Scoppia il caso delle coop: a rischio 12 miliardi di euro

In Friuli oltre 20mila pensionati travolti dal terremoto di due società. Ma il dissesto del sistema può allargarsi in tutto il Paese: in ballo i risparmi di 1,3 milioni di italiani

Nel calderone bollente del risparmio tradito, non ci sono solo i soldi di azionisti e obbligazionisti che hanno pagato con i loro investimenti il salvataggio di Banca Etruria, Banca Marche, Cari Chieti e CariFerrara. Ma anche quelli di migliaia di piccoli risparmiatori, che nel silenzio mediatico hanno visto andare in fumo i risparmi di una vita riposti nel fidato «fortino» delle cooperative rosse. Le stesse che oggi corrono ai ripari, promettendo revisioni normative e strette ai controlli per evitare che l'effetto psicologico del Salva-banche inneschi la fuga dei soci.In ballo, infatti, ci sono 15 miliardi di euro - 12 miliardi solo nelle nove grandi cooperative di consumo - che 1 milione e 300mila italiani hanno scelto di affidare alla pancia del prestito sociale. Una fetta rilevante, tanto che se la macchina coop fosse una banca, ipotizza il Sole24Ore, per volume di raccolta sarebbe la venticinquesima in Italia. Con la differenza, sostanziale, di non essere soggetta alla vigilanza cui sono sottoposti gli istituti bancari e gli intermediari finanziari. Nel ventre molle delle cooperative, dove non ci sono ispezioni di Bankitalia, commissariamenti e segnalazioni sospette, per le società che hanno fatto crac hanno pagato azionisti e prestatori. Altro che bail in. Nel terremoto finanziario e giudiziario che ha travolto Cooperative Operaie e Coop Carnica in Fvg - senza scomodare i dissesti recenti della Di Vittorio a Parma e di Coopsette a Reggio Emilia - a pagare non sono stati arditi speculatori finanziari, ma un esercito di 20mila pensionati talmente certi dell'infallibile cassaforte cooperativistica da trasformare conti correnti in azioni e libretti, per 130 milioni di euro. Scandali che hanno macchiato l'immacolata reputazione de «La coop sei tu» e hanno fatto scattare pure l'allerta di Bankitalia, che alla vigilia del Salva-banche ha avviato una consultazione pubblica per arginare la raccolta selvaggia del risparmio e assicurare maggiori garanzie al popolo dei prestatori. Perché con le banche, le coop hanno in comune non solo il volume della raccolta, ma anche l'immagine agli occhi di consumatori che nel libretto di risparmio vedono più un deposito bancario, con il plus di una rendita, che un capitale a rischio. Tanto che in Fvg veniva incentivato con depliant al banco dei salumi del supermercato sotto casa.In considerazione, sottolineano da via Nazionale, delle «problematiche emerse in alcuni episodi di crisi d'impresa», è necessario «rafforzare i presidi normativi, patrimoniali e di trasparenza a tutela dei risparmiatori che prestano fondi a soggetti diversi dalle banche, specie con riferimento a forme che coinvolgono un pubblico numeroso composto da consumatori». Raccolta che non deve, avverte Bankitalia, superare il limite del triplo del patrimonio. Le cooperative possono spingersi fino a cinque volte tanto solo accendendo una fideiussione che garantisca ai soci il rimborso del 30% dei loro prestiti. Non solo, nella definizione dei parametri e delle soglie di sicurezza, Bankitalia sottolinea che «il valore del patrimonio da assumere a riferimento dovrà essere quello risultante dal bilancio consolidato». Ovvero quello che rispecchia la reale situazione economico e finanziaria dell'azienda. Adottando questo criterio, in Toscana e Umbria, rivela ancora Il Sole, il campanello d'allarme suona per due giganti delle cooperative: Unicoop Tirreno, 122mila prestatori per 1 miliardo di fondi, mostra un rapporto prestito-patrimonio di 6,22, mentre Coop Centro Italia, 73mila soci per 582 milioni, si avvicina a 3. Chi controlla?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

glasnost

Mar, 22/12/2015 - 14:41

Tutte le attività finanziario-speculative gestite dai cottocomunisti sono ugualmente destinate a rivelarsi una truffa a danno dei piccoli risparmiatori. Anche perchè, se le attività sono gestite da imprenditori di destra, ci sono sopra gli occhi della Magistratura, mentre i sinistri sono sostanzialmente impuniti.

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 22/12/2015 - 14:42

Altro fallimento annunciato nel variegato e fantasioso mondo ROSSO COMUNISTA,con buona pace degli elettori ciechi.Ma forse tutto questo torna a vantaggio della dx,perché a furia di prender legnate.....

