Così i 'rossi' insultano Salvini: "Imbecille, troglodita, assassino"

In piazza a San Babila a Milano scende in piazza l'Italia buonista. Dai manifestanti insulti contro il ministro dell'Interno, Salvini

Così i 'rossi' insultano Salvini: "Imbecille, troglodita, assassino"

Ma a Milano c’è la piazza “buona” o quella “buonista”? Sono scesi in strada per protestare contro i sovranisti e i “razzisti” e avrebbero dovuto farlo utilizzando solo parole d’amore. Mettete fiori nei vostri cannoni, si diceva una volta. E invece no. Perché basta andare tra la folla per chiedere con quali aggettivi i manifestanti disegnerebbero Salvini che viene fuori l’odio provato nei confronti del leader leghista.

Di fronte alle nostre telecamere ne dicono di tutti i colori (non quelli dell’arcobaleno). C’è chi lo definisce candidamente un “imbecille” e chi invece lo vedrebbe bene tra i banchi della terza media. Un modo simpatico per dire che è un ignorante. Non mancano i cartelli espliciti. Tra quelli per le frontiere aperte e i vari “siamo tutti clandestini”, un manifesto lo epiteta come il "ministro delle interiora" mentre altrove appare con una svastica in fronte. Che eleganza (guarda qui il video).

“Sto cercando un aggettivo da attribuire a un essere umano ma viene molto difficile...bestia?", dice un ragazzo. Che poi aggiunge: "Razzista e fascista, cos'altro vuoi dirgli?". Un altro manifestante ci mette il carico da undici: “Razzista, qualunquista e anche fancazzista”. Ma che bontà.

Un signore, pizzetto e capelli bianchi su una maglietta rossa, spiega così il suo affetto verso il ministro dell’Interno: “Una persona ignobile. Solo perché è in Italia è a piede libero perché se fosse in Francia o in Germania sarebbe già in galera. È fascista, ladro e furbo”. Le definizioni "razzista" e "fascista" vanno per la maggiore. Tornano sulla bocca dei manifestanti come un ritornello. Ma poi c’è pure chi si sbizzarrisce in altro modo con un più innovativo “troglodita". Primo premio per lui.

Non distante da piazza San Babila, vicino alla prefettura, il corteo dei centri sociali sfila dietro un lungo striscione bianco contro la chiusura delle frontiere. I giovani manifestanti intonano un coro: "La mia Europa non ha confini, Orban e Salvini assassini". Per poi concludere con il più classico dei “Salvini è una merda". Alla faccia della manifestazione contro l’odio.

Commenti