Alan Kurdi, Cecilia Strada accusa: "La vergogna europea continua"

La vicenda Alan Kurdi potrebbe diventare il primo caso politico sulle Ong per il nuovo governo: Cecilia Strada, ex presidente di Emergency, parla di vergogna europea mentre Fratoianni invoca l'intervento dell'esecutivo per "dare discontinuità"

È Cecilia Strada, ex presidente di Emergency e figlia del fondatore dell’organizzazione umanitaria, l’ultima a lanciare un monito all’Europa sulla questione migranti. Motivo della dichiarazione al veleno contro le politiche del vecchio continente è la questione relativa alla Alan Kurdi.

La nave dell’Ong tedesca Sea Eye è da alcuni giorni in acque internazionali, molto vicina a Malta. Nel momento di maggior tensione tra uscente governo gialloverde e la nave Mare Jonio, la Alan Kurdi si dirige verso l’isola di Malta e la questione sembra chiudersi. L’equipaggio ed i tredici migranti a bordo si preparano ad approdare in uno dei porti maltesi, quando però dal governo di La Valletta non giunge alcuna autorizzazione.

Al tempo stesso, uno degli ultimi atti intrapresi dal Viminale guidato dall’oramai ex ministro Matteo Salvini riguarda il divieto di ingresso in acque italiane del mezzo dell’Ong tedesca, firma che arriva anche dagli uscenti Toninelli e Trenta. Dunque, la Alan Kurdi rimane senza un porto di destinazione e l’ennesima querelle sulle organizzazioni non governative sembra andare avanti.

Nelle scorse ore, come detto, arriva la denuncia di Cecilia Strada: “Uno dei naufraghi ha già cercato di togliersi la vita a bordo della Akan Kurdi – scrive la figlia di Gino Strada su Twitter – la nave risulta ancora bloccata in acque internazionali”.

Da qui poi l’affondo verso Italia, Malta ed Europa: “Malta dovrebbe indicare un porto sicuro ma non lo fa, l'Italia ha ribadito il divieto d'ingresso – scrive ancora Cecilia Strada – La vergogna europea continua”.

La notizia del tentato suicidio arriva direttamente dalla stessa Sea Eye, la quale comunica sui social quanto accaduto nelle scorse ore. Il migrante, secondo quanto dichiarato dai membri dell’organizzazione non governativa, avrebbe tentato il suicidio in quanto stremato per le condizioni a bordo della Alan Kurdi e per l’attesa in mare di un porto sicuro.

Per lui, assieme per altri quattro migranti minorenni, proprio in questo sabato mattina scatta l’evacuazione per ragioni sanitarie. Dunque, dei tredici migranti originariamente a bordo sono otto per adesso a rimanere sul ponte della Alan Kurdi.

L’intervento di Cecilia Strada non appare comunque casuale e si inserisce in un quadro politico in cui, proprio la questione della Alan Kurdi, inizia a farsi prepotentemente strada. Infatti, dopo l’appello lanciato dalla figlia del fondatore di Emergency, arriva anche quello del leader di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni.

"Fate sbarcare i naufraghi che sono a bordo della nave Alan Kurdi”, scrive il deputato appartenente al gruppo parlamentare di LeU. Un gruppo che, all’interno del nuovo esecutivo guidato da Giuseppe Conte, esprime un ministro e che quindi è organico alla maggioranza.

E Fratoianni si rivolge proprio al nuovo governo, invocando discontinuità: “È il segnale di quella discontinuità – afferma infatti il parlamentare di Leu - che serve a questo Paese per recuperare dignità ed umanità”.

Che sia dunque il caso della Alan Kurdi il primo, nel contesto della nuova maggioranza giallorossa, a segnare una nuova linea più morbida nei confronti delle Ong?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

bernardo47

Sab, 07/09/2019 - 16:23

questa tizia che interessi ha in questa vicenda? qualcuno controlli!

Ritratto di pierluigiv

pierluigiv

Sab, 07/09/2019 - 16:39

triste parabola discendente di Emergency, da antimilitaristi a sorosiani

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Sab, 07/09/2019 - 16:42

Non vogliono neanche attendere la fiducia nei due rami del parlamento. Che gente!

Korgek

Sab, 07/09/2019 - 17:18

A questa gente (Strada, Fratoianni, Orfini, Delrio, ecc.) mi piacerebbe si facessero degli esperimenti, tipo ad esempio fare in modo che un gruppo di "miganti" si piazzi davanti alle loro case a bivaccare (giorno e notte) e ogni tanto citofonare loro per chiedere qualcosa. Secondo voi in quanto tempo questi ipocriti li mandano a stendere?

FrancescoVa1954

Sab, 07/09/2019 - 17:20

Cecilia Strada salta da una nave all'altra come le cavallette.

Ritratto di ex finiano

ex finiano

Sab, 07/09/2019 - 17:25

A questa è già andata fin troppo bene: andrebbe arrestata per favoreggiamento di immigrazione clandestina.

