Tremonti: "Le illusioni sono finite. Ecco cosa succederà ora"

Il professore a ilGiornale.it: "I disastri post pandemia erano prevedibili. Nel 2009 presentammo la bozza di un trattato che oggi ci avrebbe potuto aiutare, ma fu bocciata..."

Professor Tremonti, oggi è Il suo compleanno. Un giorno di bilanci non solo personali ma anche politici e soprattutto filosofici. Come vede il nostro Paese?

Comici e “crematisti”: queste sono le figure nuove, anzi antichissime, che in questi giorni si presentano sulla scena, occupandola con le loro “arti” e con le loro “magie” applicate alla politica, mettendo in scena la mediocrità o il peggio del nostro possibile futuro. Un tipo di futuro che, invece, dobbiamo e possiamo evitare, mettendoci dal lato giusto della storia.

Da dove partiamo?

Da un po’ lontano, ma forse neanche troppo lontano. Partiamo da Roma, ma arriveremo anche ad Atene, i due luoghi dove tutto, o tanto, è cominciato. Nell’antica Roma agli attori era fatto divieto di fare politica e questo per una ragione molto seria: degli attori si conosceva, ma anche si temeva, la capacità di suggestionare ed influenzare il popolo. Lo stesso valeva, ed a maggior ragione, per i comici. Una categoria, questa, certo non minore, di quell’arte, anzi superiore nella capacità di impressionare la plebe e per questo, a ragione, temuta.

Immagino che ogni riferimento a fatti e persone dei giorni d’oggi sia da considerare casuale...

Nella Roma di oggi è l’opposto di quanto era nella Roma antica. Non è all’arte comica che si vieta la politica, ma è la politica che si sottomette o insegue l’arte comica. Del resto, le grandi maschere italiane appaiono nel Seicento, nella decadenza e nella sottomissione allo straniero di quella che è stata una grande civiltà.

Però Grillo ha rappresentato una vera e propria rivoluzione in Italia...

Certamente a Grillo va riconosciuta una grande intelligenza e grande efficacia nelle sue seriali application.

Prima ha parlato di sottomissione. Cosa intende con questo termine?

Ogni riferimento alla vittoria europea appena ottenuta è puramente casuale. Forse andrebbe maggiormente considerato il fatto che l’Italia dallo status di Paese fondatore è passata a quello inferiore di Paese prenditore, stazione appaltata o appaltante, per la gestione di fondi altrui presi a debito, dimenticando che il debito, quale che ne sia la fonte o il titolo, è pur sempre causa di soggezione e sottomissione.

Questo è ciò che riguarda Roma. Cosa c’entra Atene?

Atene, si è detto, è il luogo politico in cui tutto è cominciato. Nella “Politica”, Aristotele parla della “crematistica” e dei “crematisti”, dove “crema” sono i soldi e crematisti sono quelli che nei soldi identificano il centro della vita: maniaci feticisti assoluti del denaro, oggi i profeti della finanza. Quelli che, dopo averci disastrato, prima con la loro turbo globalizzazione e poi con la loro turbo moneta, oggi ci offrono il solido - si fa per dire - contributo della loro “esperienza” applicata alla novità del turbo debito.

Cosa sta accadendo, dunque?

In trent’anni si è passati da “globalité marché monnaie”, in specie da una filosofia politica in cui il mercato era tutto, ad una filosofia politica opposta. Sono gli stessi che ora passano dal mercato allo Stato, ma questa volta uno Stato buono che crea un debito buono perché curativo, necessario per alleviare la sofferenza dei popoli. Ma ne parlano con la stessa radicalità dogmatica che applicavano al mercato. Ma è così che si confonde il male con il bene e la cura con la malattia. E tuttavia la rotazione dei termini, il passaggio da una polarità all’altra, non impedisce ai crematisti la predicazione come se non solo la ragione, ma anche l’etica, fosse rinnovabile à la carte.

E questa è la parte più remota della storia, che però ci parla anche di oggi. Cosa ci insegna invece il passato più recente?

Passiamo per un attimo dalla vecchia Berlino e qui per ricordare il più riconosciuto e celebrato “mago della moneta”, Hjalmar Schacht, l’inventore dei buoni “MeFo”: l’oro di Mefistofele applicato all’industria metallurgica, l’artificio cambiario con cui fu finanziata l’industria militare tedesca del Terzo Reich. Ma un curiosum: Schacht sapeva che il trucco non poteva durare a lungo. Al proposito, il democratico Keynes, ammirato, nel 1941 ebbe a dire: “Il fatto che tale metodo sia stato usato al servizio del male non deve impedirci di vedere il vantaggio tecnico che offrirebbe al servizio di una buona causa”.

E cosa c’entrano il metodo di Schacht e le parole di Keynes con i giorni nostri?

Il sistema dei MeFo, a ben vedere, non è poi molto diverso da quello applicato dalla Bce a partire dal 2012 per arrivare ad oggi, quantitative easing e fiat money, il denaro che viene dal nulla, oggi con l’aggiunta alla turbo moneta del turbo debito.

Queste misure però, almeno così è stato detto, furono necessarie per salvare l’euro e l’Europa...

Non ci è stato detto: salvate da cosa? Da quale causa o colpa, da quali colpevoli? Forse, lo veniamo a sapere obliquamente solo oggi quando, per motivare il cambio che oggi è in corso nella politica economica dell’Ue, si ammettono i tragici errori fatti nella gestione della crisi a partire dal 2008 e poi nel successivo decennio.

