Schiaffoni a Renzi

Le Regionali dimostrano che il renzismo ha esaurito la sua spinta propulsiva e che il centrodestra è tutt'altro che morto

Mentre scriviamo lo spoglio è in corso e fidarsi di exit poll o prime proiezioni è cosa pericolosa.

Ma se i risultati finali fossero nell'ordine di grandezza delle previsioni la notizia è che il renzismo ha esaurito la sua spinta propulsiva e che il centrodestra è tutt'altro che morto. E questo indipendentemente da quante regioni, sul filo di lana, andranno alla fine all'uno o all'altro dei due blocchi (potrebbe essere un clamoroso 4 a 3 a fronte di una previsione di 6 a 1 per la sinistra).

Renzi, vero sconfitto di questa tornata con un Pd che crolla al 23%, deve ringraziare il cielo per le scissioni che hanno indebolito Forza Italia, data anzitempo per morta, per l'ennesima volta, dai soliti tromboni che ogni giorno pontificano sui giornali e in tv. Non può essere una coincidenza che dove il centrodestra si presenta al completo nella sua vecchia formazione (vedi Liguria e Umbria) con candidati credibili (come Giovanni Toti e Claudio Ricci), la partita con Renzi e con Grillo (anche lui non fa passi avanti) è aperta a ogni risultato. E non può essere una coincidenza che il buon risultato del centrodestra corrisponda con la ritrovata agibilità politica di Silvio Berlusconi, alla faccia di chi invocava una sua rottamazione come perno e garante della coalizione. A proposito di questo tema, sarà interessante verificare oggi, a spoglio concluso, se la Lega di Salvini è riuscita - come pare per esempio in Toscana, nelle Marche e nella stessa Liguria - a rompere lo steccato delle sue roccheforti del Nord e raccogliere consensi significativi nel centro sud. Da questo dato dipenderanno molte delle scelte future di Silvio Berlusconi.

L'ultima osservazione a caldo è la difficoltà di Renzi a confermare nelle urne lo strapotere che esercita nei palazzi della politica grazie a trucchi e ricatti su una classe politica in balìa della paura di andare a votare e perdere quindi il posto. Immaginiamo che Renzi non tarderà a regolare i conti con i suoi dissidenti e sabotatori. E conoscendolo non avrà difficoltà a farlo. Gli unici conti che non torneranno più restano quelli tra lui e gli italiani, sempre più scettici di fronte a un nuovismo senza contenuto e vessatorio.

Commenti
Ritratto di Deluso_da_tutto

Deluso_da_tutto

Lun, 01/06/2015 - 13:02

Ok, schiaffoni a renzie. Ma anche forza italia non ha sfigurato in quanto a sberle ricevute.

INGVDI

Lun, 01/06/2015 - 14:09

Queste elezioni regionali sono state indirettamente le primarie del centrodestra. Ha stravinto Salvini. Berlusconi ne prenda atto, eviti l'umiliazione della sconfitta in quelle ufficiali presentando un suo candidato. Si prenda un po di merito (la furbizia non gli manca) del successo della Lega di Salvini e gli consegni la guida del centrodestra.

gianfranco1966

Lun, 01/06/2015 - 15:22

ORMAI è CHIARO A TUTTI. è L INIZIO DELLA FINE del ducetto di firenze, oramai non è piu credibile e meno lo sara. ha perso una valanga di voti dal famoso 40 per cento. ora non resta che una sola alternativa. la destra centro di salvini, della meloni di fitto con silvio allenatore. silvio pero ti devo dare un consiglio. se non dai l impressione che sei veramente contro l ormai inutile renzino, sarai spianato da salvini. tu adesso riesci a capire questo? il modello vincente non è renzi ma matteo salvini.un tuo ex elettore per venti anni.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Lun, 01/06/2015 - 15:23

per fortuna il bullo non ha stra-vinto,anzi ha scoperto quanto faccia male la spina a sinistra,adesso dovra' farci seriamente i conti.Salvini ha prosciugato FI ma ha fatto flop nel sud(puglia 2% campania non pervenuto).Il m5s mette radici ovunque e inizia a radicarsi nei territori dove non esisteva,vediamo cosa vorranno fare da grandi.Alfano e' scomparso.Per quel che penso queste regionali non modificano nulla piuttosto confermano che bisogna reinventsrsi un cdx.