DRAGONI

Sab, 07/09/2019 - 17:32

Gli importatori di schiavi insorgono!!

Ritratto di cape code

cape code

Sab, 07/09/2019 - 17:34

Dai che adesso si scagliano anche contro i piddioti che sanno che far entrare tutti come prima e' un suicidio politico...ahahaah BAbbei!!!

Jon

Sab, 07/09/2019 - 17:40

Strada ha perso da un anno l'appalto dei clandestini con cui la crocr rossa italian gli pagava 400.000 €/ mese..!! Certo che e' arrabbiato.

Ritratto di Sergio Sanguineti

Sergio Sanguineti

Sab, 07/09/2019 - 17:54

Il must delle italiche canaglie governative consiste nel favoreggiamento dell'invasione. Tutto il resto a loro non interessa né personalmente come ospiti di questi clandestini. In fondo sono meno mc 20, sicché con 4 presi perché "stressati ed autolesionist" minorenni potrebbero ospitarne uno a testa, salvo aggressione... Perché no? Perché non lo fanno????

nova

Sab, 07/09/2019 - 17:57

Vergogna europea fu l'aggressione bellica alla Libia mentre Emergency di Gino Strada era già a Misurata (la città dell'ISIS, in una Jamahirya che allora era più prospera dell'Italia) e una portavoce (forse questa signora) ci rassicurava sull'esito finale.

effecal

Sab, 07/09/2019 - 18:05

Calma, attendono gli ordini di Berlino e Parigi.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Sab, 07/09/2019 - 18:12

Solita tattica:tentato suicidio,finte malattie in corso,mancanza di viveri e carburante,mare grosso e gli italiani sono fortemente in.......i dalle vostre menzogne meschine!

ESILIATO

Sab, 07/09/2019 - 18:18

VERGOGNA.....tu e ttta la tua famiglia che speculate alle spalle di questi poveri individui.

Ritratto di Trinky

Trinky

Sab, 07/09/2019 - 18:29

Prova a dirlo anche a tuo padre, quello che piange miseria per non pagare l'affitto delle vostre sezioni anche se intasca milioni di euro....

tormalinaner

Sab, 07/09/2019 - 18:38

Non bastavano i deliri del padre che adesso dobbiamo sorbirci quelli della figlia. Famiglia di sfruttatori che campano sulla sofferenza degli altri.

opinione-critica

Sab, 07/09/2019 - 18:40

Ha ragione Fratoianni: bisogna dare discontinuità. Si spara una cannonata di avvertimento per fare dietro-front in 45 secondi altrimenti si spara alla poppa e alla prua della nave. Questa è la discontinuità col governo precedente che gli dava da mangiare sulla nave quando potevano benissimo pescare e mangiare i frutti del loro lavoro.

pasquinomaicontento

Sab, 07/09/2019 - 18:41

...ma 'sta Cecilia Strada,che fà,campa de rendita? o aspetta la stecca a un tanto a moro? Potrebbe aiutà quarche suo compatriota che, verso l'ora de chiusura dei mercatini rionali, va riccojenno quarche frutto marcio che li "fruttaroli" bùtteno ar monnezzaro, pe' nun fà fracicà quelli boni.

simone66

Sab, 07/09/2019 - 18:50

Gino e Cecilia, ma che bella famiglia!

Sceitan

Sab, 07/09/2019 - 18:55

Mai visto cosi' tanta gente insistere per infilare volontariamente la testa nel cappio del boia!

buonaparte

Sab, 07/09/2019 - 19:05

bravi jon e nova .fa piacere leggere gente informata.una nostra conoscente infermiera diplomata qualche anno fa voleva fare una esperienza di volontariato ed ha mandato piu volte la domanda ad una nota ong,ma no la chiamavano mai finchè le hanno consigliato di iscriversi ad un partito di sinistra e metterlo nella domanda. fu chiamata poco dopo.al ritorno ci raccontò tutto ; -lo stipendio che comprendeva 1600 euro al mese piu 2400 euro di rimborsi spese anche se non avevano nessuna spesa.era una forma di stipendio occultata sul qual non pagavano le tasse -inoltre li ha visto che loro medicavano anche i tagliatori di teste dell'isis con i quali erano in contatto come lo erano in africa dei trafficanti ai quali passavano dei soldi per svolgere le loro attività- lo spazio è finito ,ma ci sarebbero molte cose da dire .ed i nostri giudici non trovano nulla tra ong e trafficanti ?..

Ritratto di michageo

michageo

Sab, 07/09/2019 - 19:10

Simpatica ed arrogante come il padre......

Seawolf1

Sab, 07/09/2019 - 19:10

È la vergogna delle ong che continua...

