Salvini sfida Renzi, Boschi e Boldrini : ​"Adesso condannate questo"

Al corteo contro a Milano augurano a Salvini la morte a piazzale Loreto. E il leghista, disegnato come nazista, reagisce

Salvini sfida Renzi, Boschi e Boldrini : ​"Adesso condannate questo"

Salvini nazista. Dopo gli insulti ricevuti ieri alla manifestazione della sinistra a Milano contro il vertice con Orban, ora il ministro sembra dire "basta". E sulla sua pagina Facebook lancia una provocazione, un messaggio alla Boldrini a Renzi e alla Boschi.

Gli insulti a Salvini

Sul suo profilo social il leghista ha pubblicato la fotografia di un murales che lo ritrae nelle vesti di quello che sembra essere un agente del Terzo Reich. Una nuvoletta recita: "Salvini fascista". Non è la prima volta che il ministro viene assimilato a Hitler o ciò che si richiama al nazismo in genere. Non solo. Nella stessa immagine si vede anche in un cartello (esposto ieri alla manifestazione) in cui si legge: "Salvini sei sulla linea rossa (della metro, ndr): tra quattro fermate c'è piazzale Loreto". Un chiaro riferimento a quanto successo a Benito Mussolini alla pompa di benzina alla fine della guerra.

La sfida alla sinistra

Quello di piazzale Loreto è un ritornello che spesso risuona nelle invettive della sinistra contro il leader della Lega. Oggi, per dire, anche il fotografo Oliviero Toscani ha evocato la stessa immagine riferendosi al ministro dell'Interno. Come le volte precedenti, Salvini gli ha risposto colpo su colpo. Stavolta, però, si rivolge direttamente all'ex premier, all'ex ministro e all'ex presidente della Camera: visto che sono sempre così pronti a prendere le distanze e condannare atti di violenza e intimidazioni, è il ragionamento, dovrebbero farlo pure adesso. Anche se a finire nel mirino è un avversario politico. "Chiedo pubblicamente a Boldrini, Boschi, Renzi e compagni vari - scrive il vicepremier su Facebook - di condannare questo gesto vigliacco, che mi dipinge come nazista augurandomi la morte. Secondo voi risponderanno all'appello?

Commenti