Ecco le nuove date per il pagamento del reddito di cittadinanza

Anche ad ottobre, senza alcuna variazione, sarà erogato il reddito di cittadinanza. Ecco tutto quello che c'è da sapere per ricevere il sussidio

Ecco le nuove date per il pagamento del reddito di cittadinanza

Anche per questo mese, senza alcuna sorpresa dell'ultimo minuto, il reddito di cittadinanza sarà erogato mercoledì 27 ottobre 2021. Per coloro che hanno ricevuto il sussidio per la prima volta, con tanto di consegna della carta dedicata, la data è stata invece venerdì 15 ottobre.

Tagli e verifica del saldo

Come previsto da un decreto attuativo varato dal governo Conte, dall'agosto del 2020 per alcuni benficiari il sussidio grillino si è ridotto del 20%. Nello specifico, tutti i percettori del reddito che entro il mese dell'erogazione non spenderanno l'intero importo caricato sulla carta, andranno incontro a suddetto taglio.

Per verificare il proprio saldo attuale è possibile contattare il numero verde gratuito 800 666 888, preposto proprio per dare informazioni circa il saldo della carta Reddito di cittadinanza. Una volta composto il numero, basta premere il tasto 1 e poi indicare le 16 cifre indicate sulla carta. In alternativa può essere utilizzato lo sportello Postamat, da cui è possibile prelevare in contanti una parte della somma, nel rispetto dei limiti previsti (100 euro al mese per i single, 220 euro per chi ha una famiglia con almeno 4 persone). C'è poi a disposizione il sito ufficiale redditodicittadinanza.gov.it, a cui è possibile accedere tramite Spid.

Cambiamenti e rinnovo Isee

Dal mese di ottobre dello scorso anno si erano già verificate delle modifiche relative al reddito di cittadinanza. Ad esempio, tutti coloro che ricevono il sussidio avevano dovuto recarsi agli uffici di Poste Italiane per ritirare la carta necessaria per ottenere i pagamenti, sulla quale era già caricato l'importo del mese. La dichiarazione Isee presentata in quel momento per ottenere il reddito era però valida sino al 31 dicembre dello stesso anno. Ne consegue che tutti coloro che hanno inoltrato la domanda nel 2020 dovranno rinnovare la procedura entro il 31 dicembre se vogliono continuare a percepire il sussidio. È necessario, dunque, disporre di un Isee aggiornato. Ovviamente, le dichiarazioni Isee inoltrate a partire dal primo gennaio 2021 saranno valide sino alla fine dell'anno corrente.

Come ricordato anche dall'Insp, è necessario rinnovare il proprio Isee anche per continuare a d usufruire delle altre prestazioni assistenziali e bonus previsti dalla legge. Per inoltrare la propria domanda, si può accedere alla pagina dedicata messa a disposizione dallo stesso istituto di previdenza sociale tramite Pin, Spid, Cie o Cns. È inoltre possibile presentare la domanda presso le Poste dopo il 6 di ogni mese, oppure al Caf o patronato. È anche a disposizione il portale www.redditodicittadinanza.gov.it, messo a disposizione sul sito del ministero del Lavoro.

Commenti