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Mar, 22/12/2015 - 14:43

Altro botto,altra corsa al decreto legge.

Ritratto di il navigante

il navigante

Mar, 22/12/2015 - 14:49

Che sprovveduti questi soci risparmiatori, dovrebbero sapere che le loro amate Coop rosse amano il colore ...rosso, perciò anche i loro investimenti nelle loro amate Coop devono essere adeguati al coloro rosso.

agosvac

Mar, 22/12/2015 - 14:53

La domanda è: dove sono andati a finire tutti i soldi che le coop hanno guadagnato con le facilitazioni fiscali??? Si tratta di svariati miliardi!!! Qualcuno questi soldini li avrà pur presi! Chi??????? Ovviamente è inutile chiederlo ai magistrati che dovrebbero indagare: le coop sono rosse e molti magistrati, quando vedono rosso, non vogliono più vedere niente!!!!! Al contrario dei tori che quando vedono rosso, giustamente, attaccano a corna basse, i magistrati quando vedono rosso, si bloccano immediatamente!!!

aredo

Mar, 22/12/2015 - 14:55

Ovviamente gli italiani dementi continuano a votare PD e Grillo. Che se non votano la sinistra non sono contenti.. Poi tutti felici di restare senza soldi mentre i loro padroni, baroni e capetti scappano con i soldi.

aitanhouse

Mar, 22/12/2015 - 14:56

Il grande tappeto che copre tutte le magagne del paese sta diventando troppo piccolo ,sta iniziando a lasciar scoperti lati che emettono putridume e vapori mefitici. Quei bravi e buoni italiani che finora hanno individuato nella sinistra i campioni dell'onestà ,della trasparenza,del buonismo, della giustizia sempre e solo invocata, della condanna degli arricchimenti illeciti (degli altri e mai i propri),dovrebbero cominciare a capire quanti danni hanno provocato al paese ed a se stessi votando per quel partito o partiti uniti in una commistione di interessi che nulla hanno a che spartire con quelli di un popolo che è andato alla rovina.

Ritratto di gian td5

gian td5

Mar, 22/12/2015 - 14:57

Perché preoccuparsi? I comunisti, a parte Debenedetti e pochi altri, sono tutti proletari, quindi dovrebbero essere privi di beni pecuniari, coloro che erano possidenti e quindi fuori dal coro, sono stati messi in riga dalle Coop, questa operazione per i trinariciuti doc non è furto, bensì ridistribuzione del reddito.

Ritratto di gattofilippo

gattofilippo

Mar, 22/12/2015 - 14:58

Poveri rinco ad affidare i propri risprmi ai komunisti. Le cooo sono gestite da incapaci e farabutti che se ne sbattano dei risparmi di chi si è fidato di loro.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 22/12/2015 - 15:01

"LA COOP SEI TU".....Allora,di cosa ti lamenti?...Della TUA dabbenaggine?

altair1956

Mar, 22/12/2015 - 15:03

Gira e rigira, sempre li si approda. Ladri rossi con i guanti bianchi. Si sveglieranno mai dal loro torpore gli italiaoti ?

Ritratto di ALEX FORTY

ALEX FORTY

Mar, 22/12/2015 - 15:03

Tranquilli !!!! se scoppia la bomba non c'é problema; ci pensa babbo natale renzino a sistemare le cose ...... con i nostri soldi !!!!! e nessuno scandalo: sono compagnucci che hanno sbagliato !!!

pastello

Mar, 22/12/2015 - 15:20

Comunicazione di servizio: Si rende noto che dopo lo scippo orchestrato a danno dei pensionati, le vicende penose della banca Etruria e le ultime notizie circa l'affidamento dei risparmi ad alcune coop, i cattocomunisti alias rattocomunisti hanno cambiato la denominazione sociale in ACCATTOcomunisti. Fraterni saluti.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Mar, 22/12/2015 - 15:29

Chissà perché queste cose accadono da quando c'è la Serracchiani governatora! Porterà sfiga? Certo è che se il sistema coop va a farsi benedire, allora per il csx la pacchia finirà e ancor più alla svelta. Il toscanello non potrà tamponare con soldi pubblici altrimenti ce lo mangiamo come prima colazione .. ahahahaha ..

Ritratto di lurabo

lurabo

Mar, 22/12/2015 - 15:30

dove c'è comunismo c'è sempre miseria per il popolo

FRANZJOSEFVONOS...

