La sinistra che difende i negazionisti delle foibe

È tornato "Soccorso Rosso". Da Il Manifesto all'Anpi, passando per Nicola Fratoianni, sono tanti i compagni scesi in campo in difesa di Tomaso Montanari, il prof toscano che aveva criticato il Giorno del Ricordo

La sinistra che difende i negazionisti delle foibe

I compagni nostrani si sono uniti, anzi stretti, attorno a Tomaso Montanari, neo eletto rettore dell'Università di Siena per stranieri, che il 23 agosto scorso sul Fatto Quotidiano ha rinnegato la Giornata del Ricordo, istituita nel 2004 per onorare le vittime delle foibe.

"Soccorso Rosso lo si era visto all'opera negli anni '70 per tutelare brigatisti e affini. Be', funziona ancora, ne fanno parte vecchi dinosauri e giovani cloni dei medesimi. Non ha più la prontezza di una volta, questa congrega dal pugno chiuso dev' essersi infiacchita nella pigra estate tipica dei compagni che riposano, ma - scrive Renato Farina su Libero - ecco che ieri i suoi manipoli si sono finalmente stretti intorno al loro ultimo, francamente fiacco, campione, professor Tomaso Montanari". Nella lista dei difensori del rettore toscano troviamo Il Manifesto che, solo tre giorni dopo la pubblicazione dell'ormai noto articolo,"ha suonato l'esile ma rossissima trombetta con Francesco Pallante" spiegando che bisogna "smascherare le balle dei colonialisti, dei fascisti e dei loro epigoni". Ieri, invece, è stata la volta del capo della Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni, il quale, secondo Farina, si è spinto in un'operazione"di pieno revisionismo del revisionismo". Il deputato post-comunista si è scagliato contro"la destra urlante" che "non ha fatto i conti con il nazifascismo" piuttosto che fare autocritica sugli omicidi commessi dai titini.

​Gianni Barbacetto, editorialista del Fatto, ha paragonato "il revisionismo" a una sorta di festa "di Stato"."Non è il revisionismo, ma la realtà delle cose e dei cadaveri tirata fuori mummificata, con il filo di ferro sotto le mandibole calcinate. Ma che cazzo di uomini siete? Tralasciamo Sandro Ruotolo, e luogotenenti dei Vopos", osserva Farina nel suo articolo. Poi c'è Gianfranco Pagliarulo, presidente dell'Anpi, che soccorre il Montanari sbagliato. "Quello giusto si chiamava Otello, ed era partigiano, denunciò eccidi comunisti in Emilia. L'Anpi ci mise 26 anni a riabilitarlo perché aveva avuto il torto di confessare la verità", si legge ancora su Libero. "Certo che la Shoah è un orrore senza pari, e i numeri dicono sei milioni. Ma qui non c'è da fare una gara a chi è il più cattivo e se un morto è più vittima di un altro morto. Ma di riconoscere che la strage di italiani infoibati non è stata un infortunio, un eccesso di zelo rivoluzionario, in un cammino di gloria partigiana", spiega ancora Farina secondo cui quella strage"è stata il fiore naturale e malvagio di una strategia per eliminare ogni ostacolo all'instaurazione di un regime totalitario". Persino "anche il consenso del Pci, almeno nel 1943" perché eliminare gli italiani non comunisti avrebbe favorito l'annessione alla nascente Jugoslavia dell'Italia orientale. In definitiva, sentenzia Farina, il Soccorso Rosso a Montanari è un "soccorso fognario".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti