Uomini (dem) che odiano l'impresa

C' è da restare basiti dinanzi alle dichiarazioni dell'ex segretario del Partito democratico, Pierluigi Bersani, in tema di rimborsi alle imprese costrette a fermarsi a seguito del Covid-19.

C'è da restare basiti dinanzi alle dichiarazioni dell'ex segretario del Partito democratico, Pierluigi Bersani, in tema di rimborsi alle imprese costrette a fermarsi a seguito del Covid-19. Sollecitato da Giovanni Floris, conduttore del programma Di martedì, questo politico di lungo corso della sinistra italiana ha affermato che è meglio lasciar cadere ogni ipotesi di indennizzo, e questo in virtù del fatto che saremmo di fronte soltanto a evasori.

Gli argomenti di Bersani persuaso che quanti ora sono in ginocchio non meritino nulla sono offensivi, risibili e contraddittori. Egli ha sostenuto che le aziende potrebbe ricevere un aiuto «se fossimo uno Stato normale», perché allora si potrebbe anche valutare di destinare alle aziende chiuse il 50% di quanto hanno dichiarato l'anno scorso. Poiché invece l'Italia è un Paese di evasori, meglio lasciar perdere. Eppure, seguendo lo schema di Bersani, come si aiuterebbe un evasore dandogli il 50% di quanto ha dichiarato allo Stato? Quell'ipotesi non sosterrebbe chi evade, ma semmai chi paga.

Per giunta, è allucinante che vi sia chi sostiene che il medesimo Stato che ha costretto le imprese a fermarsi (con il lockdown e con le altre misure) dovrebbe ora ignorare le conseguenze delle sue decisioni. Per Bersani tutti gli imprenditori riuscirebbero in qualche modo a evitare le gabelle del sistema tributario, ma non è così, dato che lo Stato spreme le aziende come i dipendenti, i professionisti come gli artigiani, i negozianti come gli albergatori. Quelle parole lasciano poi intendere che il semplice fatto di compiere un'attività privata rappresenterebbe la prova evidente di essere una persona scorretta, e quindi non meritevole di nulla.

È inammissibile che milioni di cittadini che rischiano ogni giorno del loro vengano offesi in tal modo proprio da chi, in sostanza, da vari decenni vive di politica e quindi prospera grazie ai soldi che gli imprenditori piccoli e grandi sono costretti a consegnare a questo Stato vorace. Per riprendere le parole di Bersani, «se fossimo in uno Stato normale» quanti appartengono al vasto parassitismo politico-burocratico userebbe parole più rispettose nei riguardi di chi tira la carretta.

Si è capito da tempo che vi è una sinistra che adora le cartelle esattoriali perché da lì trae i propri privilegi, ma questo aperto disprezzo verso chi lavora e intraprende lascia davvero stupefatti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Enne58

Ven, 23/10/2020 - 17:21

Pensavo che era uno dei pochi corretti, invece è semplicemente uno di sinistra, che vede solo evasori e non persone che creano posti di lavoro, rischiano in proprio, e non hanno nessuna tutela, ma contribuiscono a mantenere uno stuolo di nullafacenti che, loro si che scadono, il lavoro

trasparente

Ven, 23/10/2020 - 18:05

Chi non lavora, ha meno entrate quindi sarà costretto ad intaccare il suo gruzzolo in banca e quando avrà finito i soldi non potrà più pagare le tasse. Lo Stato incomincerà a pignorargli tutto, dall'auto alla casa, e alla fine lo butterà fuori come un oggetto usato. E' questo che si meritano i cittadini italiani che hanno lavorato e servito la Nazione per una vita?

lorenzovan

Ven, 23/10/2020 - 18:08

difatti a sinistra son tutti stupidi..pensano che le tasse le paghino i disoccupati e i barboni..ma quando la finirete con sti articoli buoni per le vispe terese e i sor pampurio ???

CarloLinneo

Ven, 23/10/2020 - 18:48

Vorrei sapere dove la destra, che a differenza della sinistra le tasse le odia, dove prenderebbe i soldi per far funzionare il carrozzone statale.Forse dalle vincitre al lotto? Grazie.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 23/10/2020 - 19:09

Bersani punta al Quirinale e spera nel miracolo. Almeno così si dice vicino a casa sua. Noi pregheremo perché continui a vivere tranquillo e con la sua ricca pensione, ma anche perché non ci ricapiti di vederlo al potere, pure se in un modo particolare.

cir

Sab, 24/10/2020 - 11:10

finalmente uno di sinistra che ragiona. !!

cgf

Sab, 24/10/2020 - 12:01

Quello che non arriva a pettinare le bambole, che immancabilmente gli levano la briscola e rimane col due, colui che invece del cane si porta la mucca e sta bussando in corridoio, riconosce che quando piove, piove per tutti ed il maiale non è solo prosciutto, soprattutto quanto sia difficile rimettere la pasta dentifricia dentro il tubetto, che quando beve non dimentica chi ha scavato il pozzo, L'INFALLIBILE BERSANI dimentica che il mondo non è solo quello che ti circonda, se ha a che fare con gente come descrive, non generalizzi, è noto quanto non sia mai stato capace di guardare oltre...

killkoms

Sab, 24/10/2020 - 12:45

lorenzovan,ma intanto fare impresa in Italia è un'avventura!era di sinistra anche quel piccolo imprenditore che in un libro, "Volevo solo vendere la pizza. Le disavventure di un piccolo imprenditore" (con prefazione di tale travaglio),ben descrisse a cosa va incontro chi in Italia vorrebbe lavorare per conto proprio!

Divoll

Sab, 24/10/2020 - 15:02

Se e' per questo, adesso odia anche pensionati, lavoratori, poveri e senzatetto (a meno che non siano stranieri).