Mar, 22/12/2015 - 15:32

CHE GODURIA COSI' I PAPPAGALLI ISCRITTI AL PD ALLA CGIL E ALTRE SOCIETA' SATELLITI IMPARERANNO A FARSI PRENDERE PER IL CULO DAI COMUNISTI. AH AH AH AH AH AH AH AH AH. MA LORO NON SONO I NEMICI DEI RICCHI, CATEGORIA CHE NON APPARTENGO, CONTRO IL PROFITTO CONTRO I SOLDI CONTRO I PAPERONO TIPO BERLUSCONI. MA IL LORO DIO NON ERA MARX? E ORA FALLISCONO MA NON SONO I CAPITALISTI CHE HANNO I SOLDI?

pastello

Mar, 22/12/2015 - 15:32

Sono rimasti senza un nichelino? A loro poco importa, tanto per andare in cabina elettorale a votare PD bastano le suole delle scarpe.

Rossana Rossi

Mar, 22/12/2015 - 15:42

E via così........quelli dalla morale superiore si stanno sempre più dimostrando imbroglioni e incapaci e i gonzi che ci sono cascati se lo pigliano in quel posto, ma voi italioti della malora date loro ancora il 33% delle preferenze. Cosa vi lamentate se vi rubano?...........

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 22/12/2015 - 15:48

Ma quanti REGALI insperati per la dx ci sta riservando questo Natale 2015.Ogni mazzata ROSSA significano voti per tutti gli altri.......ahahahahah

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 22/12/2015 - 16:03

Avrei da suggerire,per il 2016, il nuovo e più adatto spot pubblicitario della Coop:LA COOP SEI TU COI TUOI RISPARMI.

Ritratto di elio2

elio2

Mar, 22/12/2015 - 16:09

Spero solo che tutti i truffati appartengano all'elettorato di sinistra, così capiranno a loro spese che il comunismo, indipendentemente da come si fa chiamare, oltre a professare un'ideologia strampalata, che ovunque imposta, (mai in modo democratico), ha sempre e solo fallito, è un cancro mortale per qualunque società civile. Nessuna nazione è mai spravissuta ad un regime comunista.

tiromancino

Mar, 22/12/2015 - 16:13

Quando si dice cornuti e mazziati

Ritratto di Sergio Sanguineti

Sergio Sanguineti

Mar, 22/12/2015 - 16:14

Ahahahah!... Mi scompiscio!... "La COOP sei tu" Ahahaah "Socio ti conviene".... Ahahah!... "Compagno!... Ora paga tu che con la COOP tu sei lei!"... O scemi!.... Imparate da Renzi che, quando non dice (o non fa scrivere) "non" è il lettore che deve metterlo in lettura del testo e diffidare da lui, così come quando dice (o fa scrivere) "non" (in genere nelle sue balliste promesse): in lettura il lettore deve cancellare il "non"... LO STESSO VALE PER ILO "SEI TU" che, in realtà, va letto come "SIAMO NOI" ma "TU SEI SOLTANTO IL POLLO UTILE PER SPENNARE E, VISTO CHE TI ACCONTENTIAMO DICENDO CHE TU SEI LA COOP, ORA PAGHI PER IL NOSTRO BUCO che NOI, della TUA COOP, abbiamo fatto con i TUOI quattrini!"... Comunisti... Sempre eguali a se stessi: Since 1921...

Fjr

Mar, 22/12/2015 - 16:23

Non so perché ma in questo momento ho pensato al libro di Caprotti Falce e carrello, chissà come se la sta' ridendo

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 22/12/2015 - 16:30

Molto probabile che la maggioranza di pensionati truffati dalle due Coop, in quanto soci,vi facessero la spesa, e dulcis in fundo, votaspero PD a occhi bendati e fiducia cieca: pertanto BEN VI STA, mai sottovalutare il lupo, si diventa pecore e appecorinati.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 22/12/2015 - 16:38

perchèèèèèèè la coooooooop seeeeiiiii tuuuuuuuuu!!!! :-)

papik40

Mar, 22/12/2015 - 16:39

Personalmente non mi preoccupo di questi soci e prestatori di denaro dato che non si potra' mai parlare di "risparmiatori truffati" Si tratta di soci e prestatori che hanno dato una parte dei loro soldi volontariamente quasi sempre per un "credo politico" con lo scopo recondito di far diventare grande il loro partito!!!! Le coop non sono delle banche e chiunque era consapevole dei rischi che correva!

VittorioMar

Mar, 22/12/2015 - 16:42

....cosa ne sa di tutto questo un certo Ministro al Governo??

