Tremonti: "Il Mes è un orrore". Tria: "Non mi sento traditore"

I due economisti si sono confrontati nella trasmissione in Mezz'ora di Lucia Annunziata

Un confronto a due con un tema centrale: il Fondo Salva Stati. L'ex ministro dell'Economia dei vari governi Berlusconi, Giulio Tremonti, e l'ex titolare del Mef nell'esecutivo Lega-M5S Giovanni Tria si sono dati appuntamento da Lucia Annunziata, nella trasmissione In Mezz'ora.

Ad aprire le danze ci pensa proprio Tria che sul Mes dichiara:"Le critiche erano condivise da tutti, Salvini all’inizio aveva ragione, poi la situazione è cambiata, perché c’è stato un negoziato che ha eliminato i punti su cui non era d’accordo". Poi, rispetto alla posizione da lui presa dice: “Non mi sento un traditore”, utilizzando le stesse parole di Matteo Salvini, che ha accusato Conte di aver tradito l’Italia sulle modifiche al Mes.

Ad attaccare il presidente del Consiglio ci pensa anche Giulio Tremonti che si rivolge a Conte con una frase ironica: “Sta per fare l’avvocato che patteggia l’ergastolo per il cliente”. Di quello che è successo dopo la ratifica del Mes, delle modifiche che si vogliono apportare, afferma che si tratta di “una catena di errori e orrori fondamentali”. Poi l’ex ministro dell’Economia invita l’Italia a non firmare e a “Sospendere il tutto, discutere su futuro Europa, rinviare discussione su futuro delle banche. L’Europa è una casa comune, non una banca comune”, anche perché lo stop alla revisione “non comporta niente”. Secondo Tremonti il nostro Paese ha pagato più degli altri e parla del meccanismo Salva Stati come “galleria di orrori fabbricata da elite di tecnici e da gente interessata, abbiamo pagato più degli altri. Devono smetterla”, conclude.

Per l’economista voluto da Lega-M5S a capo del ministero di Via XX Settembre, "Bisogna chiarire che si sta parlando di revisione di un Trattato e non di giudizio complessivo sul Trattato. La revisione – chiarisce Giovanni Tria - è nata prima del governo in cui ero ministro dell'Economia perché si voleva includere la possibilità di creare una sorta di paracadute finanziario, il backstop". "L'efficienza del fondo Salva-Stati – continua l’ex ministro - è di prevenzione anche per assicurare mercati".

Sul Mes è intervenuto anche Paolo Gentiloni: “Non vedo ragioni che possano spingere un singolo Paese a bloccare l'intesa sul Mes", ha aggiunto l'ex premier in un'intervista al Corriere della Sera. "La posizione italiana la chiarirà il presidente del Consiglio lunedì alle Camere", ha spiegato Gentiloni, "da Commissario europeo posso dire che la riforma di cui si parla è stata fatta per introdurre un ombrello protettivo in caso di crisi bancarie non gestibili con gli strumenti attuali. Si tratta di un obiettivo positivo. Le modalità sono state negoziate tra l'autunno del 2018 e il giugno 2019". Il neo commissario ha sottolineato che l'ultima parola, "spetterà ai parlamenti". "Sull'Italia mi limito a dire che non ha bisogno di ombrelli, nè per le sue banche, nè per il suo debito, che va ridotto ma è perfettamente sostenibile", ha assicurato, "invece, descrivere l'intesa sul Mes come un rischio o addirittura un complotto contro l'Italia può alimentare rischi sui mercati che oggi non esistono".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 01/12/2019 - 19:29

Meglio Tremonti, anche se in passato non mi ha mai incantato.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Dom, 01/12/2019 - 20:26

Tria come i nazisti al processo di Norimberga: "Obbediva agli ordini" E non tradiva il Tiranno.

venco

Dom, 01/12/2019 - 20:33

Conte lavorava per il Pd anche quando governava con la lega.

killkoms

Dom, 01/12/2019 - 23:06

l'ingentilone dice che l'ultima parola spetterà ai parlamenti?ma perché gli €-amici parlano di "accordo non modificabile"?

UnBresciano

Lun, 02/12/2019 - 02:49

Ma se gentiloni dice che è tutto OK di cosa ci preoccupiamo?

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 02/12/2019 - 11:20

donc, pagre 125 miliardi al mes è come strapagare una squillo senza poterne avere i servigi ed in più sottomettersi ai suoi voleri!!