La telefonata del finto Bergoglio che fa piangere il senatore Ncd

Alle suore Azzollini aveva detto: "Vi piscio in bocca". Il finto papa della Zanzara lo chiama: "Volevo soltanto sentire dalla sua voce se ha davvero detto quella frase…". E lui scoppia a piangere

La telefonata del finto Bergoglio che fa piangere il senatore Ncd

Antonio Azzollini, il senatore di Ncd coinvolto nel crac della casa di cura Divina Provvidenza, è emozionato. Lo dice lui stesso quando gli passano il telefono. Dall'altra parte c'è un finto papa Francesco. Ma lui non sa che in realtà è solo uno scherzo della Zanzara.

Nei giorni scorsi contro Azzolini è partita la richiesta di arresto. È coinvolto in un brutto affare. E, poi, ci sono le intercettazioni con lui che intimidisce le suore della Divina Provvidenza. "Qui comando io - dice alle religiose - o vi piscio in bocca". Così, appena sente la voce del falso Bergoglio, interpretato dal bravissimo Andro Merku, va in agitazione. "Le chiedo scusa - dice il finto papa Francesco - se disturbo". "No, no, non disturba - rbatte - sono solo molto emozionato solo perché lei mi ha chiamato. Le chiedo scusa io…". È un attimo che Azzollini scoppia in lacrime. "Stia tranquillo… – dice il papa – La chiamo solo per un motivo, ho letto le frasi che lei avrebbe detto a suor Marcella…". Ma l'uomo di Alfano replica prontamente: "Santo Padre, non ho mai non detto ma nemmeno pensato di dirlo. Mai. Mai. Ho cercato di smentire queste prove costruite, ma in questo momento io rispetto la legge e mi assoggetto a un processo. Mi creda, mai…Mai…Peraltro i miei rapporti con suor Marcella sono straordinari, come con tutte le suore…".

Azzollini non smette per un secondo di piangere. È troppo emozionato per trattenersi. "Volevo soltanto sentire dalla sua voce - insiste il finto Bergoglio - se ha davvero detto quella frase…". "Mai, Santo Padre - ribatte ancora Azzollini - non ho mai pensato di dire a una donna una cosa del genere, tantomeno a una suora…". "Se è così le cose si aggiusteranno". E Azzollini: "Grazie, grazie… Non dormo da quel momento". E il finto papa ancora: "Se lo ritiene le manderò gli atti da cui si vede chiaramente che si tratta di qualcosa di costruito, ma non voglio tediarla o disturbarla…". "No, no - lo rassicura - a me basta questa sincera risposta". Infine Azzolini chiude: "Quando su quel punto specifico ci sarà chiarezza e riuscirò a togliere questa macchia terrificante chiederò di poterla vedere per ringraziarla di questo suo gesto".

Commenti