I pm danno ragione a Fontana: "Zona rossa? Spettava al governo"

Il governatore ascoltato in procura a Bergamo come persona informata sui fatti, la pm gli dà ragione: "Spettava al governo chiudere di Alzano e Nembro"

Non cambia la linea Maginot della Lombardia: se la Val Seriana non è diventata "zona rossa", le colpe vanno cercate a Roma e non al Pirellone. Lo ha ripetuto oggi Attilio Fontana ai pm della procura di Bergamo che indagano sui decessi nella Bergamasca. Era "pacifico", ha ribadito il governatore, che quella decisione "spettasse al governo". Una ricostruzione che a quanto pare ha convinto anche il procuratore facente funzione di Bergamo, Maria Cristina Rota, che ai microfoni del Tg3 ha fornito un assist forse inaspettato al centrodestra. A chi gli chiedeva a chi spettasse la decisione di istituire la zona rossa, infatti, la pm ha risposto senza mezzi termini: "Da quello che ci risulta è una decisione governativa".

La partita inizia a metà mattina, quando Fontana arriva di fronte ai portoni della procura con la scorta assegnatagli a causa delle ripetute minacce ricevute. Ad attenderlo c'è un gruppo di contestatori, tenuti a distanza dalla polizia in tenuta anti sommossa. L'audizione dura oltre due ore e nel segreto delle stanze i magistrati ripercorrono i primi giorni del contagio con le stesse domande rivolte ieri a Giulio Gallera. "Noi aspettavamo Roma, fino all’inizio di marzo avevamo sempre proceduto d’accordo con il governo su quel tipo di provvedimenti", aveva spiegato l'assessore al Welfare, precisando di aver verificato solo tempo dopo che la Regione avrebbe potuto operare di propria iniziativa. "Ma in quella fase - è la tesi del Pirellone - ci eravamo sempre relazionati con l’esecutivo e con l'Istituto superiore di sanità".

Sia Gallera che Fontana avrebbero inoltre smentito di aver ricevuto pressioni da parte del mondo economico locale per evitare il blocco delle fabbriche. Un tema che però i pm intendono approfondire e per questo hanno già convocato il presidente regionale di Condindustria, Marco Bonometti. L'indagine intanto sembra destinata ad allargarsi. Sono diversi infatti i passaggi che devono ancora essere chiariti. La procura dovrà far luce su quella richiesta del 3 marzo inviata dalla Regione al governo attraverso il Comitato Tecnico Scientifico in cui si evocavano misure più restrittive. Una ipotesi, visto l'alto numero di contagi, sollecitata anche degli scienziati ma ignorata da Palazzo Chigi, che invece deciderà, diversi giorni dopo, di chiudere l'intera Lombardia. "È indegno convocare Fontana in Procura", ha detto oggi Salvini dimostrando che la ferita è ancora aperta. "A questo punto perché non convocare il presidente del Consiglio, visto che la zona rossa era di sua competenza?".

I magistrati stanno "svolgendo indagini serrate" sui vari fronti della gestione dell'emergenza coronavirus nella Bergamasca. Non solo la mancata "zona rossa", ma anche la chiusura dell'ospedale di Alzano (durata solo poche ore) e la strage nelle Rsa. Sul nosocomio Gallera ha raccontato di aver ricevuto rassicurazioni sulla sanificazione e sul fatto che potesse restare aperto per gestire le emergenze. Una ricostruzione confermata anche da una fonte della task force al Giornale.it, secondo cui la chiusura del Pronto soccorso dopo i tanti contagi già registrati "sarebbe stata inutile". Staremo a vedere. "La seconda tappa - spiegano infatti i pm - sarà accertare se vi sia stato nesso di causalità tra i fatti come ricostruiti e gli eventi e, in caso affermativo, stabilire a chi fanno capo le responsabilità. Si tratta di indagini lunghe e complesse che richiederanno tempo. Vi è da parte della popolazione bergamasca richiesta di giustizia e vi è il dovere nostro di accertare i fatti facendo la massima chiarezza su essi, la cui valutazione sarà operata con particolare attenzione tenuto conto di tutte le particolarità della delicata situazione". I magistrati chiedono quindi "serenità" per lavorare "in pace". Ma la partita è anche politica. E lo scontro si preannuncia infuocato.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 29/05/2020 - 18:30

e questo dimostra definitivamente le colpe di conte, di tutto il governo della sinistra e del M5S! :-) i babbei comunisti grulli queste cose non le vogliono proprio capire! sono talmente ottusi che una montagna di roccia è morbida al confronto....

