Viaggi fuori Regione solo da fine mese

La data da tenere d'occhio per chi sta aspettando di potersi spostare nelle seconde case nelle regioni diverse da quelle di residenza o per chi vuole sconfinare per altri motivi, è il 25 maggio

Viaggi fuori Regione solo da fine mese

La data da tenere d'occhio per chi sta aspettando di potersi spostare nelle seconde case nelle regioni diverse da quelle di residenza o per chi vuole sconfinare per altri motivi, è il 25 maggio. Quel giorno, secondo le ultime indiscrezioni trapelate da fonti del governo, dovrebbero ripartire i viaggi interregionali. Non in tutto il Paese, però, ma soltanto nei territori dove i contagi sono più contenuti. Sarà decisivo l'indice R con zero che verrà rilevato dopo il 18 maggio. Soltanto se resterà sotto controllo sarà possibile autorizzare gli spostamenti tra regioni. L'ipotesi a cui si sta lavorando, al momento prevede che i primi a muoversi liberamente siano gli abitanti delle regioni del centro sud, dalla Toscana in giù, dove l'epidemia ha rallentato di più. In Lombardia e Piemonte, invece, potrebbero essere mantenute misure più restrittive ancora per un po'. Potrebbe essere necessario per muoversi liberamente tra un territorio e l'altro portare con sé un certificato di test sierologico negativo effettuato una settimana prima per dimostrare di non essere entrati in contatto con il virus. In attesa che la app Immuni sia operativa, alcune regioni stanno pensando di creare delle app di tracciamento locali da scaricare quando si entra. Attualmente gli spostamenti oltre confine sono previsti solamente per comprovate ragioni di lavoro, salute o assoluta urgenza. Autocertificazione alla mano. E non è ancora possibile cambiare regione per andare a trovare i congiunti. Valgono le ultime disposizioni previste dal Dcpm del 26 aprile. Dal 18 maggio, però, dovrebbe essere concesso il trasferimento nelle seconde case che si trovano nella regione di residenza. Già possibile a breve visitare i congiunti nelle zone di confine tra il Veneto e la Provincia di Trento.

Commenti