In che senso, mi scusi?

Quella crisi non aveva causa nelle finanze pubbliche ma nella finanza privata ed in specie in quella franco-tedesca e dintorni. In ogni caso, un conto sarebbe stato un “pronto soccorso”, un altro conto è stata la “lunga degenza”, una cura - si fa per dire una cura - che è durata otto anni. Una cura “magica” che da un lato ha generato una massa finanziaria artificiale ormai cifrata in trilioni di euro, noti trilioni al posto dei vecchi miliardi, in questo modo determinando l’emersione di numeri sempre più grandi e senza limiti. Senza limiti perché, alla cura che somministrano, ormai non credono più neppure i suoi dottori. Non solo, una cura che ha prima spiazzato e poi annichilito la democrazia in Europa, se intesa la democrazia come il luogo della responsabilità.

Nella nostra ultima conversazione, avevamo già sfiorato questi temi. Ci può spiegare meglio per favore?

Due prove: una politica e una “iconica”. Per otto lunghi anni in nessuno Stato dell’Unione è stata fatta neppure una delle pur invocate “riforme”. Tanto c’era la Bce! Iconografia: quest’autunno, a Francoforte, alla cerimonia del cambio dei governatori della Bce, hanno presenziato tutti i principali capi di Stato e di governo europei. Avremmo mai visto Adenauer, Kohl, De Gaulle, Mitterand o Cossiga sponsor di una cerimonia di questo tipo? È dall’iconografia che emerge la verità: lo scettro è passato dalla politica alle banche centrali e poi da queste ad un mercato monetario che, prima o poi, deciderà di fare da solo, con il rischio che tutto questo ci porti al nulla o al peggio prossimo venturo.

Eppure, la Chiesa con l’Enciclica Quadragesimo anno aveva già messo in guardia da tutto questo. Come è possibile?

La combinazione tecnica turbo moneta + turbo debito forse avrebbe tenuto in un mondo ancora globale ed integrale come è stato negli ultimi trent’anni, ma è una combinazione che non può tenere, che non potrà funzionare, nel disordine e nel caos attuale e prossimo venturo. Chi ancora ci crede ricorda i generali francesi che nel 1940 avevano fiducia nella Maginot, la trincea che non fermò la forza rivoluzionaria dei motori a scoppio, oggi la forza anarchica dei computer.

Uno scenario pessimo. Vero è che la storia non si fa con i se, ma si sarebbe potuto evitare tutto ciò?

Per prevederlo basta guardare a quello che è successo - e sta succedendo - con la pandemia, insieme effetto e causa di una svolta la cui intensità, violenza, “cifra” sono ancora ampiamente sottovalutati. Eppure, molto di quello che sta accadendo, era stato previsto e perciò evitabile. Nel 2009-2010, nella sede del G20 si confrontarono due visioni politiche: quella espressa dal Governo italiano e quella espressa dalla finanza internazionale. La prima visione: non ci si può limitare ad agire a valle sugli effetti, è necessario agire a monte sulle cause. Con la turbo globalizzazione il mondo era passato di colpo da “liberté, fraternité, egalité” ma anche da un capitalismo che ancora era basato sulle regole ad un mondo nuovo in cui l’unica regola era che non ci fossero regole.

Quale era dunque il vostro obiettivo?

Ricordo di avere usato, parlando della crisi, l’immagine del videogame: arriva un mostro, lo batti, arriva un secondo mostro più grande del primo. Ricordo che questa immagine fu usata dall’Economist per una copertina. A quella altezza di tempo, non ci si poteva illudere che la crisi fosse terminata. Si doveva agire e la soluzione proposta era nel passaggio dal “Free Trade” al “Fair Trade”. Non era sufficiente che fossero “giusti” i prezzi dei beni e dei servizi fatti sul mercato, ma necessario che ne fosse “giusta” la produzione con regole capaci di risalire a monte nelle relative filiere di produzione. È in questi termini che prese forma, per essere infine votato dall’assemblea dell’Ocse, il Global Legal Standard (GLS), la bozza pionieristica di un trattato multilaterale internazionale.

Ma che rapporto c’è con la pandemia?

Al punto 4 del GLS si chiedevano “regole in materia ambientale ed igienica”! Le dice niente? Noti che si era, con qualche anticipo, dieci anni fa, nel 2009/2010!

E che cosa accadde al GLS?

Fu battuto dal “Financial Stability Board” (FSB), un organismo che basava la sua ragione d’essere sulla finanza e nella difesa della finanza, che solo avrebbe dovuto essere un po’ sistemata. La vittoria dell’FSB fu celebrata con la pittoresca apparizione nei vertici internazionali di una sua vera e propria bandiera. Una vittoria, quella dell’FSB, che ci ha regalato ancora dieci anni di turbo globalizzazione e di turbo finanza.

Se non sbaglio, all’epoca, alla guida dell’Fsb c’era Mario Draghi, il quale, recentemente, ha scritto un editoriale sul Financial Times, in cui afferma che ci troviamo davanti a una tragedia di dimensioni bibliche...

Tragedia umana certamente, ma di proporzioni non bibliche. E tuttavia la Bibbia è un magazzino ancora attuale di immagini e di miti: la perdita del Paradiso terrestre, il diluvio universale e la Torre di Babele. Forse è proprio questa la leggenda più in linea con quello che sta succedendo. Nella Genesi l’umanità sfida la divinità erigendo una torre verso il cielo. La reazione divina prende forma e corpo nella perdita della “lingua unica”. Tolga lingua unica e metta “pensiero unico” ed è questo che è successo e sta succedendo. La pandemia non conta tanto per i suoi effetti sanitari quanto per i suoi effetti sistemici: la rottura del meccano mentale globale con effetti di discontinuità, effetti che vediamo appena iniziati, geopolitici e politici, sociali ed economici.

Un disastro, insomma...

Se è vero che i disastri possono essere ben noti a quelli che li hanno causati, questi i maggiori esperti, forse oggi non è il caso di andare dietro ai pifferai, di prestare ancora fede ai “maghi”, agli austeristi pentiti, ai Machiavelli etc...

Che fare allora?

È arrivato il momento di metterci dal lato giusto della storia e questo è, e non rida, il lato “romantico” della storia. Il mondo che è stato per trent’anni è passato. È finita l’illusione che ognuno possa stare in tutti i luoghi e possedere tutto. I liquidi non possono sostituire i solidi, i diritti non possono essere scissi dai doveri, i desideri non possono prendere il posto delle virtù e per virtù hanno da intendersi storia, sovranità, tradizioni, comunità, famiglia, responsabilità, solidarietà. C’è stato un momento nella storia simile a quello che è durato trent’anni e che è stato spazzato via dalla pandemia: “Il popolo è ebbro, non ascoltano leggi, necessità e giudici. I costumi sommersi da un frastuono confuso. Ogni giorno è una festa sfrenata. La festa per tutte le feste. E i giorni consacrati all’umile culto divino si sono ridotti a uno solo”. Questo, romanticamente, è Hölderlin (Emp. I, vv. 188-196). In alternativa ad un appello alla fede o in aggiunta, è arrivato il momento che la società civile italiana e che la politica che la rappresenta facciano un appello alla ragione.

Un’ultima domanda: tra le cose che ha fatto in politica è orgoglioso di aver inventato il 5 per mille. Cambierebbe qualcosa?

Lo porterei al 10 per mille, concentrandolo su solidarietà e ricerca scientifica, anche se so che questo sarebbe solo un punto di partenza.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Calmapiatta

Mar, 18/08/2020 - 10:14

Corruzione - burocrazia - politicizzazione - incapacità della classe dirigente - crisi economica - disoccupazione - immigrazione clandestina senza freni - illegalità diffusa - magistratura politicizzata - istituzioni deboli. Questo è il quadro generale del paese...cosa volete che succeda?

mzee3

Mar, 18/08/2020 - 10:18

Questo è uno che sa tutto , che vede tutto anche il futuro ma stranamente nessuno gli rende. Prevede tutto e se non si realizza è colpa degli altri. Il 5 febbraio 2011 ...b.disse : dobbiamo dare una frustata all'economia " infatti 500 punti di spread..

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 18/08/2020 - 10:19

Tremonti è stato un uomo di Silvio. Ciò che oggi viene rimpianto era solo la bozza di un trattato, che tale è rimasta, per la gioia di qualcuno, che magari oggi sta in parlamento. Molti errori sono stati commessi, di cui sono ancora tangibili le conseguenze. Ma i guai maggiori sono arrivati con i “grillini” e rischiano di far aumentare l’abbraccio politico con la sinistra.

unosolo

Mar, 18/08/2020 - 10:59

in una Nazione seria con politici nelle camere seri non servivano comitati o stati generali serviva solo responsabilità condivisa per il bene della Nazione , mentre un parassita che ha fatto tutto per i suoi interessi ha distrutto le nostre produzioni e la regolarità della vita lavorativa , ha decimato imprese e milioni di operai sul lastrico rendendo ricchi i parassiti , non ascoltare tutte le forze politiche ha distrutto un sistema che funzionava quasi in pieno regime e dava moltissimi soldi allo Stato , oggi ? solo parassiti ,,,,

Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 18/08/2020 - 11:02

tremonti ha tutte le panacee... solo quando sta all'opposizione, la sua più grande qualità è il bla bla bla a go go condito con i se e i ma!

caren

Mar, 18/08/2020 - 11:04

mzee3, personalmente non credo e non ho mai creduto alla balla dello spread.

Ritratto di pipporm

pipporm

Mar, 18/08/2020 - 11:10

Un vero luminare. Quello che affermò che con l'arte non si mangia

Pippo3

Mar, 18/08/2020 - 11:10

mzee3 ecco un esempio perfetto di uno che non capisce nulla di quanto accaduto 10 anni fa, però quelli come mzee3 sono la forza della sinistra, sono tanti, una massa di pecoroni che credono allo spread, alla funzione salvifica dell'Unione Europea, al "regalo" del 209 miliardi, bast raccontargli la favola di Biancaneve e loro sono felici e vanno a letto contenti

xgerico

Mar, 18/08/2020 - 11:13

Si mi ricordo anni fa la letterina scritta in fretta e furia all'Ue per pareggiare i conti dello stato spalmati negli anni a venire con annesso aumento dell'IVA Ricordate???