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 29/05/2020 - 18:37

Certamente la maggioranza degli Italianista dalla parte di Fontana.

florio

Ven, 29/05/2020 - 18:37

Le pressioni di Confindustria e delle relative società Bergamasche ci sono state eccome, ma il lamento era destinato a Roma, al governo centrale che, di sua sponte ha richiamato i militari precedentemente inviati dietro richiesta della Regione Lombardia. Il coro di non voler chiudere si manifestò subito dopo con le passerelle del sindaco Gori e della mogliettina al grido di Bergamo non si chiude, per poi (dopo il danno avvenuto)scusarsi per avere invitato la popolazione alla non chiusura. Cosa poteva fare la Regione a fronte di questa opposizione, sapendo poi come ha detto giustamente Fontana, che la chiusura per zona rossa spettava al Governo e al Ministro dell'Interno, per l'invio delle forze militari da cui dipendono. Ops, Salvini non c'era che peccato, prendetevela con Conte e la Lamorgese contestatori sinistri!

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 29/05/2020 - 18:41

Certamente la maggioranza degli Italiani sta dalla parte di Fontana.

ambrogiomau

Ven, 29/05/2020 - 18:44

Sia Enrico Mentana su LA 7 e Barisoni su RADIO 24 accusano platealmente la gestione sanitaria della Lombardia con termini che praticamente già sentenziano una ampia condanna.

Superciuck58

Ven, 29/05/2020 - 18:52

Ma dai almeno si mettessero d’accordo tra lui e Gallera, siate onesti invece di non prendervi le vostre responsabilita’ senza scaricare a terzi le decisioni che potevate prendere in autonomia , almeno Gallera in tutta onesta’ l’aveva detto......allora vediamo di capirti i meriti sono i vostri le colpe del governo giusto?

Ritratto di rapax

rapax

Ven, 29/05/2020 - 18:53

Ecco gli sgherri da strada a busta paga sinistra pd ecc puntuali come la morte! Ovv nessuno che aspetti qualche esponente governativo con la bava alla bocca

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Ven, 29/05/2020 - 18:54

I parenti delle migliaia di vittime sanno perfettamente come sono andate le cose, i magistrati accerteranno le responsabilità, io ho fiducia che la verità verrà a galla. Mi stupisce che l'assessore alla Sanità dica di aver saputo soltanto dopo che se avesse voluto la Regione avrebbe potuto intervenire di sua iniziativa. Ma che ci sta a fare?

mariobaffo

Ven, 29/05/2020 - 18:57

Premesso che la Lombardia ha già subito una condanna puramente politica e poi quella della magistratura rossa ,da fastidio , sbagli sicuramente in questa emergenza se ne sono fatti, ma non solo in Lombardia anche nelle altre regioni, la Lombardia in più ha avuto una esplosione di casi tutti insieme anche causa della densità demografica più del doppio di altre regioni in più migliaia di migranti per lavoro e studio dal sud.

Ritratto di falso96

falso96

Ven, 29/05/2020 - 19:03

Come sempre ai sinistri quando fai vedere la luna loro guardano la punta del dito, ma non perchr sono rimbambiti, perchè glielo hanno insegnato, che è peggio.

florio

Ven, 29/05/2020 - 19:06

@ambrogiomau, lei ha elencato due soggetti super partes, certo se la sentenza arriva da LA 7 e RADIO 24 noti per la loro appartenenza siamo sicuri che la Regione Lombardia è colpevole a prescindere, mentre le Regioni rosse sono prive di colpe, come il Governo Conte. L'Italia dei valori e della giustizia. Magistratura Democratica non ha insegnato nulla, come mai i suddetti non ne parlano? Il silenzio di certa stampa al riguardo (Repubblica, Il fatto Quotidiano), è assordante!

