Trasferimenti al rallentatore negli hotspot: prelevati appena 307 ospiti su 1.500

Prefetture di tutta Italia sotto pressione per trovare luoghi di accoglienza

L'andirivieni dall'hotspot di Lampedusa è un copione trito e ritrito. Anche in questi giorni si procede con i trasferimenti dei migranti sbarcati e, nel frattempo, altri sono pronti a sbarcare. Lo sbarco di domenica, con 370 migranti, ha messo in ginocchio un'isola che è quasi affondata con un hotspot tarato per 195 posti ma di fatto funzionante per oltre 1.500. Fra domenica e ieri 307 migranti sono stati trasferiti e nella struttura di contrada Imbriacola ne sono rimasti 1.219. La gran parte è stata destinata in strutture siciliane, tra cui l'hotspot di Pozzallo, dove sono stati inviati 220 migranti, mentre 87 sono stati destinati in centri d'accoglienza dell'Abruzzo.

I numeri restano sempre alti a Lampedusa perché i trasferimenti decisi dal Viminale, con le prefetture sotto pressione per trovare posti, tra navi messe a disposizione dal governo e centri sparsi per l'Italia, sono come il tentativo di svuotare il mare con un secchiello. Ammassare i migranti, purché l'Italia li accolga, evidentemente va bene all'Unione europea che, in previsione dell'incontro di domani tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il governatore siciliano Nello Musumeci e il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, con i ministri competenti per affrontare lo spinoso tema dell'immigrazione - mette le mani avanti e, in poche parole, dice all'Italia che deve continuare ad accogliere. Gli 84.557 migranti presenti sul territorio tra hotspot (1.248) centri di accoglienza (59.900) e centri Siproimi, Sistema di protezione per titolari di protezione internazionale e minori stranieri non accompagnati (23.409) evidentemente non bastano all'Ue e così bisogna tenere spalancati i porti. E il governo Conte non si fa pregare. Lampedusa, però, è pronta alla rivolta. Il sindaco Martello, dopo un incontro al municipio, ha messo in standby lo sciopero generale ormai ritenuto necessario dai lampedusani, in attesa delle risultanze dell'incontro col governo.

Quest'anno, secondo i dati ufficiali del Viminale aggiornati a ieri, sono sbarcati 19.194 migranti a fronte dei 5.135 dell'anno precedente. Nel solo mese di agosto ne sono arrivati 1.690, mentre nell'agosto 2019 erano stati 399. Degli arrivati, 7.885 vengono dalla Tunisia, la nazionalità più presente pari al 41% degli sbarcati, segue il Bangladesh con 3.041 migranti pari al 16% dei migranti che hanno messo piede in Italia. I minori non accompagnati sono 1.981 quando in tutto il 2019 sono stati 1.680.

Ieri, intanto, alle prime luci dell'alba sono riprese le ricerche della persona dispersa nella zona di mare tra Isola Capo Rizzuto e San Leonardo di Cutro dove domenica è affondato, a seguito di un incendio, un veliero con a bordo migranti. La procura di Crotone ha aperto un fascicolo contro ignoti per favoreggiamento all'immigrazione clandestina e per morte in conseguenza di altro reato. Sono 3 i migranti morti, 5 sono rimasti feriti, e tra loro 2 sono gravissimi, e sono rimasti feriti anche 2 finanzieri. È stato disposto il recupero del relitto per verificare le cause dell'incendio e dell'esplosione, nonché l'autopsia dei deceduti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 01/09/2020 - 10:12

Spostarli da una parte all'altra dell'Italia è una pessima soluzione. Mandarli in Europa o esigere dai parrucconi europei una vagonata di soldi per questi loro capricci. La colpa di tutto ciò sta a sinistra. Ricordatevelo in futuro, quando ci sarà un processo storico.

apostrofo

Mar, 01/09/2020 - 10:29

E TRASFERIMENTI DOVE ' SEMPRE IN ITALIA. E CHE CI VUOLE ? TANTO E' IN ITALIA CHE VOLEVANO ANDARE. QUALE GRANDE GENIALE SOLUZIONE E' QUESTA ? PIU' SOLDI DIAMO ALLA TUNISIA, PIU' TUNISINI ARRIVANO. MA COM'E' ?

caren

Mar, 01/09/2020 - 10:44

Caro Leonida, sono d'accordo sul fatto che spostarli da una parte all'altra, non risolve il problema, ma lo acuisce, anche perchè ce ne saranno molti altri da sistemare. Il danno irreparabile è stato fatto, ed anche se si facesse un processo storico o, come dice qualcuno, le elezioni nel 2023, quante cose succederanno ancora?

jaguar

Mar, 01/09/2020 - 10:47

Li spostano da Lampedusa in altre regioni perchè logicamente e giustamente l'Europa non li vuole. In pratica l'attuale governo sta facendo come Renzi ha fatto qualche anno fa, cioè ci teniamo tutti i migranti in cambio di qualche favore(Mes o recovery fund)da parte dell'Europa.

Ritratto di MARKOSS

MARKOSS

Mar, 01/09/2020 - 10:59

Mandateli a casa degli elettori Pd-Movimento 5 stelle

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Mar, 01/09/2020 - 11:07

Se a monte ci fossero stati accordi SERI dettati dalla Ue (commissario alle migrazioni) a tutti gli stati membri e dagli stessi accettate anche "a forza", non ci sarebbero stati tanti problemi che, beninsteso, sono gli stessi - anche se non nelle dimensioni - di anni precedenti. Se il governo attuale non comprende che non si può prender carico di tutti questi poveretti che arrivano dall'Africa, dal medio oriente etc., non ha molte alternative: o blocca tutto il possibile pretendendo suddivisioni prima che questi sbarchino, oppure si troverà a malpartito ad iniziare dalle prossime elezioni regionali. Il resto lo si può immaginare, viste certi precedenti ammonimenti di Minniti. Ma questi sono teste di legno, non vogliono comprendere che la gente comune in maggioranza non gradisce queste che sono vere e proprie imposizioni.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 01/09/2020 - 11:07

Coraggio: spalmate, spalmate! C'è Nutella per tutti!

White_Pride

Mar, 01/09/2020 - 11:21

Mentre il governo si inginocchia, come suo uso, in Europa per avere fondi, il popolo italiano, un gigantesco ASSEMBRAMENTO di pecore, assiste semi attonito all’invasione di sbandati e scarti di altre nazioni. Viva l’Italia

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Mar, 01/09/2020 - 11:28

Ma che trasferimenti, le risorse africane dobbiamo tenercele tutte noi!

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mar, 01/09/2020 - 11:58

Mentre l'Europa punta il dito contro l'Italia chiedendo l'obbligo di accogliere i clandestini Musumeci e il sindaco Martello sono stati convocati alla corte del Conte e di madame bontà Lamorgese per metterli all'angolo e trovare una soluzione adatta solo alle scelleratezze dell'Europa.

munsal54

Mar, 01/09/2020 - 13:25

"TRASFERIMENTI AL RALLENTATORE" Per forza....il problema non è il trasferire, ma dove.... Visto che non c'è posto e che nessuno li vuole, restano ammassati in Sicilia , e tutti gli ipocriti buonisti sono contenti ,tranne i siciliani e gli italiani veri che li devono subire