Pippo3

Mar, 18/08/2020 - 11:13

Tremonti è una delle poche menti lucide ancora in circolazione, oggi al ministero dell'Economia abbiamo un paggetto che regge lo strascico della Merkel, un chitarrista laureato in storia messo lì dal potere tecnocratico europeista proprio per la sua incompetenza

Paolo17

Mar, 18/08/2020 - 11:18

Che il Covid non abbia fatto solo danni a livello di salute, ma che stia cambiando radicalmente gli equilibri in tutti i contesti, lo abbiamo capito tutti. Non c'è bisogno che ce lo dica Tremonti. Inoltre, questo personaggio, è da considerarsi "politicamente" un fallito. Anni e anni di Governo, avrebbe dovuto essere l'uomo che "materialmente" doveva consacrare la "Rivoluzione Liberale" di Berlusconi. Non ha fatto nulla e ci ritroviamo in mezzo ad un disastro totale. Conseguenza, anche, delle sue incapacità e del suo socialismo innato.

electric

Mar, 18/08/2020 - 11:18

Mzee3, vedo che non hai capacità di comprendere le azioni causa-effetto. Lo spread è stata una manovra puramente speculativa, messa in atto da Francia e Germania allo scopo di liberarsi di un governo per loro scomodo.

nerinaneri

Mar, 18/08/2020 - 11:26

caren 11,04: tu non hai mai avuto titoli di stato, io sì...

Pippo3

Mar, 18/08/2020 - 11:34

"Non ha fatto nulla e ci ritroviamo in mezzo ad un disastro totale" esilarante, chi invece ha fatto e ci ha portati nel disastro totale è stato un tale Monti che da perfetto cicisbeo della Merkel ha applicato in modo acefalo le politiche di austerità imposte dalla Bundeskanzlerin

caren

Mar, 18/08/2020 - 11:39

nerina 11.26, non mi interessa.

nerinaneri

Mar, 18/08/2020 - 11:43

electric: lascia stare, non capisci i mercati finanziari e le loro dinamiche...

Absolutely

Mar, 18/08/2020 - 11:45

mzee3 ma ancora credi allo spread? Mi spieghi come mai con il debito pubblico aumentato del 40% rispetto al 2011 ora lo spread è basso? La favola dello spread raccontala ai figli, se c’è l’hai, prima di andare a letto. La realtà è che per compiacere la Merkel bisogna tenere persone come Tremonti ai margini e tenerci al governo l’Azzolina, Di Maio, la Bellanova e compagnia brutta.

nerinaneri

Mar, 18/08/2020 - 11:58

Absolutely: ascia stare, non capisci...

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 18/08/2020 - 11:59

fondamentalmente ha un certo punto di ragione, ma è anche un leghista, e quindi molto sovranista. non si può conciliare con il progetto di europa unita! o la lega si adegua al PPE, oppure rimarrà marginale in europa e non conterà un casso, anche se vince una partita, come è accaduto per il front nationale.....

Ritratto di PeccatoOriginale

PeccatoOriginale

Mar, 18/08/2020 - 12:03

Gia` citare il fatto che nell'antica Roma gli attori erano banditi dalla politica, quando lui e` stato l'uomo del piu` grande attore, peraltro tragicomico, della Storia Italiana - con appunto la "capacità di impressionare la plebe" - la dice lunga su Tremonti. E poi quell'essere contro "un mondo nuovo in cui l’unica regola era che non ci fossero regole", di nuovo lui, l'uomo di colui che ha sempre combattuto regole, "lacci e lacciuoli". E infine, l'essere contro le politiche monetarie e finanziarie, di nuovo uno dei cavalli di battaglia del Berlusconismo che scimmiottava le politiche Thatcheriane e Reganiane degli anni '80. Mi chiedo veramente se Tremonti sia ancora in grado di analizzare le cose calandole nella realta` da cui proviene. A me sembra un delirio finale...

Paolo17

Mar, 18/08/2020 - 12:10

Pippo3, infatti ho scritto "anche". Lui (con l'avvallo di Berlusconi) non ha fatto nulla di Liberale. NULLA. Ha proseguito le politiche di un qualsiasi governo socialista (aumenti salari e assunzioni nel pubblico impiego, social card, pensioni minime, nessuna riduzione tasse, nessuna riduzione spesa pubblica ecc. ecc.).....poi sono arrivati Monti, Letta, Renzi, Salvini e le sue quote 100 (tutto spesa e debiti), fino al delirio grillino, a completare il lavoro. Questo è un paese che pensa solo a spendere, chiunque vada al Governo. E' proprio difficile capirlo?

nerinaneri

Mar, 18/08/2020 - 12:14

mortimermouse: tempo settembre e finirà la transumanza legaiola verso fdi...

scurzone

Mar, 18/08/2020 - 12:15

Certo che di economia ne capite veramente poco. Signori miei lo spread ha a che fare con i soldi e ai ricchi i soldi piacciono! Non farebbero mai aumentare lo spread, se non vi fosse un guadagno e neppure lo farebbero calare, tanto è vero che con Monti lo spread è rimasto ad alti livelli per almeno 4-5 mesi, finchè gli investitori hanno capito che si voleva rientrare dal debito.

mzee3

Mar, 18/08/2020 - 12:21

PER I SIGG... caren, Pippo3 ed electric … Vi vengo in contro nel ragionamento… Lo spread dimostra quanta credibilità hanno i mercati verso un governo (paese)...il caso di cui mi contestate era evidente che quel governo era non credibile. Oggi, che covid-19 ha messo in ginocchio tutto il mondo, lo spread è sufficientemente basso per l'Italia, il che dimostra che il governo è credibile e che Tremonti all'epoca della sua finanza creativa era considerato pericoloso e non credibile, tant'è che né io né voi siamo diventati più ricchi durante il famigerato periodo berlusconiano...anzi.!