gianfranco1966

Lun, 01/06/2015 - 15:28

sono felice per la crescita continua di matteo salvini anche se sono nel centro italia. quando dice che sta accendendo le ruspe mi fa morire, certamente non per spianare persone, ma per spianare tutte quelle situazioni da metastasi permanente che stanno massacrando l italia. penso che l italia ha tanta voglia di destra, una destra giusta e moderna. ne vedremo delle belle, I COLPI DI SCENA SONO COMINCIATI.

elpaso21

Lun, 01/06/2015 - 15:34

Sarà, ma mi accorgo che la gente continua a votare PD, si vede che la politica adottata sull'immigrazione e l'ordine pubblico in fondo piace.

Beaufou

Lun, 01/06/2015 - 15:36

Renzi è riuscito nell'impresa di mangiarsi quasi il 20% dei consensi dalle europee ad ora, con le sue sparate senza seguito. Avesse fatto solo una riforma seria, adesso avrebbe in mano il paese senza ricorrere alle furbate a cui ci ha abituato. Ma bisognava avere un altro spessore, un periodo nei boy scout non è sufficiente per fare di un giovincello senz'arte nè parte un uomo di stato.Auguri, pinocchietto.

MarcoE

Lun, 01/06/2015 - 16:01

Il renzismo altro non è che un bersanismo con volti nuovi: la prova provata è la cacciata di Cottarelli! Infatti il cialtrone Renzie non farà mai un taglio di spesa pubblica per favorire i parassiti di Stato del PD (es. partecipate)! Ma purtroppo neanche il Berlusca è riuscito a tagliare nulla ...

Ritratto di H2SO4

H2SO4

Lun, 01/06/2015 - 16:02

La sinistra PD finalmente contenta di aver suicidato il partito. Piuttosto vinca Salvini !

Ritratto di pipporm

pipporm

Lun, 01/06/2015 - 16:17

Molto bene!!! Gli elettori non hanno premiato lo spostamento a destra di Renzi. Molto bene invece Silvietto!!

Ritratto di aresfin

aresfin

Lun, 01/06/2015 - 16:29

@elpaso21: daccordo con te. Io spero che in Italia arrivino presto 1 milione di extracomunitari, chissà, forse così gli italioti sinistrati verranno ricacciati nelle fogne da cui sono sbucati e gli extra rimandati ai loro paesi.

bisesa dutt

Lun, 01/06/2015 - 16:35

povero biesse, anche questa volta ha perso le elezioni, ha perso in 5 regioni, effei è crollata vale meno del 10%, salvini ellenne è ampiamente superato dal M5S, il PD è primo partito in Italia al 37%, e Renzi visto la pochezza degli avversari è andato dove le istituzioni sono utili,tra i nostri soldati, la destra il centrodestra sono due zombies, finalmente in Italia l'onda lunga e maleodorante e vergognosa e traditrice del fascismo si sta dissolvendo, lo spazio vien occupato dal popolo italiano

gianni59

Lun, 01/06/2015 - 16:38

Ma il centrodestra si proporrà "al completo" o Salvini, visto che lui è il trainante imporra il dictat a FI? e com'è che non si fa cenno che la Campania passa al PD (perché formalmente così è). Perché non si dice che gli "schiaffi a Renzi" li hanno dati meno della metà degli italiani perché gli altri non sono andati a votare?!?

roberto78

Lun, 01/06/2015 - 16:41

boh.... cosa ci sia di positivo in questi risultati sinceramente non lo vedo... in puglia fitto ha dimostrato di aver completamente svuotato fi (altro che prefissi telefonici), in veneto fi è annegata nella lega e in liguria toti ha vinto solamente perchè esiste la solita sinistra masochista. per come li vedo io queste regionali sono al contrario un grosso problema per il futuro: la lega è destinata a guidare il centro destra e, anche se molte sue battaglie sono assolutamente condivisibili, il rischio è che la destra guidata dalla lega non possa più proporsi come forza di governo ma si trovi costretta a fare solo da opposizione urlante. (altro che partito dei moderati, si diventa più inutili dei cinque stelle...)

