Se un'infermiera asfalta Saviano e il giustizialismo

Ieri su Repubblica sono uscite due pagine fitte fitte a firma Roberto Saviano. Ecco, se potete rintracciatele, sfilatele dal quotidiano e incorniciatele

Ieri su Repubblica sono uscite due pagine fitte fitte a firma Roberto Saviano. Ecco, se potete rintracciatele, sfilatele dal quotidiano e incorniciatele. Prima però tagliate l'articolessa dell'autore di Gomorra. In alto sulla destra, infatti, trovate la lettera di un'anonima infermiera che in poche righe, e con un raro nitore espositivo, demolisce punto per punto non solo l'articolo del suo coinquilino di pagina, ma tutta la sua sciacallesca battaglia manettara.

L'infermiera, 24 anni, racconta il suo dialogo con un paziente ricoverato nel reparto Covid, dove lei è stata trasferita in fretta e furia. Parlano di malattia, di speranza e di come questa pandemia ci cambierà per sempre. Poi si rivolge direttamente allo scrittore: «Il giorno dopo il dialogo, mi trovo a leggere un articolo di Roberto Saviano che mi lascia senza parole e piena di profonda tristezza (La Lombardia e la debolezza di credersi invincibili. Gli errori della regione ex feudo di Formigoni e Berlusconi). Decido di rispondere a Saviano. Mi incuriosisce sapere perché (...) la sua posizione sul futuro è riassunta da un articolo pieno di polemica, di condanne per chi ha sbagliato, di rabbia e di tristezza. (...)Perché, al posto di desiderare un futuro di rinascita, l'unica cosa che propone è processare chi è venuto meno ai suoi doveri? Io non difendo le persone che possono aver sbagliato ed è giusto guardare in faccia gli errori, ma non per condannare ed eliminare qualcuno, ma per far sì che questi errori possano aprire a uno spiraglio di cambiamento». Semplice, lineare, chiarissima. Ovviamente Saviano non le risponde, le dice di leggersi il suo ultimo articolo, che in fondo è una risposta alla sua lettera. Ma non si accorge che la sua lunga sbrodolata giustizialista conferma in tutto e per tutto le accuse che, pacatamente, gli ha mosso l'operatrice sanitaria. Lei gli chiede un po' di pacatezza, lui replica con un delirio giacobino e strampalato: la colpa della Lombardia sarebbe il suo falso garantismo al quale ora, è implicito, si deve rispondere con uno tsunami di manette. «Cosa è stato il Garantismo in Italia negli ultimi 25 anni? È stato maggioritariamente una storia di puttane, che hanno sbandierato Beccaria solo per vendersi meglio».

Poi, come se non fosse stato chiaro, dopo aver sostenuto che il vero garantismo è quello degli scafisti delle Ong fa anche nomi e cognomi: «Il Garantismo italiano è morto quando si è venduto a Berlusconi, prima, e ora a Salvini. Poiché mai sono stati negli ultimi anni dalla parte degli ultimi». Parola di quello che stava in un attico a Manhattan (e sia chiaro, buon per lui, ma non faccia la morale agli altri). Il problema di Saviano è che non riesce nemmeno a stare dalla parte di questa giovane infermiera. Che non è un'ultima, anzi è in prima fila. In trincea. Cara infermiera, si rassegni, Saviano, nonostante la pandemia, continuerà col suo lavoro di sciacallaggio politico.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 21/04/2020 - 17:56

fantastica infermiera!!! se è cosi intelligente, la vogliamo al posto del ministro della sanità! :-) ci fidiamo piu lei che di quei babbei comunisti!!!

dagoleo

Mar, 21/04/2020 - 18:10

ormai vive di quello. è un disco rotto e lo ascoltano sempre meno persone. ormai da tempo l'abbiamo pesato per il poco che vale. nel suo paese di origine, dove non può recarsi senza il rischio di essere travolto da una scarica di pomodori ed uoma marce, l'avevano capito molto prima di noi di quale pessima pasta fosse fatto l'uomo e ci avevano avvisato. ma non gli avevamo creduto, salvo poi svegliarci dal torpore ma dopo avergli fatto guadagnare milioni con le sue menzogne. ora lui vive tranqullo e beato nel suo attico newyorkese e da là pontifica verso la massa umana informe ma sempre più ridotta che si abbevera ai suoi sermoni drogati di livore

dagoleo

Mar, 21/04/2020 - 18:12

come è astutamente studiata quella posizione col dito indice che sorregge una testa calva piena di pensieri profondi...il tipico giacobino tenutario del vero.