lorenzovan

Mar, 18/08/2020 - 12:30

ho letto con interesse l'articolo..e hocercato di dividerli in due parti..la fase della critica e la fase delle suggestioni pratiche..on soldoni..la fase distruttiva e la fase costruttiva ..SE sulla prima sono abbastanza s'accordo..sullas econda a parte i pistolotti di buone speranze..che vanno sotto il periodo "CHE FARE"--pistolotti ben condivisbili..non ho trovato nessuna soluzione pratica o teorica..

lorenzovan

Mar, 18/08/2020 - 12:34

lo spread NON ESISTE..dichiaro ' un commentatore pure non esistente dal punto di vista neuronale.. Avesse detto che e' una invenzione delle entita' ricche per controllare paesi e nello stesso tempo guiadagnarci..avrei condiviso..ma negarne l'esistenza..mette sullo stesso piano dei negazinisti della shoah..o delle'epidemia globale del Covid

caren

Mar, 18/08/2020 - 12:43

scurzone 12.15, i soldi piacciono ai ricchi. Ma che bella scoperta. E quando gli investitori hanno capito che si voleva rientrare dal debito, è perchè hanno cominciato ad incassare ed hanno abbassato lo spread.

Duca8491

Mar, 18/08/2020 - 12:44

Absolutely Mar, 18/08/2020 - 11:45 - Assolutamente d'accordo con te. Ci sta governando con pericolosa incompetenza e arroganza gente con studi che arrivano alla terza media, gente che non ha mai lavorato e pretende di dare lezioni di economia. Gente capace solo di fare disastri. Ma mi raccomando!!! continuate a votare PD - M5S. Questi sono i risultati.

Marzo-2020

Mar, 18/08/2020 - 12:44

Le analisi tecnico-economiche lasciano il tempo che trovano soprattutto quando dei geni dell'economia si danno l'incompetenza a vicenda. Piuttosto Tremonti doveva confessare di non essere stato abbastanza uomo in quegli anni perchè non ha mai avuto il coraggio di prendere per il cravattino SILVIO e invitarlo a fare più lo statista e meno il guitto quando c'erano i grandi appuntamenti con i capi di stato !!

Pippo3

Mar, 18/08/2020 - 12:45

@mzee3 dammi retta, parla di calcio perché per te l'economia è roba che non capisci, lo spread è manovrato dalla BCE che, se volesse, lo farebbe sparire in 5 minuti, con Monti, governo serissimo e credibilissimo secondo la vulgata del tempo, lo spread il 25 luglio 2012 era 541. La discesa avvenne perché il giorno dopo, di fronte al possibile collasso dell'€ Draghi dichiarò che avrebbe fatto tutto il possibile per salvare la moneta unica. Per te sarebbe credibile l'attuale governo? Ma non facciamo ridere dai.

Pippo3

Mar, 18/08/2020 - 12:48

@scurzone un consiglio invece di parlare di economia dedicati al giardinaggio, lo spread all'interno di una moneta che si definisce unica non dovrebbe esistere. Se l'€ fosse una moneta avrebbe un solo debito ed un solo tasso non 19 debiti e 19 tassi, ci arrivi o devo farti un disegnino?

Duca8491

Mar, 18/08/2020 - 12:51

lorenzovan Mar, 18/08/2020 - 12:34 - Si hai ragione, lo spread esiste eccome. Solo che è stato creato per indirizzare i mercati sull'acquisto dei titoli emessi dagli stati con forte indebitamento e... CONDIZIONARE, DI CONSEGUENZA LE LORO AZIONI POLITICHE.

PassatorCorteseFVG

Mar, 18/08/2020 - 12:53

la globalizzazione ha reso i ricchi ancora piu ricchi, il ceto medio sta sparendo e i poveri in aumento.certo le teorie di tremonti bisogna praticarle,e possono essere positive, ma se non si capisce i mali provocati dalla globalizzazione e dai partiti dello spread suoi sostenitori, non si viene a capo di nulla.ciao a tutti.

nerinaneri

Mar, 18/08/2020 - 12:58

Pippo3: lo spread dell'argentina, da chi è manovrato?...

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 18/08/2020 - 13:02

NERIANERI rimangono comunque nel centrodestra, non vedo il problema :-) non siamo come voi comunisti grulli , che vi tradite a vicenda e vi accoltellate pure a tradimento....

Duca8491

Mar, 18/08/2020 - 13:04

mzee3 Mar, 18/08/2020 - 12:21 - E secondo te, in questo momento che lo spread è basso è merito di questo governo? Ma per favore!!! Questo governo è stato messo in piedi dai possessori del nostro debito ed in particolare BCE, Germania e Francia. Bisogna attendere che vi sia qualche fibrillazione o timore che qualcuno di questi buffoni provochi una crisi e vedrai dove schizza il differenziale BTP/BUND

Ritratto di Walhall

Walhall

Mar, 18/08/2020 - 13:11

L'unica certezza è che questa pandemia ha il solo fine di creare 2 ceti sociali ben distinti: ricchi e poveri. Eliminare la possibilità di avviare piccola-media impresa. Attivare una patrimoniale universale più o meno nascosta con i vari lockdowns. Limitare la libertà personale ma monitorare scrupolosamente ogni singolo individuo. Distruggere la storia e la cultura delle singoli Nazioni per instaurare una macro area geografica eterogenea di fedeli quanto obbedienti decelebrati senza personalità, contenti e commossi di votare per una sinistra costituita da plurimiliardari ibridati dalla fusione della ideologia comunista e quella nazista. Che futuro prospero in un pianeta che diverrà una immensa prigione di massima sicurezza.

Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Mar, 18/08/2020 - 13:15

Caro Professore, c’è un errore nel suo ragionamento. Lei dice che la decadenza si affermò a Roma nel Seicento a causa della sottomissione allo straniero. Allora vorrei ricordarle che a Roma non ci furono mai stranieri, dato che fu governata dai papi per più di quindici secoli consecutivi e fu proprio questa sudditanza al Vaticano che fece dell’Antica Roma, potente e orgogliosa, una città pronta ad ogni sorta di compromessi sino alla totale sottomissione.

mzee3

Mar, 18/08/2020 - 13:21

PER nerinaneri @@@ Sempre dai mercati e dalla geo politica. Se un governo non piace ai mercati e dalla geo-politica...tu puoi essere il più acuto economista ma se loro non hanno fiducia il te e/o non vuoi far parte del loro club… ti affossano… Tremonti e soprattutto Berlusconi stavano sulle palle a tutti ma soprattutto non davano sicurezza.

necken

Mar, 18/08/2020 - 13:23

oggi la sfida economica di qualsiasi governo è utilizzare i soldi delle tasse e quelli che riceveremo dalla UE per fare investimenti strutturali, incluso miglioramento della produttivià imprese attraverso il "4.0" rendere efficente e moderne la PA ridurre il carico della giustizia, insomma le cose di cui si parla da almeno 20 anni ma mai affrontate seriamente e non quota 100 assistenzialismo stile 5* sprecando tasse e risparmi postali come abbiamo visto fare nel recente. altrimenti i debiti che le future generazioni dovranno pagare diventeranno insostenibili visto che i ns giovani laureati e non lasciano in massa il ns Paese il quale sta diminuendo come abitanti quindi maggior debito procapite x un futuro che appare cosi incerto

nerinaneri

Mar, 18/08/2020 - 13:23

Pippo3: infatti, non riguarda la moneta...

nerinaneri

Mar, 18/08/2020 - 13:25

mortimermouse: vedremo se 'rimangono'...

nerinaneri

Mar, 18/08/2020 - 13:26

Walhall: che sia il nuovo ordine globale komunista?...

Pippo3

Mar, 18/08/2020 - 13:53

nerina, please, quando non si sa più cosa dire si parla dell'Argentina. L'Argentina ha un debito del 90% del Pil, il suo problema è un altro, un cronico disavanzo della bilancia commerciale che provoca penuria di valuta, questo provocato dalla struttra del suo export per il 70-75% di materie prime che hanno domanda rigida, contrariamente, per esempio, all'Italia che ha un 85% di export di prodotti finiti che hanno domanda elastica. Se il prezzo della soia sul mercato internazionale si dimezza l'Argentina è fregata perché gli importatori non ingozzano i vitelli per fare un favore all'Argentina. E' chiaro o devo scrivere un trattato?

Pippo3

Mar, 18/08/2020 - 14:02

nerina please, se non sai distinguere fra lo spread fra monete diverse e lo spread all'interno della stessa moneta che è un fenomeno unico nella storia monetaria mondiale non so più che dire. Ti pare che all'interno della stessa moneta ci possano essere gli spread? E' una contraddizione in termini

lorenzovan

Mar, 18/08/2020 - 14:12

pippo 3..calma la..la nerinaneri e' candidata al premio nobel per l'economia...e al premio nobel di medicina...andiamoci piano

Ritratto di tomari

tomari

Mar, 18/08/2020 - 14:13

Pippo3- Spiegare l'economia alla nerina, mzee e sodali, è tempo sprecato! Loro, da bravi comunisti, usano ancora il pallottoliere...come i russi fino al 1989!

Pippo3

Mar, 18/08/2020 - 14:15

@Straiè2015 scusa ma di cosa parli? Tremonti si riferisce alla decadenza dell'Italia non a quella di Roma

nerinaneri

Mar, 18/08/2020 - 14:19

Pippo3: venezuela? grecia?...

Absolutely

Mar, 18/08/2020 - 14:21

Mamma mia quanto sono ignoranti (nel senso di ignorare) i difensori d’ufficio di questo pseudo governo che la Merkel ci costringe ad avere per tutelare gli interessi franco-tedeschi. È proprio vero che simile attira simile.

Pippo3

Mar, 18/08/2020 - 14:22

lorenzovan la mia impressione è che ci sia in giro una marea di gente che parla di economia senza avere le basi minime, io non parlo di medicina o di ingegneria discipline nelle quali sono ignorante.

investigator13

Mar, 18/08/2020 - 14:28

il sapere di oggi di Tremonti si collega al disastro delle elezioni del 2006, vinte da Prodi, I due anni 2006-2008 il governo di sinistra visse sul seminato di Tremonti che era la base per consolidare la ns economia ma che andava continuato dal governo appresso. Il governo Prodi invece, esaurito il seminato di Tremonti preferì abbandonare il mandato non avendo nulla in mano per proseguire sulla linea di Tremonti. Nel 2008 il governo Berlusconi con Tremonti nuovamente alle Finanze si trovò a fronteggiare la crisi internazionale che apparve tutta nella sua gravità trovando l'Italia economicamente disastrata ferma due anni, senza più prospettive per una ripresa del Paese. Da lì l'Italia non si è più ripresa, complice pure l'antiberlusconismo galoppante che impediva a Berlusconi di governare, quindi nessuna condizione per porre rimedio.

investigator13

Mar, 18/08/2020 - 14:31

cmq molti commenti sono lo specchio di quanti invece di seguire i governi Berlusoni seguivano l'antiberlusconismo giustizialista altrimenti tanti cialtronerie contro Tremonti oggi non si leggerebbero

Pippo3

Mar, 18/08/2020 - 14:32

nerina e dajjjeee, la Grecia, Paese che conosco per averlo frequentato per ragioni di lavoro per anni durante il periodo della dracma, è stata rovinata dall'€, completamente rovinata. Del Venezuela ho già parlato, ma se tu hai problemi a capire la differenza fra spread fra monete ed all'interno dell'€,e non so che farci

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Mar, 18/08/2020 - 14:40

Peccato

nerinaneri

Mar, 18/08/2020 - 14:45

Pippo3: quanti anni hai? 90?...

nerinaneri

Mar, 18/08/2020 - 14:52

Pippo3: veramente, hai parlato dell'argentina...ricordi?...