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Ven, 29/05/2020 - 19:15

Chissà perché il governo prima manda i militari per istituire la zona rossa e poi li ritira, e questo è un dato di fatto incontrovertibile .... chissà, mistero

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Ven, 29/05/2020 - 19:15

falso96 - una analisi perfetta, particolarmente indicata per l'argomento trattato, che desume una onestà intellettuale e una profondità di pensiero degne dei migliori commentatori.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Ven, 29/05/2020 - 19:22

"Cioè, avremmo potuto farla noi, ho approfondito l’indicazione che lei mi ha dato ieri… esatto, sì sì…ma voglio dire…”. (Giulio Gallera ad Agorà).

claudioarmc

Ven, 29/05/2020 - 19:25

Conte e il suo governo sono i veri responsabili in quanto da Costituzione solo loro hanno gli strumenti per intervenire Come ha detto ieri lo stesso Boccia le regioni non hanno l'autorità di limitare gli spostamenti delle persone (Art. 120), in caso di emergenza sanitaria la profilassi è in carico allo Stato (Art. 117,q,2°)e non hanno l'autorità di comando su Polizia Carabinieri e tanto meno Forze Armate.

Ritratto di Nahum

Nahum

Ven, 29/05/2020 - 19:25

Povero Fontana, l’hanno lasciato,solo e non gli hanno dato nessun potere ...lui che c’entra? In fondo è noto che il nostro Attilio non ha vita propria ma dipende dalle istruzioni del suo capitano Salvini ... posso sbagliarmi ma in un quadro di errore generalizzati (anche del governo quindi) la Lombardia esce con le ossa rotte da questa storia di impreparazione pressappochismo

necken

Ven, 29/05/2020 - 19:29

pochi fatti e molte polemiche; bisognerebbe rieducare tutta la classe politica ad essere proattiva e non scaricabarile. La classe politica deve essere selezionata per offrire il meglio delle proprie capacita intellettive e mettersi al servizio del Paese e non usare i media in funzione della loro carriera o per infangare gli avversari politici

porcorosso

Ven, 29/05/2020 - 19:32

Rispondo in un momento di pausa...(sto aspettando risposte dalla Sig.ra von der Leyen su fondi Europei che mi spettano da due anni e che sono al momento "parcheggiati" non so dove dal governicchiolo italiano, ma anche Lei non risponde...devo proprio scrivere al premier Olandese): il governo della Lombardia doveva prendere decisioni quando persone sicuramente meglio informate (solo per conoscere a memoria il capitale di marx) andavano a cena al cinese e non rinunciavano agli aperitivi, ed invitavano a fare altrettanto sui social: o mettiamo in galera chi diffonde falsi consigli o chiudiamo i social....per buona pace dei nemici del Donald.

Ritratto di franco_G.

franco_G.

Ven, 29/05/2020 - 19:35

La linea Maginot della Lombardia farà la stessa fine di quella della Francia.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Ven, 29/05/2020 - 19:41

Fontana lo ha smascherato! Conti si deve dimettere!

Nicola48ino

Ven, 29/05/2020 - 19:43

Figurarsi se non c'era la claque rossa, solo il divieto di assembramento ha tenuto lontano i compagni, altrimrnti facevano pullman pure dalla Sicilia. Pidioti fate qualcosa di utile non andate a votare che dove governate voi solo fame e mcerie.

cecco61

Ven, 29/05/2020 - 19:45

Conte ha detto chiaramente che qualsiasi decisione andava presa di comune accordo e, anche per le riaperture, qualsiasi delibera delle Regioni sarebbe stata illegittima. Che dire poi di Arcuri che sequestrava le mascherine alle RSA lombarde (già pure pagate) per girarle agli ospedali di Roma e del resto di Italia? Solo i comunisti possono far finta di non vedere. Da Nahum a Dreamer66: state sereni, Fontana e Gallera rivincerebbero le elezioni domani mattina. Mentre avrei qualche dubbio su Gori e Sala coi loro Bergamo e Milano che non si fermano proprio mentre la Regione chiedeva più zone rosse. Siete patetici.

zagor1963

Ven, 29/05/2020 - 19:52

il governo andrebbe indagato x il solo fatto di aver rilasciato dichiarazioni che era tutto sotto controllo era una semplice influenza poi non c'erano le mascherine non si può usare 2 pesi 2 misure se un generale sbaglia strategie e non fà avere armamenti non può poi scaricare sui tenenti

Ritratto di Nahum

Nahum

Ven, 29/05/2020 - 19:58

Come era quella canzoncina degli anni 70? “Io non c’ero non sono stato, non sono mai venuti qui, io a quell’ora faccio sempre la pipì”.... ecco abbiamo bisogno di Johnny il bassotto ...

cgf

Ven, 29/05/2020 - 19:58

Nessun Governatore può prendere iniziative di ordine pubblico come quello di bloccare la libera circolazione delle persone e cose, è competenza del Governo, CONTE BOCCIATO!

