Lo sfogo di Berlusconi: "Non ci hanno ascoltato. Conte incomprensibile"

Il colpo di mano giallorosso sul Cura Italia La Lega: "Così il premier ha i pieni poteri"

La delusione è forte. Il Cura Italia avrebbe dovuto essere un lavoro collettivo. La revisione del decreto con carattere di urgenza, che stanzia i primi 25 miliardi per l'emergenza legata alla diffusione del Covid-19, avrebbe dovuto rispettare le sensibilità presenti nell'intero arco parlamentare. E invece niente. La tanto decantata «cabina di regia»? Soltanto fumo negli occhi, a detta dei rappresentanti dei partiti di opposizione. Sono stati invitati a confrontarsi col governo e a fare proposte. Che poi sono state tutte (o quasi) falcidiate e archiviate in commissione Bilancio. E oggi nell'aula di Palazzo Madama, la mazzata finale: il governo presenterà la conversione del Cura Italia in legge apponendo oltretutto la fiducia. Forza Italia, Lega e Fratelli d'Italia non faranno ostruzionismo. Il senso di responsabilità - dicono - nei confronti di un Paese allo stremo è immutato nonostante il voltafaccia del governo. Però la delusione è forte. «Il coinvolgimento delle opposizioni non c'è stato», si lamenta il capogruppo della Lega, Massimiliano Romeo, nel corso del suo intervento al Senato. «Collaborare significa condividere non informare soltanto, una cabina di regia chiede decisamente dell'altro - continua -. Siamo totalmente insoddisfatti. Ci avete criticato per la frase di Salvini sui pieni poteri ma di fatto, i pieni poteri se li è presi il premier Conte».

Anche Silvio Berlusconi ha mostrato massima indignazione parlando con i suoi parlamentari. «Abbiamo offerto soluzioni per aiutare il Paese a uscire dalla crisi - si è sfogato il leader di Forza Italia - ma la maggioranza ci ha relegati al ruolo di spettatori. Hanno respinto tutti i nostri più significativi emendamenti. La fiducia? Una cosa a dir poco incomprensibile». «Dal governo un pericoloso atto di superbia - dichiara in aula la capogruppo azzurra Anna Maria Bernini -. La fiducia è il sigillo politico che chiude il cerchio della mancata volontà di coinvolgere le opposizioni nonostante l'appello alla collaborazione autorevolmente partito dal presidente della Repubblica. Appello a cui Italia ha risposto con lealtà e concretezza». Nel suo intervento il senatore azzurro Maurizio Gasparri si appella direttamente a Mattarella e poi boccia il decreto così come è uscito dalla Commissione bilancio. «È insufficiente - dice - non ci sono risorse adeguati per le imprese, gli autonomi, i commercianti, le partite Iva, i balneari, il popolo in divisa per il quale servono meno pacche sulle spalle e più soldi. Non ci sono i voucher per l'agricoltura e il turismo perché non si poteva disobbedire a Landini».

«Ci pesa votare contro - spiega Adolfo Urso di Fratelli d'Italia - soprattutto pensando a coloro che (medici e forze armate) sono impegnati in prima linea. Noi ci crediamo davvero a che tutti antepongano gli interessi nazionali a quelli di parte. Ma i nostri suggerimenti sono stati tutti bocciati, indipendentemente dal loro contenuto. Non si può affrontare la guerra con l'egoismo dei burocrati ma solo con la generosità degli arditi».

«Non avevamo spazi finanziari per accogliere tutte le proposte del centrodestra - si è difeso Antonio Misiani, viceministro all'Economia -, ma ne abbiamo tenuto conto. Una parte sono state accolte nel Decreto liquidità e una parte saranno inserite nel cosiddetto Decreto aprile». Il viceministro ha poi offerto un identikit approssimativo di quali sono i temi e le aree di intervento dei suggerimenti che verranno sfruttati nella revisione del Decreto liquidità. «Rafforzeremo - dice - gli ammortizzatori sociali, facendo tesoro delle sollecitazioni sul lavoro autonomo, lavorando sugli Enti locali, che sono in grande difficoltà e vanno aiutati perché sono la prima frontiera del sistema pubblico nella tenuta sociale del nostro Paese».