Pippo3

Mar, 18/08/2020 - 15:00

nerina non preoccuparti della mia età, negli anni '90 in Grecia c'era la dracma, non lo sai? Visto il livello di certi giovani non ho dubbi di avere una mente velocissima, oggi abbiamo a che fare con una generazione di pippe, colpa anche di una scuola ridicola

Pippo3

Mar, 18/08/2020 - 15:06

nerina io ho parlato dell'Argentina e quindi?

Giorgio1952

Mar, 18/08/2020 - 15:15

Il vate Tremonti dice che i disastri post pandemia erano prevedibili, "Nel 2009 presentammo la bozza di un trattato che oggi ci avrebbe potuto aiutare, ma fu bocciata" Com'è che dal 2011 è sparito, dopo la lettera dell’EU al suo governo, per ricomparire solo ultimamente? Cita l’antica Roma in cui agli attori ed ai comici era fatto divieto di fare politica e questo per una ragione molto seria, si temeva la lor capacità di suggestionare ed influenzare il popolo. Certo il riferimento è a Grillo ma in quanto a comicità da Berlusconi a Salvini per finire alla Meloni nessuno può insegnare nulla all’altro. Dopo aver sviscerato molte teorie, compresa quella che la crisi del 2008 non fu causata dalle finanze pubbliche ma da quelle private, una stoccata all’EU “alle cura che somministrano, ormai non credono più neppure i suoi dottori, cure che hanno prima spiazzato e poi annichilito la democrazia, se intesa la democrazia come il luogo della responsabilità”. (Parte 1)

nerinaneri

Mar, 18/08/2020 - 15:15

Pippo3: in albania c'è il lek...quindi?...

edo2969

Mar, 18/08/2020 - 15:19

Menagramo

57abruzzi

Mar, 18/08/2020 - 15:25

Lo stesso Professore Tremonti che con la sua finanza “creativa” ci ha consegnato, di fatto, nelle mani della Troika nel 2001?

Pippo3

Mar, 18/08/2020 - 15:28

nerina perché divaghi? L'Albania ha la sua moneta. Nel mondo ci sono 208 Stati, 19 di questi hanno l'€ i restanti 189 hanno le loro monete nazionali, quindi?

Giorgio1952

Mar, 18/08/2020 - 15:30

Nel 2009-2010, si confrontarono due visioni politiche, quella italiana che sosteneva la necessità di agire a monte sulle cause e non di limitarsi ad agire a valle sugli effetti, con la globalizzazione invece si era passati da un mondo basato sulle regole ad un mondo nuovo in cui l’unica regola era non avere alcuna regola. Fu allora che prese forma il Global Legal Standard (GLS), la bozza pionieristica di un trattato multilaterale internazionale, in cui “Al punto 4 si chiedevano regole in materia ambientale ed igienica”, secondo Tremonti contro l’epidemia sviluppatasi 10 anni dopo, ma non fu approvato fu battuto dal “Financial Stability Board” (FSB), un organismo che basava la sua ragione d’essere sulla finanza che ci ha regalato ancora dieci anni di turbo globalizzazione e di turbo finanza. Condivido la conclusione di Tremonti “E’ arrivato il momento che la società civile italiana e che la politica che la rappresenta facciano un appello alla ragione”. (Parte 2)

Pippo3

Mar, 18/08/2020 - 15:31

toh oggi abbiamo un altro economista tale Giorgio1952 che non sa che la crisi del 2008 fu causata non dal debito pubblico ma da quello privato, in primis i mutui subprime una porcheria gigantesca architettata da alcune banche americane a seguito della spinta impressa da quel genio della politica di Bill Clinton

nerinaneri

Mar, 18/08/2020 - 15:39

57abruzzi: da lì, la gag : 'vieni avanti, creativo'...

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Mar, 18/08/2020 - 15:43

X pipporm 11.10: in effetti oggi il settore più in crisi e proprio quello legato all'arte.... guarda un pò.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Mar, 18/08/2020 - 15:46

X Paolo17 11.18: è stato fatto fuori da quelli come te che la rivoluzione liberale non la vogliono proprio, anzi, vogliono tornare allo statalismo sovietico e i risultati li stiamo vedendo adesso.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Mar, 18/08/2020 - 15:50

X nerinaneri: mono male che ci sei tu che di finanza hai capito tutto .... e i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

g.barnes

Mar, 18/08/2020 - 15:56

A lor signori filo governativi basta vedere dove è stato posizionato oggi il dr.Monti senatore a vita ... se tanto mi da tanto il PD e il M5S sostenuto da Renzi e cantastorie varie sono i venditori del paese tutto il resto è fuffa sinistra. Sono 30anni che la sx svende il paese.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Mar, 18/08/2020 - 15:56

X Giorgio1952: è pur vero che del senno di poi son piene le fosse, ma in politica i bilanci si fanno a consuntivo .... e i risultati dell'ultimo decennio europeo li stiamo vedendo adesso ....