gianni59

Lun, 01/06/2015 - 16:45

Che strano nemmeno un cenno a FI e alla posizione del M5S....vediamo; il Pd resta primo partito con il 23,7%; secondo è il m5s con il 18%, terzo la Lega al 12,5%. Forza Italia è al 10,7%, Fratelli d'Italia al 4,2%, Area popolare al 3,5%....ne vogliamo parlare?

vincenzo1956

Lun, 01/06/2015 - 16:50

Caro Beaufou.Recenti sondaggi sulle intenzioni di voto degli italiani hanno evidenziato come il PD sia molto forte in 2 categorie:Ultracinquantenni e pubblico impiego.E viceversa molto,molto debole negli altri strati di popolazione.Alla luce di qusti dati,e' comprensibile che alcune fette di popolazione ( legittimamente dal loro punto di vista) vedano nel PD la garanzia del mantenimento del loro status quo.Comprendi quindi che non e' un problema di accettazione delle politiche di immigrazione,ma ben altro.

paolo1944

Lun, 01/06/2015 - 17:00

Sarà pure, schiaffoni a Renzi (?). E a noi? Qui, nella Repubblica Democratika di Toscana gli possono anche trombare la moglie ma continueranno sempre a votare PD; il legame, sapientemente consolidato, è esclusivamente economico, per clientela e interesse diretto. Dipendono dal PD per il lavoro, il favore, i soldi. Altro che "ditta", come dice onestamente Bersani, somiglia quasi a una famiglia mafiosa. E Renzi sta tentando di toscanizzare l'Italia, attenti tutti! Con Alfano, lillipuziano penoso, che gli regge lo spartito. Cerchiamo di non cantar vittoria invano, c'è da lottare tanto.

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 01/06/2015 - 17:00

Caro Sallusti, ammiro la sua fedeltà alla "causa", ma non cerchi di trovare coincidenze fra il ritorno in campo del mummificato e la rinascita di un Centro-Destra che oggi ha un solo nome: Matteo Salvini. Lo so che per voi fedelissimi e stipendiati dal vecchio Cav. questa realtà è dura da digerire, ma le do solo un parametro: nel mio comune, che si trova al centro della rossa Romagna, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Popolari per l’Italia e Nuovo PSI tutti insieme ottengono “ben” il 3,97%, contro l'oltre 20% della Lega. Il candidato alfaniano ha addirittura superato F.I. e la stessa Forza Nuova si attesta al 3,43%. Voi di F.I. quindi fareste meglio a scendere dal pero, a ringraziare la Lega (come ha già fatto Toti) e ad essere un po' più umili e collaborativi, d'ora in poi!

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Lun, 01/06/2015 - 18:38

@Roberto78 complimenti mi trovo completamente d'accordo con le sue valutazioni.

Ritratto di Sniper

Sniper

Lun, 01/06/2015 - 18:50

Esilarante come al solito Sallusti! Del resto lo pagano per fare i salti mortali, e spiegare all' ex-popolino delle liberta` che tutto va bene per il berlusconismo. Mi e` sfuggita nell'articolo la percentuale attribuita a FORZA ITALIA, dovro` rileggere, ma da miei calcoli vaghi NON mi sembra che sia piu` a due cifre. Chicca finale: "Dai numeri della Lega dipenderanno le scelte future di Berlusconi"...Ossia se fara` salire il Carroccio sulla Carretta o meno...? (P.S. Renzi non ha sfondato e fa come Berlusconi anziche' come D'Alema: Quando D'Alema perse le amministrative si dimise, quando le perse Berlusconi no!)