Helter_Skelter

Ven, 29/05/2020 - 20:05

Oramai gli indifendibili Fontana e Gallera vengono difesi solo qui dai soliti commentatori. Per il resto anche i loro rispettivi partiti li stanno scaricando, troppo imbarazzanti. Gallera è quello che sostiene che con R=0,5 bisogna entrare in contatto con 2 persone positive al covid per contagiarsi, quindi se incontri 100 persone uno alla volta tutto ok. Gallera è sempre quello che si fa spiegare in diretta tv cosa può e non può fare una regione. Di Fontana meglio non parlare: non è stato capace a chiudere 3 comuni, cosa che hanno saputo fare altri governatori. Capisco chi critica il governo, ma farlo solo per difendere questi due davvero non lo capisco.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Sab, 30/05/2020 - 10:17

Neanche se lo afferma un magistrato? Gi schemi secondari del filosofo ed epistemologo austriaco Karl Popper (molto ben visto a sx, peraltro..) per darsi comunque ragione proliferano in chi vuole darsi comunque ragione. Conte si sentirà sollevato dopo questa notizia dopo essere andato nelle zone colpite pesantemente dal covid 19 con qualche mese di ritardo e di notte? É bene lasciar lavorare i magistrati (non come sostiene un certo forcaiolo di quella categoria, bensì secondo le regole che discendono da principi costituzionali fra cui l'art. 27)..

mcm3

Sab, 30/05/2020 - 10:19

Mi domando perche' il Governatore Fonayana continua a scappare dalle sue responsabilita', cerca continuamente scuse, come e' possibile che ci si gente che lo ascolta, ricordategli che lui governa la Reginie dove ci sono stati e ci continuano ad essere oltre il 50% dei malati e dei decessi, la regione che ha dato la fotografia del nostro paese a tutto il mondo, sarebbe ora che facesse un mea culpa e la smettesse di continuare a scaricare responsabilita'

Jon

Sab, 30/05/2020 - 10:21

Quali PM hanno dato ragipne a Fontana?? L'Ordinanza di Fontana e Gallera per l'invio di Covid Infetti nelle RSA, non protette e prive di tamponi e mascherine, e' un atto CRIMINALE..!! VA punito per STRAGE.

Ritratto di giovinap

giovinap

Sab, 30/05/2020 - 10:27

caro giuseppe de lorenzo, la notizia che i pm danno ragione a fontana ve l'ha "chattata" direttamente palamara? non fateci ridere che non è il momento!

Iacobellig

Sab, 30/05/2020 - 10:31

Infatti è il governo che può gestire militari e forza pubblica e non i governatori.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Sab, 30/05/2020 - 10:38

X mcm3 10.19: incominciamo con l'uno a zero, la magistratura ammette che il compito di istituire zone rosse spettava al governo. Poi, via via, si arriverà ad 2, al 3 ... fino al cappotto completo, a meno che tu non riesca a dimostrare che il covid-19 è stato "costruito" da Fontana, nottetempo, in un laboratorio segreto in Lombardia e poi, da lì diffuso in tutto il mondo.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Sab, 30/05/2020 - 10:43

X Jon 10.21: ti rammento semplicemente che la Lombardia non ha emesso nessuna "ordinanza" di mandare malati nelle RSA, tantomeno di "COVID Infetti" che sinceramente non capisco di che intendi, forse alludi a virus infettanti direttamente nelle RSA? In quanto alle mascherine e tamponi chiedere lumi al governo e al supercommissario arcuri del perché non le ha fornite .... siamo tuttora in attesa.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Sab, 30/05/2020 - 10:49

Giovinap - La dichiarazione l'ha fatta il procuratore facente funzione di Bergamo Maria Cristina Rota ai microfoni della Rai, a poche ore di distanza dalla convocazione del governatore Attilio Fontana, sentito come persona informata sui fatti. Se poi non ci crede nulla contro.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Sab, 30/05/2020 - 10:53

