Requisizione di Stato sulla casa

Dal marzo scorso, per effetto di diverse leggi, è in atto una requisizione di fatto di una parte degli immobili privati.

Dal marzo scorso, per effetto di diverse leggi, è in atto una requisizione di fatto di una parte degli immobili privati. Si è stabilito, infatti, che fino al prossimo 31 dicembre (terza proroga in pochi mesi) non debbano essere attuati i provvedimenti dei giudici che hanno ordinato di restituire ai proprietari gli immobili oggetto di affitti giunti a conclusione (per lo scadere del termine di durata del contratto o per il mancato pagamento dei canoni). Tecnicamente si chiama «sospensione dell'esecuzione dei provvedimenti di rilascio degli immobili», ma la misura è più nota come «blocco degli sfratti».

La profonda iniquità di questa disposizione che riguarda tutte le tipologie di immobili, abitativi e no è evidente a chiunque guardi al tema con obiettività. Lo scopo con il quale viene giustificata proteggere i cittadini più vulnerabili nel periodo della pandemia è fallace. Nel 2020, considerare ancora gli inquilini, per definizione, la parte debole del rapporto di locazione, è un anacronismo. Chi non ne fosse convinto, consulti la pagina del sito Internet di Confedilizia significativamente intitolata «Lettere dalle vittime del blocco sfratti»: troverà tante storie di proprietari ridotti in miseria per effetto della sospensione delle esecuzioni (oltre che delle «ordinarie» lentezze della giustizia). Peraltro, gli sfratti bloccati riguardano per lo più situazioni che nulla hanno a che fare con il Covid e molto risalenti nel tempo.

In ogni caso, anche nelle realtà ovviamente esistenti in cui vi è una difficoltà dell'inquilino, è il sistema pubblico che deve farsi carico del problema, non un altro privato su imposizione dello Stato. Ma se, solo a Milano, ci sono 10.000 case popolari vuote, è chiaro che si preferisca scaricare il problema sui proprietari. Proviamo a farci una domanda. Qualcuno troverebbe ragionevole imporre ai commercianti di regalare le loro merci ai bisognosi? No, tutti riterrebbero assurdo un provvedimento di questo tipo. Obbligare un proprietario a mettere a disposizione gratuitamente il suo immobile, invece, viene considerato possibile. La realtà, dunque, è questa: immobili requisiti da dieci mesi, nessun risarcimento da parte dello Stato e in più per infierire obbligo di pagare l'Imu e, in molti casi, persino l'Irpef sul reddito che non c'è. Il tutto, con effetti disastrosi sul mercato immobiliare e conseguenze negative sugli stessi inquilini, visto che la prima reazione dei proprietari è quella di giurare a sé stessi: mai più affitti (oppure solo brevi, quando torneranno i turisti).

Naturalmente Confedilizia come ha sempre fatto nella sua lunga storia di baluardo a difesa del diritto di proprietà sta contrastando il blocco sfratti anche in sede giudiziaria, per ottenere dalla Corte costituzionale una dichiarazione di illegittimità della norma.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Enne58

Ven, 11/12/2020 - 10:22

Mossa classica del Giuseppino. Scaricare i suoi problemi su altri senza prendere provvedimenti, ma pretendendo comunque le prebende. Chi ha salvato non sono fasce deboli, ma furbetti, ROM e affini

amedeov

Ven, 11/12/2020 - 10:32

Se viene requisita la casa, dovrebbe essere requisito anche il mutuo e le tasse.Forse gli italiani,dopo questo esproprio proletario tanto caro alla sinistra, impareranno a votare e a non dire " CHI SE NE FREGA"

vinvince

Ven, 11/12/2020 - 10:48

Io penso che si debba fare qualcosa... non li si può far fare tutto quello che vogliono !!!

Santorredisantarosa

Ven, 11/12/2020 - 11:15

QUESTO E' L'ULTIMO TENTATIVO, CON AZIONI CONCRETE, DAL 1992 QUANDO GIA' LA SINISTRA VOLEVA FARE IN MODO DI "MALEDIRE" IL GIORNO CHE COMPRAVA LA CASA. C'ERA UN ONOREVOLE DEL PCI, ALLORA ERA PCI, CHE DICEVA, ANZI GRIDAVA, COME UN DANNATO CHE L'UNICO PROPRIETARIO DOVEVA ESSERE LO STATO E CHE COLPA DEI PROPRIETARI SE SI LAMENTAVANO CHE PAGAVANO SPESE E TASSE. ORA CI STANNO DI LORO GIOIA, RIUSCENDO NEL NEL FARE MALEDIRE. INTANTO, PERO' FANNO PADRONI CLANDESTINI CHE OCCUPANO, STRANIERI CHE OCCUPANO CASE ANCHE CON PROPRIETARI E LI MINACCIANO E ANARCHICI CHE HANNO LE CASE OCCUPATE DA DECENNI CON LA FALSA APPLICAZIONE DELL'ISTITUTO DELL'USUCAPIONE, DI PROPRIETA' ALTRUI, REGALATI QUI A MILANO.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 11/12/2020 - 11:15