Ritratto di toro seduto

toro seduto

Lun, 01/06/2015 - 19:31

Sallusti Le auguro di rivincere cosi anche le prossime.....aaahahah

INGVDI

Lun, 01/06/2015 - 19:49

Adesso a Salvini si presenta il compito più difficile far funzionare quelle menti cristallizzate che votano ancora PD.

robytopy

Lun, 01/06/2015 - 19:51

ma sig. Sallusti non vede che tra i blogghisti ci sono persone che pur non essendo giornalisti fanno valutazioni più serie,reali, meno superficiali di lei ?

gianniwxyz

Lun, 01/06/2015 - 21:14

Direttore, purtroppo, la vera sconfitta di Renzi è anche quella di Noi italiani, e non parlo del voto di domenica scorsa; parlo di quando incomprensibilmente ha voltato le spalle al patto del Nazareno. Quando ricapiterà un leader che piaceva a destra e sinistra. Ed infine mi sapete spiegare a che serve vincere ed andare al governo, se poi non si riesce mai ad incidere sui soliti, ed ormai, enormi problemi ???

Atlantico

Mar, 02/06/2015 - 10:09

Io capisco che Sallusti debba arrampicarsi sui vetri ( d'altronde è precisamente il suo lavoro da diversi anni ) ma vorrei ricordagli che oltre i sofismi c'è la dura realtà dei fatti: un anno fa le dodici regioni erano governate da cdx e cdx in ragione di sei a sei, oggi sono diventate dieci a due e non c'è bisogno di dire a vantaggio di chi. Il PD è stabilmente il primo partito, poi c'è Grillo, Salvini e poi, forse, ci sarà FI. Sii può dire quello che si vuole ma i numeri sono quelli. Forza Italia si è ormai liofilizzata, Toti crede di aver vinto lui ma se ne accorgerà presto, Salvini si sta prendendo quel che rimane del cdx che diventa così il serbatoio di chi urla e ragiona con la pancia, con innesti chiaramente fascisti. E domani si ricomincerà a parlare di 'moderati', di 'liberali', ecc. Un giorno o l'altro dovrete pur svegliarvi ed affrontare la realtà.

soldellavvenire

Mar, 02/06/2015 - 13:25

a quanto pare i "moderati" hanno lasciato forzataglia e sono passati a renzi, mentre gli "smodati" han preferito salvini: adesso biesse deve pagare a destra e a sinistra, sennò e chi se lo fila più?

Ritratto di H2SO4

H2SO4

Mar, 02/06/2015 - 13:48

Il PD governa 16 regioni su 20 e allora ?

INGVDI

Mar, 02/06/2015 - 14:16

Il patto del Nazareno è stato il più grande errore (porcata) commesso da Berlusconi nell'arco della sua vita politica. I suoi elettori se ne sono accorti (seppure tardivamente) e hanno agito di conseguenza.

Paolo Berlinghieri

Mar, 02/06/2015 - 15:03

schiaffoni a renzi e schiaffoni ai liguri che per cinque anni saranno condannati a restare in mano dei contadini razzisti della lega e dei fascisti imborghesiti di f.d.i.

aitanhouse

Mar, 02/06/2015 - 15:16

se esiste una divinità che governa le elezioni, quella senza dubbi è silvio berlusconi, una capacità senza pari di attirare voti e consensi: la liguria resterà nel tempo il suo capolavoro geniale e , speriamo vivamente , che segnerà il punto di inizio della fine degli imberbi sceneggiatori che stanno buttando il paese nell'abisso.

aitanhouse

Mar, 02/06/2015 - 15:20

i consensi che si comprano sono aleatori , servono solo per l'occasione e poi svaniscono se non sono rafforzati da altri 80€ e poi 80 e via così.

Paolo Berlinghieri

Mar, 02/06/2015 - 15:52

@aitanhouse penso proprio che il capolavoro in liguria lo abbia fatto salvini e non berlusconi, segnerà sicuramente il punto di inizio, ma il punto di inizio della fine e basta.

aitanhouse

Mer, 03/06/2015 - 10:44

i sinistrati fingono ancora di non capire che il gioco delle liste locali è il più grande imbroglio nei confronti degli elettori, non consente una chiara definizione del panorama politico e ne fa tutti vincitori. Prendiamo lista per lista ed analizziamo a fondo i personaggi che le compongono: non ci sono nella stessa lista due persone che la pensano nello stesso modo, sono insieme solo per mera convenienza o per senso di obbedienza per un do ut des futuro. Questo è lo scempio della partitocrazia nostrana e toccherebbe solo ai cittadini di pesarne le conseguenze invece di disertare le urne.