Nicola48ino

Mar, 21/04/2020 - 18:23

X Mortimerhouse Daccordissimo con lei almeno l'infermiera qualcosa di sanità ne capisce, invece il ministro della salute nostra(poveri noi) e laureato in speranza

ilrompiballe

Mar, 21/04/2020 - 18:49

Ho tentato, a suo tempo, di leggere Gomorra: dopo tre pagine mi sono reso conto che era un ammasso di luoghi comuni. Come il suo sodale del Fatto Quotidiano, è soltanto uno "che tira quattro paghe per il lesso"

Nick2

Mar, 21/04/2020 - 19:09

Purtroppo, in Lombardia, centinaia di infermieri come lei, di medici e personale ospedaliero sono morti a causa degli errori della sanità lombarda. Gli errori servono per migliorarsi, ma chi ha sbagliato deve pagare!

florio

Mer, 22/04/2020 - 10:22

@Nick2-19:09, e quali sarebbero questi errori, quelli di non avere avuto sufficiente materiale sanitario: tute, mascherine, guanti, respiratori? Chi deve fornire tali attrezzature? La Protezione Civile che dipente dal Governo Centrale. Non c'erano sufficienti sale di rianimazione? Certo grazie ai tagli fatti dai vari governi, da Monti in poi, Letta, Renzi, Gentiloni si sono tagliati 37milardi alla Sanità. E' forse colpa della Regione Lombarda, fatevi qualche bella domanda e datevi una risposta.

spiderbatbug

Mer, 22/04/2020 - 10:57

Mi ricordo il giorno in cui uscì il primo numero di "repubblica": eravamo in trasferta di lavoro e una mia collega lo comprò. Dato solo uno sguardo, mi dispiacque subito e questa intuizione è maturata con gli anni, tanto che posso provare a leggere qualsiasi altro quotidiano, che ne condivida o meno la posizione, ma quel fogliaccio no, perché sono insopportabilmente faziosi anche l'inchiostro e la carta su cui è stampato. Provo un senso di repulsione anche solo se, davanti all'edicola l'occhio mi cade per un microsecondo sulla locandina.

Unoamareggiato

Mer, 22/04/2020 - 11:57

Un gigante l'infermiera. Purtroppo Saviano non riesce a capirla perché si é venduto il cervello e come il suo sodale Fazio trovano gratificante gettare palate di fango su tutti quelli che non la pensano come loro.

PassatorCorteseFVG

Mer, 22/04/2020 - 12:37

ennesima dimostrazione di mente a sovranità limitata dalla propria supponente e infallibile ideologia superiore( saviano) . il popolo italiano, e l" infermiera ne è la conferma, sa già come affrontare e risolvere anche questo imprevisto e grosso problema ereditato dalla dittatura cinese, forse il signore vuole farci dimenticare chi è responsabile dell" inizio del tutto?. ciao a tutti.

bruco52

Mer, 22/04/2020 - 14:25

ennesimo sinistrato da aggiungere alla lunghissima lista dei "sinistrati con il cervello bevuto..."....

Ritratto di Fabious76

Fabious76

Mer, 22/04/2020 - 14:47

Possibile che c'è ancora chi dà spazio a questo soggetto?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 22/04/2020 - 16:11

@Nick2 - attento a quando sostieni che chi ha sbaglaito deve pagare, perchè se alla fine si rivelasse che le maggiori colpe sono dei tuo iamici sinisrti, poi che dici? Ah, tu confidi nella magistratura amica?

FlyingV

Mer, 22/04/2020 - 17:38

S. è capace di esprimersi solo in questo modo perchè è quello che i suoi lettori (finanziatori) vogliono: odio, astio, rancore, vendetta. Per il resto i miei complimenti all'infermiera che, in poche righe, raccoglie i sogni e le speranze di molti.

ex d.c.

Gio, 23/04/2020 - 14:46

Chi lavora seriamente, qualunque sia la sua attività ha diritto di essere ascoltato più di chi parla soltanto

gpl_srl@yahoo.it

Gio, 23/04/2020 - 15:27

infermieri e dottori mandati al fronte senza mascherine e senza tamponi, comi i soldati mandati in Russia da Mussolini senza scarponi decenti e senza maglie di lana a patire la neve ed il freddo!Saviano deve solo stare zitto perché non fa nemmeno pena e per fortuna possiamo solo far finta di nulla e non saper che esiste