Sgarbi esce dall'ospedale. "Pensavo che sarei morto"

Il critico d'arte era finito in ospedale dopo un malore sul Lago d'Iseo. E scherza: "Forse la bruttezza dell'opera di Christo è stata una concausa"

Sgarbi esce dall'ospedale. "Pensavo che sarei morto"

È stata una colica renale a far finire in ospedale Vittorio Sgarbi, che lo scorso sabato si trovava a Lovere, sul Lago d'Iseo, per l'inaugurazione del Ponte di Christo. Una diagnosi subito chiara quella della clinica Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dove il critico d'arte è stato ricoverato.

A raccontare quanto gli è accaduto ci ha pensato Sgarbi stesso, parlando ai microfono di Radio Cusano Campus. "Sono stato travolto da Christo - ha commentato beffardo -. La bruttezza di quell'opera mi ha fatto venire una colica renale? Ecco, forse è stata una concausa".

Non sembra avere apprezzato molto l'opera di land art per cui migliaia di persone si stanno affollando dal giorno dell'inaugurazione. "La notte l'ho passata vedendo delle terme romane, delle chiese - ha raccontato in radio -, ho fatto un percorso originale".

"Stanotte ho pensato che potevo anche morire - ha poi aggiunto -, tale è la violenza del dolore della colica renale che ho avuto. Ho pensato che sarei morto, invece poi l'ho superata".

Commenti