Sorpasso a destra, incubo per Merkel

I sondaggi danno per la prima volta i nazionalisti dell'Afd davanti alla sua Cdu

Berlino - I sondaggi a livello federale vanno male. L'indice di popolarità di Angela Merkel, rivela un sondaggio del primo canale televisivo Ard, è al 45%: un miraggio per altri leader europei ma il livello più basso da cinque anni a questa parte per la cancelliera. E non si è trattato del fisiologico logoramento di chi è al potere dal lontano 2005: un anno fa con lei c'era il 65% dei tedeschi. Con questo spirito Merkel affronta oggi le elezioni nel Mecklemburgo-Pomerania anteriore. Il Land è fra i più marginali e i più poveri della Germania: cenerentola della Ddr, la capitale Schwerin è rimasta tale anche dopo la riunificazione e i due governi regionali di grande coalizione che si sono succeduti al potere dal 2006 non sono riusciti ad arrestare l'emorragia demografica: oggi il sesto Land per estensione conta appena 1,5 milioni di abitanti. Secondo i sondaggi gli elettori del «MeckPomm» si accingono a dare una bastonata all'amministrazione di Schwerin: i socialdemocratici dovrebbero perdere fino a 7 punti (dal 35 al 28%) e la Cdu della cancelliera «solo» un paio (dal 23 al 21).

Il guaio grosso per la formazione di Merkel è che rischia di diventare il terzo partito: al suo posto potrebbe balzare Alternative für Deutschland, accreditata del 22% dei consensi. Come già fatto nei mesi scorsi in Renania-Palatinato e in Baden- Württemberg, il partito anti-immigrati ancora assente dal Bundestag si accinge a rimescolare le carte di una politica altrimenti statica. Oltre che dai partiti al governo, AfD dovrebbe rubare consensi ai social-comunisti della Linke (data in calo di 5 punti) e ai Verdi (giù di due). A fare le spese dell'ennesima cavalcata di AfD dovrebbero essere però soprattutto i neonazisti dell'Npd. In Mecklemburgo, l'Npd aveva il 6%: domani potrebbe sparire, assorbito da AfD, diventato campione dell'anti-politica.

Negli ultimi mesi la co-portavoce del partito Frauke Petry ha definito «legittimo» il ricorso alle armi contro i rifugiati in pressione sulle frontiere tedesche; quindi, davanti all'ondata di attacchi terroristici registrati a luglio, ha invitato i tedeschi ad armarsi per difendersi «senza aspettare la polizia che ci mette sempre molto ad arrivare nei centri più piccoli». Musica per le orecchie degli elettori dell'Npd, messi davanti alla possibilità di votare per un partito formalmente immune da nostalgie per il Terzo Reich. Giorni fa l'altro co-portavoce di AfD, Jörg Meuthen, ha apertamente corteggiato gli elettori dell'Npd immaginando una collaborazione fra i due partiti «su proposte ragionevoli» al Parlamento statale di Schwerin. Un cambio di marcia notevole rispetto allo scorso marzo quando Petry e Meuthen sciolsero AfD nella meridionale Saarland per contiguità dei dirigenti regionali con gli ambienti dell'ultradestra.

«Gli elettori non si rendono conto che stanno votando per un partito che non vuole distanziarsi da questi ambienti», ha messo in guardia Josef Schuster, presidente del Consiglio centrale degli ebrei tedeschi. Nel «suo» Mecklemburgo, che la elegge da una vita al Bundestag, Merkel rischia dunque di essere sorpassata da un partito estremista: l'esercizio di bravura post-elettorale sarà dimostrare che in MeckPomm hanno perso «gli altri». Il 18 al voto vanno gli elettori di Berlino e fra poco più di un anno i tedeschi dovranno rinnovare il Bundestag: per allora Angela Merkel dovrà fare di meglio se intende strappare un quarto mandato da cancelliera.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

antipifferaio

Dom, 04/09/2016 - 09:03

Tutto questo senza considerare le prossime ri-elezioni in Austria dove la Destra distruggera la sinistra cialtrona dedita alla "frode postale"... Poi vedremo le ripercussioni nei paesi germanofoni come saranno...

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 04/09/2016 - 09:11

sì sorpassata come lo era la brexit nei sondaggi eppoi è successo quello che era prevedibile.

Ritratto di Svevus

Svevus

Dom, 04/09/2016 - 09:35

Un unico appunto : estremista è la Kancelliera che non è moderata ma ...estremista della immigrazione.

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 04/09/2016 - 09:53

Chi semina ZIZZANIA, MIETE TEMPERSTA.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 04/09/2016 - 10:11

Il vento in europa sta cambiando, la gente comincia a capire la follia fatta da questi delinquenti. Tranne che in itaglia, qui sono ritardati mentali, lo capiranno tra ventanni.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 04/09/2016 - 10:49

AfD in ascesa? I tedeschi evidentemente non hanno ancora compreso le grosse opportunità che offrono i migranti. Il giorno che comprenderanno che cosa si stanno perdendo, scenderanno in Itaglia e ci strapperanno a forza queste "risorse".

Ritratto di pinox

pinox

Dom, 04/09/2016 - 11:00

questa donna non ha nessun merito sui successi economici della germania (al massimo ha solo dei demeriti sul fallimento del progetto europa) ha solo avuto la fortuna di essere nel posto giusto nel momento giusto, la sua parabola discendente è scontata quanto sacrosanta.

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Dom, 04/09/2016 - 11:08

Ma che je frega alla Merkulona! Lei l'anno prossimo non vuole ricandidarsi, ma andare all'onu o alla kommissione europea, s'arrangi chi resta in Germania.

VittorioMar

Dom, 04/09/2016 - 11:29

...speriamo(difficile)nella Sig.ra PETRY!!! AUGURONI!!!

edo1969

Dom, 04/09/2016 - 11:48

Forza AfD

agosvac

Dom, 04/09/2016 - 13:32

La cosa strana è che la merkel è biasimata per la sua scelta dell'immigrazione incontrollata e non per la altre cose che lei ed il suo Governo hanno fatto sul piano economico. La Deutsche bank è sull'orlo della catastrofe, ma nessuno ne parla. Lo stesso la maggior parte delle banche tedesche, non ultima la Banca Centrale di weidman. La disoccupazione ai minimi è una bufala incredibile perché considerano "occupati" anche i precari che lavorano un mese qui ed un mese là. Per non palare del debito pubblico molto più esteso di quello italiano e che si reggeva solo quando l'economia tedesca cresceva, cosa che oggi non fa più. Cruccolandia è un grosso bluff che un giorno o l'altro qualcuno andrà a vedere e saranno grossi guai.

dakia

Dom, 04/09/2016 - 15:32

X agosvag- tutto giusto ciò che hai detto ma non è vero che non è scesa dalle grazie per l'immigrazione, perché tutto ciò che hai elencato è stato portato proprio dall'immigrazione tu stesso ne fai un riassunto, troppa calca da mantenere in un continente che a malapena può sostenere la popolazione natia perché quelli rosicchiano più di ciò che danno.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 04/09/2016 - 16:46

...nonostante la campagna di odio della stampa di regime in Germania...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 04/09/2016 - 16:47

@ stenos - tra vent'anni non ci sarà nessuna Italia. Saremo Africa.