Il rapper che contesta il re ed esalta l'Eta fugge all'estero come i leader catalani

Il rapper che contesta il re ed esalta l'Eta fugge all'estero come i leader catalani

José Miguel Arenas Beltran, in arte Valtonyc, è un rapper spagnolo di 24 anni che a causa dei testi delle sue canzoni (in cui si «attacca duramente il re e la monarchia spagnola») è stato condannato a tre anni e mezzo di carcere. Non avendo intenzione di scontare la condanna, il rapper si è dato alla macchia. Ed è tuttora latitante. Neanche si trattasse di un leader catalano... Sta di fatto che contro di lui ieri è stato spiccato un mandato di cattura internazionale. Un caso che sta facendo molto discutere in Spagna dove molti invocano alla libertà di espressione e di opinione. Valtonyc, che si definisce anticapitalista, repubblicano e antifascista, difende a spada tratta i suoi testi, in cui in passato si è anche lanciato in apprezzamenti ai terroristi dell'Eta e incitamenti a usare la violenza contro il potere appellandosi proprio alla libertà di espressione. Prima di scomparire aveva dichiarato: «Non sarà facile prendermi, questo è uno Stato fascista ma io non mi arrendo».

I guai di Valtonyc con la giustizia spagnola ebbero inizio già nel 2012 quando venne arrestato alla fine di un suo concerto con le accuse di «esaltazione del terrorismo, incitamento alla violenza e ingiurie alla Corona». Pochi mesi fa per alcuni tweet e una canzone che prendevano di mira la Corona spagnola, un altro rapper ha rischiato di finire in carcere.

Si tratta di Pablo Hásel (nome artistico di Pablo Rivadulla), condannato ad una pena detentiva di due anni e un giorno di prigione, oltre a una multa di 24mila e 300 euro, per «esaltazione del terrorismo, insulti alla Corona e alle istituzioni statali».

In febbraio si era tenuta l'ultima udienza al'Audiencia Nacional spagnola prima della sentenza. Il procuratore aveva chiesto due anni e nove mesi di carcere e una multa di 40mila euro. In caso il cantante non avesse potuto pagare, gli anni di galera sarebbero stato cinque.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Pubblica un commento
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette. Qui le norme di comportamento per esteso.
Accedi
ilGiornale.it Logo Ricarica