Vendola viene abbattuto dall'aeroporto

«Nichi Vendola ( nella foto ) ma tu da che parte stai? È ora di finirla con il gioco del cerino». Con queste parole il sindaco di Foggia Franco Landella ha lanciato un ultimatum al presidente della Regione Puglia e leader di Sinistra, ecologia e libertà. Il nocciolo del contendere è l'aeroporto Gino Lisa, per il quale una delegazione pugliese si è recata a Roma dal viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini per inserire lo scalo tra quelli ad interesse nazionale. Un «tessere la tela» a favore della Puglia che il numero uno della Puglia e di Sel avrebbe invece distrutto con una lettera dove, secondo Landella «in poche righe mette in discussione quanto detto a Roma dalla delegazione pugliese. Il governatore si stupisce del fatto che Aeroporti di Puglia e Regione avrebbero dovuto formulare un'istanza formale ed ufficiale, eppure dovrebbe conoscere bene l'iter». Aggiunge Landella: «Leggendo la scarna lettera di Vendola si direbbe che per lui e la sua giunta, il Gino Lisa sia solo un intralcio del quale liberarsi in fretta. Se è così abbia almeno il coraggio di dirlo apertamente».

Commenti

Grazie per il tuo commento