legge elettorale di 44 anni fa: che ci si può aspettare di più (diceva la Mannoia).

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Mar, 31/12/2019 - 17:15

ogni giorno mi sorprende il fatto che la Spagna non sia ancora collassata economicamente e socialmente (ma manca poco...)

scurzone

Mer, 01/01/2020 - 14:39

dr. Strange, la Spagna è messa decisamente meglio di noi e noi abbiamo pure gli Itagliani!