Presa diretta indaga su Rousseau. Casaleggio non ci sta: "Vomitevole"

Davide Casaleggio, proprietario della Casaleggio Associati, contro la trasmissione di Rai Tre per il servizio sulla piattaforma grillina: "Basta menzogne su mio padre"

Presa diretta indaga sulla piattaforma Rouseeau e il proprietario della stessa, Davide Casaleggio, va all'attacco del programma di Riccardo Iacona.

Spieghiamo. Nella puntata di lunedì 10 febbraio, la trasmissione di Rai Tre ha dedicato un ampio approfondimento alla piattaforma cuore de Movimento 5 Stelle, spiegando per filo e per segno come funziona e raccontando quelli che sarebbero i suoi "segreti". Ecco, l'inchiesta di Presa diretta è andata di traverso al presidente della Casaleggio Associati, proprietaria, appunto, del servizio che prende il nome dal filosofo ginevrino.

Il figlio di Gianroberto ha tuonato sul Blog delle Stelle attaccando frontalmente il format della terza rete di "Mamma Rai": Ecco l'affondo di Casaleggio nel post dal già significativo titolo "Disinformazione e menzogne. Ora basta!": "Ieri sera ho visto un servizio televisivo vomitevole da parte di Rai3 su Rousseau e il Movimento 5 Stelle. Ho visto persone allontanate dal movimento per inadeguatezza da mio padre citare frasi inventate di mio padre per darsi un tono e far finta di esserne stati amici. Ho visto persone che stanno affrontando in questi giorni il tribunale per diffamazione essere trattate come fonti autorevoli".

E prosegue così: "Ho visto un giornalista pubblicare una nota stampa di risposta a due domande che mi erano state recapitate e che evidentemente ha ritenuto fosse troppo lunga e ha deciso di censurarne una parte. Capisco che, ad esempio, sapere che le fonti intervistate sono state portate in tribunale non faceva forse gioco alla trasmissione…".

La replica del presidente della Casaleggio Associati continua facendo riferimento allo scandalo Facebook-Cambridge Analytica: "Volete sapere quali sono i clienti italiani di Cambridge Analytica? Vi do un indizio. Il MoVimento non lo è stato. I giornalisti lo sanno bene e hanno già gli elementi per identificare chi invece lo è stato, ma forse per qualche motivo non vogliono andare fino in fondo. Preferiscono restare sulla viscida linea dell'insinuazione verso il MoVimento". Quindi, l'imprenditore e socio fondatore del M5s dichiara che i dati raccolti dalla Casaleggio Associati "sono stati utilizzati i da parte del MoVimento e da Rousseau in maniera etica e nella tutela degli iscritti".

Finita qui? Macché. Dopo aver etichettato come "becero" il modo in cui Presa diretta avrebbe fatto informazione sulla tecnologia e l'innovazione, Davide Casaleggio ribadisce l'intenzione di raccogliere il testimone lasciatogli dal padre: "Mio padre mi ha chiesto di portare avanti il progetto Rousseau e di esserne custode. A me non piacciono i riflettori, ma credo sia necessario difendere pubblicamente il lavoro di mio padre, delle persone che ci hanno lavorato in questi anni, di quelle che ci lavorano e di quelle che lo sostengono. Nei prossimi giorni andrò in tv per farlo". Chissà se lo farà a Presa diretta

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 11/02/2020 - 15:08

si si come no :-) come dice un proverbio: se vai con lo zoppo,impari a zoppicare. ma poi, mi pare che il M5S abbia volentieri fatto alleanza con il PD, quindi cosa volete? :-) ma vi lamentate pure?????

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 11/02/2020 - 15:11

Quale informatico in pensione so bene che la piattaforma Rousseau è un pallone gonfiato, con un software piuttosto banale. Infatti il suo contatore di consensi, millantato come infallibile "votazione cibernetica", è come quel numerino rosso che compare su ognuno dei tanti, tantissimi articoli di codesto Giornale on line.

tiromancino

Mar, 11/02/2020 - 17:52

Sono le stesse persone di telekabul,e adesso è pure al governo con alcuni di quelli