Sgarbi in Rai: "Luigi Di Maio è omosessuale. Vi dico io con chi è fidanzato"

Dopo la profezia di Bisignani sulla lobby gay del M5S, Sgarbi lancia la bomba in Rai. "Recentemente ho scoperto che Di Maio ha un fidanzato, Vincenzo Spadafora"

Sgarbi in Rai: "Luigi Di Maio è omosessuale. Vi dico io con chi è fidanzato"

La bomba è stata sganciata. Ci ha pensato Vittorio Sgarbi proprio mentre si intraprende il difficile cammino verso il nuovo governo. Durante il programma Quelli dopo il Tg, condotto da Luca e Paolo e Mia Ceran, il critico d'arte ha parlato della vita privata di Luigi Di Maio. "Recentemente ho scoperto che ha un fidanzato, Vincenzo Spadafora - ha detto su Rai2 - sono felice finalmente di avere un premier gay, così sereno e affettuoso e sorridente".

Tutto nasce qualche giorno fa. Sul Tempo Luigi Bisignani, già lobbista nella prima Repubblica e fedelissimo di Giulio Andreotti, aveva ventilato l'esistenza di una lobby gay, potentissima e rissosa, all'interno del Movimento 5 Stelle. Una insinuazione che, come scriveva nei giorni scorsi ilGiornale, aveva già "colpito" il capo della comunicazione parlamentare grillina, Rocco Casalino. Adesso a finire nel mirino è Vincenzo Spadafora, il responsabile delle relazioni istituzionali di Di Maio. Secondo Sgarbi sarebbe, infatti, "il fidanzato" del candidato premier del Movimento 5 Stelle.

Durante il programma Quelli dopo il Tg, Sgarbi si è scusato per i durissimi scontri (verbali) avuti con Di Maio in campagna elettorale. "In realtà - ha detto - mi dispiace aver aggredito questo giovane, che tra l’altro è anche tenero e ha dei sentimenti così nobili". Quindi, ha continuato: "Recentemente ho scoperto che ha un fidanzato, Vincenzo Spadafora. Sono felice finalmente di avere un premier gay, così sereno e affettuoso e sorridente". Quando in studio hanno provato a fermarlo, il critico d'arte h fatto notare che che quanto stava dicendo era "elogiativo". "Io credo che essere omosessuale sia un elemento in più - ha continuato - non mi pare che ci sia da vergognarsi di nulla. Abbiamo leggi che tutelano le coppie gay".

Come ricorda Affaritaliani, Spadafora proviene da esperienze politiche con Alfonso Pecoraro Scanio e Francesco Rutelli. Quando fu Garante per l'Infanzia, appoggiò le unioni civili ricevendo forti forti critiche dai partiti di centrodestra.