Sondaggi, l'effetto Umbria affossa M5S e Pd: vola il centrodestra

Movimento 5 Stelle sempre peggio: cala al 18%. Sale tutto il centrodestra: bene Fratelli d'Italia e Forza Italia

Sondaggi, l'effetto Umbria affossa M5S e Pd: vola il centrodestra

A pochi giorni dalla schiacciante vittoria di Donatella Tesei alla Regionali in Umbria dello scorso 27 ottobre, la supermedia settimanale elaborata da YouTrend per Agi mette in risalto la differenza netta che l'effetto ha provocato: stando agli ultimi sondaggi, trova sicuramente conferma l'exploit della Lega e di Fratelli d'Italia, che continuano a crescere anche per via del cosiddetto "effetto bandwagon". Con tale termine, che alla lettera significa "effetto carrozzone", si fa riferimento alla tendenza a salire sul carro del vincitore. Non è un caso che tutti i partiti di centrodestra stiano costantemente segnando una variazione positiva.

I sondaggi

D'altra parte però c'è chi deve fare i conti con i continui cali: il Partito democratico perde ancora lo 0,7%. Ma si tratta di un'erosione meno marcata. Perché il Movimento 5 Stelle è riuscito a fare peggio: è in discesa di un punto percentuale e mezzo. Un calo non indifferente per la compagine guidata da Luigi Di Maio, che in occasione anche delle elezioni Regionali in Emilia-Romagna punterà a contenere i danni: ha annunciato lo stop alle alleanze locali con il Pd.

Nello specifico volano il Carroccio di Matteo Salvini (32,8%), Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni (8,9%) e Forza Italia di Silvio Berlusconi (6,8%), guadagnando rispettivamente l'1,2%, l'1,1% e lo 0,2% rispetto alla supermedia di due settimane fa. Il Partito democratico si attesta al 18,9% e il M5S si ferma al 18%. Seguono Italia Viva (4,8%), La Sinistra (2,1%) +Europa (1,9%) e i Verdi (1,7%).

Commenti