La Regione Lazio regala 70mila euro a un'associazione gay

L'azienda che si occupa di edilizia residenziale avrebbe fatto un forte sconto sull'affitto a un gay help line

La Regione Lazio regala 70mila euro a un'associazione gay

"Dopo le morosità vergognose dei locali dati in locazione ai partiti politici, attendo ora le risposte puntuali dell'Ater Roma (l'azienda territoriale per l'edilizia residenziale Roma ndr) nella conduzione del contratto di affitto con l'associazione Gay Help Line, affittuaria di uno stabile in via Nicola Zabaglia 14 a Testaccio che aveva accumulato una morosità complessiva di oltre 200.000 euro, chiuso con un accordo tra le parti tutt'altro che lineare e con numerose oscurità capace a nostro avviso di generare un minor introito per le casse dell'Ater stimabile in circa 73.000 euro". Lo dice il consigliere regionale del Lazio, Fabrizio Santori, membro della commissione politiche per la casa, anticipando che farà un'interrogazione in Regione su questo tema.

"Sulla questione, per la quale è stata già interessata la procura di Roma e la Corte dei Conti, chiedo - prosegue l'esponente dell'opposizione - risposte precise oltre che politiche e non le solite relazioni analitiche ad asettiche che sviliscono il ruolo di controllo e vigilanza dei consiglieri regionali, che già il presidente Zingaretti ha tentato più volte di circoscrivere ed arginare. Di tutti gli errori formali, interpretativi, gestori fino a questo momento non hanno prodotto alcun richiamo, sanzione o ammissione di colpa. Stante l'imbarazzo dell'assessore competente che continua a mostrare sulla legge per il riordino delle Ater, già so che questa vergognosa linea verrà mantenuta ma la nostra azione di trasparenza e rispetto delle leggi andrà avanti".

Commenti