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 18/08/2020 - 15:58

Tremonti ha avuto la sua possibilità di fare la differenza col governo "Berlusconi - Bossi" e avrebbe dovuto osare di più e "battere i pugni sul tavolo già allora" invece di limitarsi a "riverire" i due innominabili. Con quella frittata si è consegnata l'Italia al "Comunismo" e i risultati li vediamo giorno per giorno.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Mar, 18/08/2020 - 16:01

X Giorgio1952: non per nulla oggi finalmente tutti, e sottolineo tutti, sostengono che la politica europea cosi come è stata attuata finora non va bene, va cambiata..... a cominciare dai suoi trattati e dalla Costituzione, praticamente va rifondata. P.S.: è tipico della sinistra capire le cose con un minimo di dieci anni di ritardo.

lorenzovan

Mar, 18/08/2020 - 16:07

scimmietta..se e' per questo ...anche quelli dei governi con tremonti ministro...culminati in gloria nell'ascesa al colle del 2011 e allo schettinamento dei conti pubblici...lololol

trasparente

Mar, 18/08/2020 - 16:33

Walhall analisi perfetta. Stiamo assistendo ad una riduzione della libertà personale ogni giorno. Basta uscire di casa e da un giorno all'altro si nota che c'è una nuova telecamera piazzata su ogni rotatoria o angolo di strada, gli autovelox crescono ovunque come i funghi e sempre più mimetizzati...mi aspetto prossimamente di vedere un drone appena esco da casa che mi seguirà come un cane (naturalmente sarà sempre per la nostra sicurezza)...

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Mar, 18/08/2020 - 17:46

X lorenzovan 16.07: ... se è per questo ... per te non c'è storia, tu le cose non le capisci a prescindere ....

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Mar, 18/08/2020 - 17:51

X Flex 15.58: ... battere i pugni? Ma non ti sei domandato come mai l'europa e la sinistra italiana hanno fatto di tutto e di più finché sono riusciti a mandarlo a casa con tutto il governo?

PassatorCorteseFVG

Mar, 18/08/2020 - 18:03

2011, rapporto pil debito al 117, debito di 1900 miliardi, pareggio di bilancio previsto per il 2014. 2020, rapporto pil debito , meglio non citarlo, debito quasi 2600 miliardi, in aumento esponenziale. pareggio di bilancio ignorato, e revisione della spesa pubblica nel libro dei sogni,chi critica tremonti ha le sue ragioni, ma chi è venuto dopo ha fatto peggio, da monti in poi, visto che i ministeri economici dal P.D. o dai grillini sono stati gestiti, e allora di cosa stiamo parlando? questa è la cruda realtà dei numeri, i quali non sono interpretabili , come certa politica osa fare, dimenticando che la matematica non è un opinione ma una materia esatta. tutto il resto è aria fritta , prodotto tanto a cuore ai mistificatori della realtà. ciao a tutti.

Giorgio1952

Mar, 18/08/2020 - 19:04

scimmietta vedo che lo ha capito anche lei. Questa frase forse gliela ho già scritta "Non è vero che la verità fa male, sono le menzogne travestite di certezza ad ammazzare la fiducia". Lei ha troppe certezze mi creda

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Mer, 19/08/2020 - 10:30

X Giorgio1952 19.04: caro giorgio, forse tu mi leggi con occhi ottenebrati dall'ideologia perché vedi, io non dispenso affatto certezze, per il semplice motivo che ne ho pochissime a dispetto di parecchi dubbi, e grazie a questi dubbi mi limito, non so se l'hai notato, a constatare e sottolineare le tante cavolate (frutto si di "certezze") che ci vengono qui capaebiamente propinate da emeriti "hocapitotuttosoloio". La menzogna fa male, soprattutto se camuffata, ma la vetrità fa ancora più male a chi si ostina a non volerla vedre, come è altrettanto incontrovertibile che l'ideologia di sinstra, dopo aver sparso menzogne a iosa, fa arrivare i suoi adepti sul "pezzo" con anni di ritardo .... chi ha orecchie per intendere intenda. P.S.: dubito che tu conosca il significato di "trinaricciuto", termine coniato dal compianto Guareschi.

Giorgio1952

Mer, 19/08/2020 - 12:41

scimmietta hai già scritto che avrei “occhi ottenebrati dall'ideologia” mentre tu non dispensi “affatto certezze”, queste sono due tue risposte: a Paolo 17 “(Berlusconi) è stato fatto fuori da quelli come te che la rivoluzione liberale non la vogliono e tornerebbero allo statalismo sovietico”; a nerinaneri “meno male che ci sei tu che di finanza hai capito tutto”. Io non ho la presunzione di essere un "hocapitotuttosoloio", anche questa è una tua certezza “è incontrovertibile che l'ideologia di sinistra, dopo aver sparso menzogne a iosa, fa arrivare i suoi adepti sul "pezzo" con anni di ritardo”. Un’altra certezza che posso sconfessare è che so cosa significa trinariciuto, così come conosco Guareschi perché da adolescente, mi sono visto tutti i film di Don Camillo e Peppone stando sempre dalla parte di Fernandel, come Guareschi negli anni 70 ero contrario al PCI e votavo DC, come lui la criticai fino ad arrivare alla Lega nel 1992, poi ci fu il Cav …..