Ripresa bluff, così tanti negozi chiuderanno

Consumi compromessi dall'incertezza. Sangalli: "Usare le risorse Ue e ridurre le tasse"

La ripresa di fine anno, più volte evocata dal ministro dell'Economia Roberto Gualtieri ci sarà, ma rischia di essere un fatto esclusivamente statistico. Le incognite che ancora gravano sul sistema economico sono pesanti e per questo il rimbalzo congiunturale «non salverà molte imprese del terziario dalla chiusura». Sempre che il governo non si impegni a utilizzare al meglio le opportunità offerte dall'Europa e magari si decida a fare una riforma fiscale.

Il poco rassicurante scenario autunnale è contenuto nel rapporto congiuntura di Confcommercio, nel quale la principale associazione degli esercenti spiega come il terzo trimestre dell'anno sia «caratterizzato da un progressivo, seppure complesso, ritorno alla normalità», ma si chiuda «con molte incognite». Un clima percepito dalle famiglie che «continuano a mantenere atteggiamenti ambivalenti nei confronti del consumo, tra voglia di ritorno alla vita pre-pandemia e paura per il futuro sanitario ed economico».

Per evitare il peggio, la ricetta proposta dall'associazione presieduta da Carlo Sangalli è quindi quella di utilizzare tutte le leve a disposizione. «Per rafforzare la crescita è necessario utilizzare tutte le risorse europee e superare i problemi strutturali del Paese senza dimenticare che la riforma fiscale, mai avviata, rimane una priorità», ha sottolineato Sangalli.

Le previsioni macroeconomiche della confederazione sono in linea con quelle di altri osservatori. Confcommercio si aspetta che il terzo trimestre segni un 10% in più del Pil rispetto al secondo e un - 9,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Alla fine di quest'anno si prevede una caduta del Pil di oltre 9 punti percentuali. Più grave, quindi, di quanto si aspetti il governo Conte.

Agosto è stato un mese di passaggio, con alcuni consumi che sono ripresi e le imprese turistiche che hanno respirato dopo i mesi di lockdown. Ma la ripresa estiva rischia di essere un'illusione ottica. L'indicatore di Confcommercio mostra infatti come nel mese scorso i consumi siano scesi dell'8,7 per cento.

Ad alcuni settori è andata peggio che ad altri. «Il sentiment» delle imprese del commercio al dettaglio è diminuito del 14,2% rispetto all'anno scorso, mentre sul fronte dei servizi il calo è stato del -23,3% nel confronto annuo. In particolare per i segmenti legati direttamente ed indirettamente al turismo (trasporto aereo, musei, eccetera).

Per quanto riguarda il futuro, le prospettive di breve termine «continuano ad essere molto incerte.

«I modesti recuperi congiunturali rilevati a luglio sul versante dell'occupazione non possono far trascurare la progressiva riduzione di imprenditori nel settore dei servizi, sintomo della mancata riapertura di molte imprese, le cui conseguenze sul lavoro dipendente potrebbero diventare evidenti nei mesi autunnali».

Uno scenario come minimo pieno di incognite. Con l'unica certezza che è la chiusura di molti esercizi, in particolare nei servizi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 17/09/2020 - 10:23

Vero, ma fallo capire ai comunisti, che stanno pensansdo solo a nuove tasse. Non capiscono proprio una mazza di economia. Difatti l'hanno semper fatta fallire in tutti gl istati del mondo dove hanno messo piede.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 17/09/2020 - 10:31

già.... ridurre e magari sospendere le tasse! bisognava farlo già a febbraio. invece paghiamo anche se lasciamo chiusi i negozi per mancanza di giro d'affari.... veramente geniali questi babbei comunisti grulli! e insistono con l'evasione fiscale!!!

cgf

Gio, 17/09/2020 - 10:43

mi ricorda quando Renzi vantava di avere l'incremento in percentuale più alto di tutti passando dal 3% al 4%, vale a dire il 33% in più.

Calmapiatta

Gio, 17/09/2020 - 11:01

Non c'è alcuna ripresa, tutti gli indicatori economici lo confermano, purtroppo.

alox

Gio, 17/09/2020 - 11:12

Chieuderanno? Hanno gia' chiuso ma da diversi anni.

jaguar

Gio, 17/09/2020 - 11:28

Basta guardarsi in giro, le attività chiuse sono molte e di ripresa non c'è nemmeno l'ombra.

batpas

Gio, 17/09/2020 - 11:47

Ora provano a imbrogliare i numeri ? comincio a convincermi che la sinistra è davvero pessima cosa. voto NO e li mandiamo a ramengo. e votiamo bene alle regionali.

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Gio, 17/09/2020 - 11:59

Molti lavoratori non statali hanno subito delle decurtazioni di stipendio a causa del covid; quanti lavoratori statali, con accezione più ampia di questo termine, pur non lavorando hanno ricevuto lo stesso stipendio? Sono state usate solo le ferie per farli stare a casa? Se il paese ha subito un tracollo economico tutto deve scendere, stipendi statali e tasse inclusi.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Gio, 17/09/2020 - 12:00

compro tutto su internet non sopporto la mascherina sulla faccia e l'alcool sulle mani ogni qualvolta entro in negozi. RISPARMIO E MI ARRIVANO DIRETTAMENTE A CASA SENZA CONSUMARE BENZINA, POSTEGGIO ED EVENTUALI MULTE.

Ritratto di Smax

Smax

Gio, 17/09/2020 - 13:28

Ma non lo capite cosa stanno facendo? Stanno colpendo tutte le pi perché non votano pd, favorendo la grande distribuzione dei loro compari in ossequio ai dettami ue. E come sempre chi ne esce indenne sono gli statali, loro bacino elettorale.