X giovinap 10.27: zone rosse "...da quel che ci risulta è una decisione governativa...." più chiaro di così. Palamara "chattava" con la sinistra e con ben altre note testate giornalistiche, non certo col il Giornale.... Evita di far "piangere" che non è il momento, tanti italiani piangono già del loro senza aver bisogno del tuo impegno.

florio

Sab, 30/05/2020 - 10:58

@scimmietta, ci stiamo provando in tutti i modi a farlo capire a questi sinistri ideolocizzati, ma le assicuro che è più facile insegnare le tabelline a un bambino dell'asilo. E' uan perdita di tempo, neanche di fronte all'evidenza delle cose riescono a valutare le responsabilità. La differenza fra gli elettori di sinitra e di CDX- loro accettano tutto a prescindere,non sbagliano mai. L'elettore di CDX valuta chi governa se fa bene o male e si regola di conseguenza.

Mordechai

Sab, 30/05/2020 - 11:06

La legge 23 dicembre 1978 n. 833 afferma il contrario di quello che dice la PM (ma Gallera candidamente ammise di non conoscerla). Del resto, altre regioni hanno istituito zone rosse senza che il governo facesse niente; perché la Lombardia no? Forse per non contrariare Confindustria?

Gianca59

Sab, 30/05/2020 - 11:08

Io vorrei che i magistrati partissero dall' indagare chi disse che eravamo prontissimi con i risultati che abbiamo visto.

killkoms

Sab, 30/05/2020 - 11:09

@superciuk58,perché i meriti del governo quali sarebbero?

florio

Sab, 30/05/2020 - 11:27

@Mordechai, esattamente il contrario, si legga il mio commento 18,37. guarda caso la PM ha dato ragione a Fontana e torto al Governo Conte. Le responsabilità per la chisura zona rossa spettano al governo centrale.Nel caso di Alzano c'è stata la forzatura di Confindustria e il governo si è arreso richiamando i militari, di certo non poteva farlo Fontana. I militari dipendono dal Ministro dell'Interno che in quel caso non era Salvini...!

Ritratto di giovinap

giovinap

Sab, 30/05/2020 - 11:35

vince50_19 mi fa piacere che la magistratura "tira le somme" degli interrogatori in diretta... ne guadagna la democrazia! poi se a lei piace sognare è legittimo mica la posso svegliare!

cgf

Sab, 30/05/2020 - 11:37

@Helter_Skelter guardi che la "famosa" Costituzione Italiana parla molto chiaro SEMPRE e non solo quando fa il proprio comodo. Lei è indifendibile persino ad un interrogatorio in classe di Educazione Civica, materia insegnata [una volta] a scuola e si partiva proprio dalla Carta.

mcm3

Sab, 30/05/2020 - 11:48

Scimmietta,Florio, non sono io a dover dimostrare che quel che succede in Lombardia, non e' successo da nessuna altra parte, che in Lombardia ancora ci sono oltre il 50% dei casi giornalieri tra nuovi positivi e defunti, se a voi pero' va bene cosi' godetevela, osannate il vostro Governatore ed la sua gestione, ma almeno abbiate il pudore di non abbaiare a chi vuole adottare restrizioni verso le regioni piu' a rischio, a chi non si trova nelle vostre condizioni e vuole ricominciare a fare una vita normale, stanco di essere penalizzato per colpe non sue, ricordatevi che nel mondo non ragionano a regioni ma guardano il numero totale ed il record Lomabrdo ci condanna, leggete l'articolo publicato oggi da questo quotidiano a riguardo della Grecia

antoniopochesci

Sab, 30/05/2020 - 11:53

L'opinione della PM è solo un'opinione fondata ovviamente su una legge. Ecco perché - a differenza del Torquemada Davigo - preferisco aspettare la sentenza, una volta che si sia celebrato un eventuale processo. Non è tollerabile però il crucifige infame scagliato da certi forcaioli contro Fontana, governatore di una Regione travolta per tante ragioni più delle altre dallo tsunami del coronavirus che covava da mesi in quelle zone senza che oggettivamente nessuno esperto potesse accorgersene. Mi attengo però solo ai fatti ed agli atti: il 31 gennaio il Governo proclamò ufficialmente lo stato di pandemia fino al 31 luglio. Domanda che anche un poppante si deve porre: è stato fatto e predisposto di tutto sul piano organizzativo-sanitario per contenere il contagio? Ed a questa domanda che bisogna rispondere, in primis il sig. Conte.