Blocchi gli sfratti, allora blocca anche l'Imu. Se non si bloccano entrambe, la beffa diventa doppia.

Ritratto di ...COVìPPìDì

...COVìPPìDì

Ven, 11/12/2020 - 11:16

l'ENNESIMA norma ESPROPRIATIVA INCOSTITUZIONALE, da REGIME di SOCIALISMO REALE

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 11/12/2020 - 11:17

Oppure paghi lo Stato con i ristori quanto non pagano i morosi di affitto e spese condominiali. Comodo far pagare solo ai soliti.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 11/12/2020 - 11:34

Si impara sempre nella vita. Ne avevamo già avuta notizia, vagamente, anche perché non interessati direttamente ed in quanto proprietari della casa in cui io e mia moglie abitiamo, dopo aver pagato per decenni l’affitto e fino a quando l’abbiamo potuta comprare. Ma abbiamo sempre pagato, come deve fare un bravo inquilino. Scopro oggi che se non avessi pagato il dovuto avrei fatto una porcheria, ma fruttuosa, nello stile della nuova Italia.

stefano.f

Ven, 11/12/2020 - 11:37

Io invece penso che essendo un paese che da sempre ha fatto ai cittadini tutto quello che ha voluto,e dall'altra parte non c'è mai stata reazione alcuna di nessun tipo siamo solo all'inzio. Mai dovesse esserci ,e ci sarà, una crisi finanziaria seria e pesante ,senza dubbio alcuno un governo italiano,anche di destra non esiterebbe un minuto a mettere in campo qualunque tipo di azione . I cittadini italiani a dispetto di qualunque altra nazione confinante sono strittolati tra pressione fiscale e burocrazia. E le cose andranno solo peggio basta aspettare un 1 anno ...

carpa1

Ven, 11/12/2020 - 12:01

LEGGO: "Ma se, solo a Milano, ci sono 10.000 case popolari vuote, è chiaro che ..." E CONCLUDO: sono lì in attesa di essere occupate abusivamente; è quindi ovvio che non possono essere assegnate a chi è in attesa da anni e che ha fatto regolare domanda. E' chiaro che un'amministrazione seria che lavori PER e NON CONTRO i propri cittadini, dovrebbe occuparsi di sfrattare sia i morosi che gli occupanti abusivi per restituire l'alloggio ai legittimi proprietari; invece qui funziona tutto al contrario facendosi beffa delle leggi e cercando in questo modo di coprire i buchi causati da decenni di sprechi e malaffare. Cittadini tutti, fate bene attenzione, perchè sta per arrivare uno tsunami, e non solo per quanto riguarda il problema delle abitazioni ma per l'intera economia del paese, con un novello "duce" che, col benestare del "nuovo re del Quirinale", si sta accentrando tutto e di più facendo spallucce della costituzione e della maggioranza dei cittadini.

Ritratto di Smax

Smax

Ven, 11/12/2020 - 12:11

Ma questo non è niente. Quando ci faranno fare default con il mes si prenderanno anche la proprietà delle case. I krukki l’hanno detto ripetutamente, case e risparmi.

Ritratto di adl

adl

Ven, 11/12/2020 - 12:19

Mi consenta Spaziani Testa, il problema non è solo far dichiarare incostituzionale il blocco degli sfratti, ma chiedere allo Stato il giusto risarcimento per quei proprietari che pur avendo registrato il contratto, pagato le imposte ed anche gli avvocati per gli sfratti, sono sottoposti all'estorsione legalizzata delle imposte su immobili produttivi di perdite. Un obbrobrio giuridico fiscale, che non ha simili nei paesi civilizzati.

Giorgio Colomba

Ven, 11/12/2020 - 12:54

Invece aver impedito per mesi - ed ora per Natale - di recarsi nelle seconde case, spesso solo ereditate, sulle quali si paga l'Imu anche di migliaia di euro, cos'è?