Venezuela, Di Battista contro Salvini: "Parla come Macron e Saviano"

L'attacco dell'esponente grillino contro il vicepremier: "Firmare l'ultimatum UE al Venezuela è una str..."

Durissimo attacco di Alessandro Di Battista a Matteo Salvini. E sulla crisi in Venezuela, l'alleanza di governo scricchiola.

Nel giorno più difficile dal suo ritorno in Italia, con la notizia del padre che avrebbe fatto lavorare un dipendente in nero, Di Battista passa al contrattacco. E mette nel mirino il vicepremier della Lega con un post su Facebook.

"Firmare l'ultimatum UE al Venezuela è una str... megagalattica. E' lo stesso identico schema che si è avuto anni fa con la Libia e con Gheddafi. Identico", comincia il duro e puro dei 5 Stelle. Una risposta chiara a Salvini, che in giornata aveva dichiarato: "Francia, Spagna e Germania hanno fatto bene a chiedere elezioni perché Maduro sta piegando con la violenza e con la fame un popolo. Spero che anche il governo italiano abbandoni ogni prudenza e sostenga il popolo venezuelano".

Proprio a Salvini, poi, "Dibba" rivolge le parole più dure: "Mi meraviglio di lui: fa il sovranista a parole ma poi avalla, come un Macron o un Saviano qualsiasi, una linea ridicola". Un riferimento non casuale a due dei nemici dichiarati del leader leghista. "Il Movimento non ci sta. E Salvini sarebbe l'uomo forte contro i parrucconi dell'Unione Europea?", l'accusa.

Infine la proposta lanciata al resto del M5s, e all'esecutivo tutto: "Il governo deve esclusivamente dichiarare che serve una soluzione politica appoggiando il tentativo di Messico e Uruguay di mediare nella crisi venezuelana".

Pochi minuti prima dell'intervento di Di Battista, un altro pezzo da 90 dei 5 Stelle, Carlo Sibilia, aveva parlato di Salvini annunciando il sì del Movimento nella giunta per le immunità parlamentari del Senato alla richiesta di rinvio a giudizio inoltrata dal tribunale dei ministri di Catania sul caso Diciotti. Forse non è un caso: Salvini è nel mirino dei grillini.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.