Sondaggi, tiene il governo. Lega al 35,9%, male M5S e Pd

L'ultima rilevazione a cura di Nando Pagnoncelli rivela che nonostante le tensioni tra Salvini e Di Maio il governo continua ad avere la fiducia della maggioranza degli italiani (54,9%). I partiti: Lega in crescita, flop Pd e grillini

Sondaggi, tiene il governo. Lega al 35,9%, male M5S e Pd

Il governo è sempre più litigioso, ma il consenso degli italiani non si riduce. Al contrario, aumenta. La Lega si conferma primo partito con più del doppio dei voti del Movimento 5 Stelle, mentre il Pd arranca. A dirlo è l'ultimo sondaggio curato da Nando Pagnoncelli per il Corriere della Sera. Rilevazione che conferma le simulazioni condotte nelle ultime settimane da altri istituti di ricerca, che davano il partito di Matteo Salvini nettamente in vantaggio sulla concorrenza nelle intenzioni di voto degli italiani, i quali apprezzano in maggioranza anche il governo e il premier Giuseppe Conte (che resta il leader più stimato di tutti).

Conte e Salvini i più amati dagli italiani

In base ai risultati dell'ultimo sondaggio, rispetto al calo di tre settimane fa i consensi per il governo sono tornati agli stessi livelli di inizio giugno: l'indice di apprezzamento per l'esecutivo si attesta oggi al 54,9%. Una valutazione positiva espressa dagli elettori della Lega come del Movimento 5 Stelle, anche se con minore entusiasmi da parte dei primi (74% contro il 94% dei sostenitori grillini). Chi sorride di più è il premier Conte, che in un mese ha recuperato sei punti arrivando al 58% di pareri favorevoli. Anche in questo caso - osserva Pagnoncelli - l'entusiasmo attorno alla figura di Conte è maggiore tra gli elettori pentastellati che tra quelli leghisti (94% contro 77%). Bene Salvini, in crescita di 6 punti e il cui dato attuale di apprezzamento è 54%. In ascesa anche l'altro vicepremier Di Maio, addirittura 9 punti in più rispetto a giugno pur avendo il gradimento di appena il 34% degli italiani.

Boom della Lega, male M5S e Pd

I partiti. In testa nelle intenzioni di voto c'è sempre la Lega, in crescita di tre punti nelle ultime settimane e data al 35,9%. Un consenso che non è stato eroso dall'affaire sui presunti fondi russi al Carroccio. Stabile al 17,4% il Movimento 5 Stelle: Forza Italia all'8,2% e Fratelli d'Italia al 6%. Infine il Pd. I dem non se la passano bene. Le forti tensioni tra la maggioranza zingarettiana e la minoranza renziana, unite allo scandalo Angeli & Demoni, fanno scivolare il Pd al 21,6%, mezzo punto in meno di tre settimane fa.

Commenti