Divoll

Sab, 07/09/2019 - 19:10

La vera vergogna e' il Piano Kalergi, in base al quale le ONG operano: riempire l'Europa di stranieri di etnie molto distanti dagli europei non solo per tratti somatici, ma soprattutto per mentalita', lingua, cultura onde abbassare il QI generale, rendere la futura popolazione europea senza radici e senza legami col territorio e con la cultura locale, ignorante, socialmente disunita quindi facilmente malleabile e gestibile per il potere.

Ritratto di akamai66

akamai66

Sab, 07/09/2019 - 19:46

Vi impiccherete da soli, potrete imbrogliare su tutto ma gli energumeni africani saranno lì tutti i giorni a ricordare agli Italiani chi ha tradito le loro aspettative: Italiani che non arrivano a fine settimana, anziani che soffrono, disabili invisibili, giovani maltrattati e ingannati mentre i milioni finiscono nelle tasche dei nuovi negrieri.

killkoms

Sab, 07/09/2019 - 19:52

@buonaparte,vedono solo ciò che vogliono!

fjrt1

Sab, 07/09/2019 - 19:55

È evidente che in questi 14 mesi di governo giallo-verde che il problema migrazione è stato contenuto ma non risolto. Sono d'accordo con Fratoianni, l'esecutivo dive "dare discontinuità". Se si addotta la ricetta Meloni, nessuno potrà dire che non c'è discontinuità.

Gilgamesh1000

Sab, 07/09/2019 - 20:51

L'unica vergogna è lei non l'Europa. Africana !!

Ritratto di pumpernickel

pumpernickel

Sab, 07/09/2019 - 21:05

Non si può chiedere a Cecilia di tacere, di riflettere e ragionare? Se tutti i Paesi Europei non vogliono i clandestini, ci sarà pur un motivo. O è lei (che magari ha il suo tornaconto) l'unica perspicace in Europa?

Ritratto di pumpernickel

pumpernickel

Sab, 07/09/2019 - 21:05

Non si può chiedere a Cecilia di tacere, di riflettere e ragionare? Se tutti i Paesi Europei non vogliono i clandestini, ci sarà pur un motivo. O è lei (che magari ha il suo tornaconto) l'unica perspicace in Europa?

bernardo47

Sab, 07/09/2019 - 21:08

ma questi strada, che interessi hanno in immigrazione?

fifaus

Sab, 07/09/2019 - 21:16

Cecilia Strada sta guardando allo specchio

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 07/09/2019 - 22:03

La vergogna della strada continua. Solo offendere sapete?

Celcap

Sab, 07/09/2019 - 22:05

Meno male che c’è Cecilia Strada altrimenti come farebbe il mondo ad andare avanti. Non bastava il padre, adesso dobbiamo sopportare anche la figlia inutile.

Ritratto di Adespota

Adespota

Sab, 07/09/2019 - 22:14

Certo, uno scappa dalle cavallette, dalle guerre, dalla fame, dalle sete, dalle carestie, dalle torture libiche, dagli agguati nel deserto, dalle violenze sessuali, dai naufragi programmati, dalle pestilenze, dalle flatulenze... e poi quando è in salvo sulle flotte Ong si vuole suicidare ! La vogliamo smettere di farci prendere per i fondelli ??

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 07/09/2019 - 23:33

Con tutte quelle rogne che ci sono per i Paesi a cavallo del 30° proprio a Nord del 36° parallelo si va a ficcare. D'altronde il Mediterraneo è stata sempre una meta ambita per le popolazioni a Nord delle Alpi, vedi i Normanni Vichinghi gli Svevi e non di meno i Galli francofoni. Sarebbe stato troppo facile andare direttamente a Tripoli e imbarcarli sul primo aereo per Francoforte o Monaco di Baviera?

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 07/09/2019 - 23:36

Di una cosa se ne sarà resa conto Cecilia: che se questa massa di diseredati si catapultasse nel Bel Paese per loro sembrerebbe di essere in un paradiso quello che in altre parti di questo pianeta sempre più sgangherato non troverebbero mai.

SpellStone

Dom, 08/09/2019 - 00:44

ahhh prima salvini salvini... ora la colpa e' dell'europa!!! questo gli italiani lo capiscono non sono scemi...

ilcapitano1954

Dom, 08/09/2019 - 09:19

Cara Cecilia perchè per questi clandestini non devono essere considerati come stato di primo approdo lo stato di bandiera della nave che li prende a bordo? Molto probabilmente qualcosa cambierebbe se venisse considerata questa possibilità.

giovanni951

Dom, 08/09/2019 - 10:04

questi Strada......non se ne salva uno. Uno peggio dell’altro.

flip

Dom, 08/09/2019 - 10:53

le barchette "umanitarie" se attraversassero lo stretto di Gibilterra e proseguono verso ovest, arrivano in Brasile. non è tabto distante!

flip

Dom, 08/09/2019 - 11:01

alla Cecilia vorrei dire che non è un'operazione "umanitaria" ma traffico di esseri emani! il chè e molto diverso !