Libertà75

Mar, 22/12/2015 - 16:46

dove passano i compagni, nulla resta più... meditate gente, meditate

Mr Blonde

Mar, 22/12/2015 - 16:47

agosvac le agevolazioni fiscali coop rimangono...nel sistema cooperativo stesso o meglio nelle varie confederazioni che tutti conosciamo destinatarie dei patrimoni delle stesse coop. E' il più grande sistema legalizzato di evasione fiscale soprattutto perchè, se una impresa coop può aver ragione di esistere nel piccolo ambiente solidale/assistenziale le grandi di consumo sono dei furti. E' questo il furto di cui nessuno parla altro che prestito sociale. E sa perchè nessuno lo ha mai toccato nè lo toccherà (un pochino ci riuscì tremonti)? perchè non sono solo rosse...

Ritratto di ammazzalupi

ammazzalupi

Mar, 22/12/2015 - 16:52

Non so perché... ma tutti i komunistelli che venivano ad infangare questo blog sono tutti scomparsi. Saranno andati anche loro a chiedere a Franceschiello di fare giustizia e restituirgli i soldi che i kompagni si sono fregati?

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 22/12/2015 - 16:59

Della serie: la coop sei tu e se fallisce lo prendi in... pure tu!

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Mar, 22/12/2015 - 17:10

certo che se "salta il banco" delle COOP per la Sinistra è la fine!! ecco spiegato come Renzi e la sinistra riescano a galleggiare nonostante gli innumerevoli scandali che li investono.....ma se si tratta di soldi anche i cattocom. più incalliti e fedeli faranno il diavolo a quattro travolgendo governo, ministri e anche " mamma PD"!! Credo cheora Renzi Padoan e perfino il Papa interverranno per "salvare " i poveri investitori pensionati o speculatori (poco importa) dal crac che li travolgerebbe senza scampo e definitivamente.

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 22/12/2015 - 17:14

Ci sono stati,storicamente parlando, numerosi casi di crollo di regimi totalitari ad indirizzo comunista scoprendo così che la promessa di maggior benessere al proletariato era una bufala. Il popolo era alla fame e nella miseria assoluta mentre i regnanti, a loro dire strenui difensori dei poveri e dei deboli, vivevano in regge faraonihe con rubinetti d'oro e centinaia di auto di lusso,yacht, belle donne,bella vita. Questa è la favola che continuano a raccontare i cattocomunisti ai beoti creduloni che tutt'oggi godono infinitamente a farsi prendere per il c.u.l.o da questi sinistri che sono più a dx dei destri.Nonostante ciò, come i fedelissimi islamici, sono votati all'autolesionismo e al martirio, in nome di una propaganda che,sempre storicamente, fa acqua da tutte le parti.CHE PENA.

Fjr

Mar, 22/12/2015 - 17:17

@ammazzalupi, prevedo a breve un nuovo voltabandiera come dopo il 25 aprile,

ilbelga

Mar, 22/12/2015 - 17:33

mai dato soldi alle coop, non mi fido dei companeros.

rosa52

Mar, 22/12/2015 - 17:33

eppure la notizia era nell''aria gia' da tempo pero' non e' mai stata amplificata..chissa' perche'?

Giorgio Rubiu

Mar, 22/12/2015 - 17:43

E dopo, chi lo finanzia il partito? Non sicuramente i Festival dell'Unità' o i tesseramenti che sono, tra l'altro, in fortissimo calo. Anche la Cooperativa Costruttori di Argenta (Ferrara) era una Cooperativa di sinistra e anche essa ha trascinato sul lastrico tutti quelli che avevano creduto di investire bene i loro soldi. Agricoltori proprietari terrieri hanno venduto i loro terreni per investire il ricavato con Donegaglia e soci. Oggi sono senza soldi e senza terra. E ben gli sta soprattutto sapendo che molti di loro non erano nemmeno di sinistra ma erano mossi dall'ingordigia dei favolosi guadagni facili.

Ritratto di marione1944

marione1944

Mar, 22/12/2015 - 18:06

Pensare alle coop mi viene in mente Attila, il barbaro, dove passava lui non cresceva più un filo d'erba, rubava a tutti. Guarda un poco come somiglia ai compagni.

honhil

Mar, 22/12/2015 - 18:33

In principio, a colorare di rosso i bilanci sono stati i comuni rossi, poi le province e le regioni. Adesso, anche le coop rosse, nonostante le mille facilitazioni di cui godono, si sono messi a produrre debiti in grande quantità. Ma loro, cioè i dirigenti eredi di bandiera rossa la trionferà, non sono per niente preoccupati, né intendono abbassare il loro tenore di vita da nababbi. Sanno dove gli dorme la lepre. Che poi è quel popolo al quale chiedono i consensi e sul quale scaricheranno tutte quelle passività. Come sempre hanno fatto, del resto.

Fjr

Mar, 22/12/2015 - 18:56

Cameriere Sciampagn