Ritratto di giovinap

giovinap

Sab, 30/05/2020 - 11:54

scimmietta 10,53, menti sapendo di mentire, ti ricorda qualcosa questa affermazione: "Il coronavirus è poco più di una normale influenza" ti chiarisco le idee fumose che hai, lo disse fontana e pubblicato da "il giornale" il 24/02/2020. chi disse "milano non si ferma"! e andò a fare i tour gastronomici dai cinesi? siete solo dei bla bla bla! che dopo aver detto e fatto amenità piagnucolate e date la colpa agli altri!

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Sab, 30/05/2020 - 12:07

giovinap - 11:35 Da non lombardo io mi sono attenuto ai fatti attuali, non altro. Non faccio il forcaiolo così come lei è libero di pensare e dire quel che vuole. Quel che contano, in definitiva, sono le sentenze passate in giudicato, non appellabili. L'art. 27 della costituzione è chiaro in tal senso. Se non lo conosce può sempre leggerselo.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Sab, 30/05/2020 - 12:39

Spettacolo indecoroso all’italiana. Tutti parlano per sentito dire (l’ha detto il PM, lo dice quel politico, ecc.) e nessuno che si prende la briga di studiare la normativa. Ordinanze di carattere contingibile ed urgente in materia di sanità pubblica (sicuramente in caso di epidemie), possono essere assunte sia dal Governo per tutto il territorio nazionale, o parte di esso comprendente più Regioni, oppure le può assumere il Presidente della Regione con efficacia estesa alla Regione o a parte del suo territorio comprendente più comuni; infine possono essere assunte anche dal Sindaco riguardo al territorio comunale. La principale norma di riferimento è l’art. 32 della legge n. 833 del 1978 (Istitutiva del SSN). Certi provvedimenti sarebbe meglio venissero assunti di intesa fra le istituzioni, invece spesso le intese non ci sono, e si gioca a scaricabarile. Uno schifo.

killkoms

Sab, 30/05/2020 - 12:43

@giovinap,poteva andare anche lei all'aperitivo ai navigli!

killkoms

Sab, 30/05/2020 - 12:52

@ilcorvo,e secondo te la ma gistratura dei pala mara e co accetterà la verità?

killkoms

Sab, 30/05/2020 - 13:40

@liberopensiero77,ma con un contingente di militari (carabinieri?) già in zona (e poi ritirato) mandato dal governo (la regione no ha competenze su polizia e carabinieri) doveva poi essere la regione a farsi avanti?

GiacomoP

Sab, 30/05/2020 - 14:23

...e se ne sono accorti finalmente..

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Sab, 30/05/2020 - 17:52

killkoms, guardi che per l'esecuzione delle ordinanze di cui sopra, sia il Sindaco che il Presidente della Regione possono chiedere l'intervento delle forze dell'ordine, il problema non esiste. C’è invece un problema di gerarchia delle fonti normative fra Stato, Regioni e comuni (e delle loro competenze) ad intervenire su una materia delicata che riduce i diritti dei cittadini sanciti dalla Costituzione. La questione è complessa, il Governo è intervenuto con i DPCM ed istituendo in Lombardia una c.d. "zona arancione", non escludendo la possibilità per le regioni e i comuni di intervenire con ordinanze anche più restrittive o di dettaglio, che spesso sono state fatte. Se vuole approfondire può leggersi in rete l’intervista a un docente di diritto amministrativo dal titolo “Sull’uso (e abuso) delle ordinanze emergenziali regionali”, che evidenzia la necessità di riformare il sistema delle Regioni.

killkoms

Dom, 31/05/2020 - 10:46

@liberopensiero77,il governo aveva impugnato alcuni provvedimenti restrittivi delle regioni,come la chiusura delle scuole decisa autonomamente dalla regione Marche.quindi il governo aveva già manifestato la volontà di riservarsi le iniziative in tal senso!e con un contingente militare inviato (e poi ritirato) sul territorio,avrebbe dovuto o potuto fare la regione la zona rossa?

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Dom, 31/05/2020 - 13:10

@killkoms, i provvedimenti amministrativi come i DPCM o le ordinanze sono sempre discrezionali (a meno che non siano previsti per legge), e richiedono che preliminarmente ci sia un'istruttoria tecnica e una valutazione politica. Quindi si tratta di una possibilità, e non di un obbligo.