Risulta magro quindi il bottino di emendamenti firmati da esponenti delle opposizioni che sono passati durante il voto in commissione Bilancio. Tra i pochi si segnalano: gli straordinari da pagare per tutti i componenti delle Forze dell'ordine che hanno prestato servizio durante l'emergenza (Forza Italia), l'emendamento della Lega sui volontari della Protezione civile, che potranno restare in servizio fino a 180 giorni consecutivi, e quello che sospende di un anno i termini sull'imposta di registro per la prima casa ai fini del riconoscimento del credito d'imposta (Fdi).

Nel complesso, comunque, la bocciatura del Cura Italia, sostengono le opposizioni, è e resta inevitabile.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Gio, 09/04/2020 - 10:20

Come non vi hanno ascoltato? Andate e venite insieme da Francia e Benelux, ricevete istruzioni dagli stessi padroni, collaborate allo stesso progetto politico-economico e non comunicate nemmeno? Ma chi ci crede.

pilandi

Gio, 09/04/2020 - 10:25

A me rassicura il fatto che c'é Conte e non Salvini. Conte sta facendo un lavoro egregio e se l'opposizione ha sempre e solo portato proposte non realizzabili fa benissimo a non interpellarli più.

claudioarmc

Gio, 09/04/2020 - 10:29

Come è stato possibile anche solo credere alla buonafede di Conte?

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Gio, 09/04/2020 - 10:30

(1) Guarda un po' chi si lamenta (il salvinino) del fatto che qualcuno, in Italia, avrebbe ipotetici o supposti pieni poteri... La contraddizione, l'incoerenza, l'incongruenza: da sempre fanno parte delle menti mediocri. Lo stesso berlusca, parecchi anni fa, si sfogava col gigante Putin confessando ad esso di invidiarlo del fatto che avesse pieni poteri in Russia. Conseguentemente e implicitamente si lamentava di non averne per se stesso in Italia. Ogni tanto il berlusca rinsavisce: nell'intimo sa benissimo che, per governare bene qualcosa, qualsiasi cosa, ci deve essere solo uno che comandi.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Gio, 09/04/2020 - 10:30

(2) E possibilmente col bastone. Infatti, se Forza Italia come partito e Mediaset come azienda funzionano bene è solo perché è ben chiaro il postulato fondamentale di chi comandi. E, sotto l'aspetto delle contraddizioni, vogliamo dimenticare la melonina? Ovviamente, no. Anch'essa, per dimostrare di essere parte integrante del moderatume, non può non solidarizzare col resto dell'accozzaglia quando si tratta di essere incoerenti. E, in tal senso, solidarizzare significa solo una cosa: dovere assumere atteggiamenti palesemente incoerenti sia nelle dichiarazioni che nell'agire. FdI può apparire coerente nell'aperta ostilità all'attuale governo ma, sotto altri aspetti, l'incongruenza viene fuori spesso.

ex d.c.

Gio, 09/04/2020 - 10:40

Esemplare la fiducia che Berlusconi ha nel prossimo.Sono talmente giuste le sue proposte e chiara l'esposizione delle stesse che sembra assurdo non vengano recepite. Purtroppo è così

acam

Gio, 09/04/2020 - 10:41

caro silvio mi sei sempre stato simpatico ma ora la simpatia, se continui cosi, lascia luogo alla compassione, dal 30 al 5% Un po come i 5s solo che tu ci hai messo 30 anni a loro sono bastati solo due. non hai seguito i tuoi megafoni non hanno batterie uno valido te lo sei fatto scappare e se gli ridessi fiato?

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 09/04/2020 - 11:28

Ennesima prova che la “democrazia”, ovvero il “governo del Popolo”, esiste solo per la sinistra, non per la destra, quella che qualcuno ancora accusa di essere “fascista”, quando nella realtà la democrazia non cresce proprio nelle teste della sinistra, sempre più abbandonata dal Popolo sano.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 09/04/2020 - 12:15

se i babbei comunisti grulli avessero l'onestà di ammettere che è vero quanto dice berlusconi, farebbero un bel passo in avanti per il bene di tutti....

UnBresciano

Gio, 09/04/2020 - 12:47

Dimostrerebbero la loro responsabilità votando contro. Altrimenti sono tutti complici. Ovunque ti giri ci sono solo approfittatori che se ne fregano di tutto fuorché del loro lauto stipendio